Image default
Recensioni Revolution

Revolution | Recensione 2×19 – Shit Happens

Come ho già detto e ribadito più volte, continuare a rimandare gli episodi è l’idea peggiore che la NBC potesse mai avere. Non è di certo una serie tv dalla trama complessa o particolarmente articolata, in quanto soprattutto questa seconda stagione segue un filo logico molto preciso e facilmente comprensibile, ma comunque ha una trama orizzontale definita e se si lascia passare troppo tempo da una puntata all’altra, secondo me, non si fa altro che danneggiare ancora di più gli ascolti.

Ammetto di avere la memoria di un pesce rosso e di avere difficoltà a ricordare anche eventi poco rilevanti magari accaduti in un episodio precedente visto una settimana fa, quindi non faccio molto testo, ma con i continui flashback e richiami a situazioni passate, facendo passare troppo tempo tra le puntate alla fine si perde il senso di parecchie situazioni lasciate a metà. E’ il caso di questo episodio, in cui un evento del passato ci è stato chiarito e, per quanto irrilevante sia ricordare in che contesto fosse successo, magari riuscire a ricordarselo non sarebbe stato male.

Ad ogni modo, è stata furba la scelta di distanziare così tanto proprio questa puntata che, a differenza di tutte le altre passate, mostra più un lato moralistico che strettamente connesso alla trama di per se. Non è avvenuto niente di particolarmente eclatante, eppure, mi ha colpito parecchio.

shit

Episodio particolarmente “sfiga-centrico” che, come ho già accennato, ha una morale ben precisa. Il titolo scelto, infatti, non poteva essere migliore di questo, basti pensare all’ironia di quando Miles cade dalla carrozza perché le ruote incorrono nel pezzo di un paraurti sul quale c’è attaccato un adesivo con su scritto proprio ‘shit happens’, oppure quando poco dopo cade in uno scantinato e il resto della casa lo travolge, coprendo la sua unica via di scampo. Mi rendo conto che raccontate in questo modo entrambe le situazioni potrebbero risultare comiche, e non nego che in un certo senso lo sono state, ma il modo in cui sono state rese ha infuso sì una buona dose d’ironia alle scene, ma anche di drammaticità, che ho apprezzato parecchio.

Non è stato l’unico ad avere un pessimo faccia a faccia con la sfortuna, e approfondirò il discorso più avanti, ma credo sia necessario discutere del fatidico evento mostratoci in un flashback – e che, come ho già detto, non ricordo in che contesto sia successo in passato, purtroppo. Ricordo bene la scena di Miles che dà fuoco alla baita e anche di aver pensato che non c’entrasse nulla in quell’episodio, ma ora comunque sappiamo cos’è successo davvero. Rivedere Ben e sentire le sue parole, nonostante non fosse davvero lui, mi ha intristito parecchio e, per quanto adori Miles, non sono riuscita a biasimarlo.

nanot

Inutile dire, quindi, che le protagoniste indiscusse di questa seconda parte della stagione sono le nanocellule. Andando avanti con gli episodi, si rivelano essere sempre peggiori di quanto si possa minimamente immaginare e non nego che Aaron inizia a farmi una certa tenerezza, sebbene mi sia sembrato alquanto deluso nel venire a sapere da loro che non è l’unico a cui si sono palesate. Infatti, come spiega ‘Priscilla’, hanno eseguito diversi esperimenti, valutando migliaia di umani. Sorvolando sul fatto che Priscilla nanotech mi inquieta parecchio, lo sviluppo di queste microcellule sta procedendo fin troppo velocemente e in modo sbagliato. Viene da chiedersi, quindi, per l’ennesima volta, che cosa ci sia di errato in loro, ma nemmeno Aaron che le ha create sa come contrastarle e credo che non avremo mai la possibilità di venirlo a scoprire. Ad ogni modo, tornando al discorso del karma, è stato a dir poco epico il voltafaccia nei confronti del loro creatore, per quanto continui a fare fatica a capirle. Intanto, come può una cellula robotica desiderare di provare emozioni umane? Anzi, più che di emozioni vere e proprie si parla di esperienze umane, visto che il discorso di Aaron non fa una piega e loro, in risposta, non hanno fatto altro che snobbarlo e rispondergli a tono. Diventa sempre più assurda questa situazione, eppure più passa il tempo e più mi incuriosisce. Spero che si venga a capo delle loro reali motivazioni entro la fine della stagione.

a b

Ci si può dimenticare di qualsiasi evento poco rilevante, ma così come la morte di Denny ancora non mi è andata giù, credo che non accetterò mai nemmeno quella di Jason. Per quanto inutile sia stato in determinati contesti, la sua storia con Charlie era epica e sfido chiunque a dire il contrario! Gli bastava guardarsi negli occhi per capirsi e il modo in cui si guardavano faceva sussultare il cuore, cosa di cui si è resa conto anche Charlie, ma troppo tardi. Non avrebbe potuto fare nulla per evitargli di morire e, dal confronto con Neville, è risultato palese quanto soffra per ciò che è successo, ma non toglie il fatto che sia successo comunque e che non si può tornare indietro. Così come non potè evitare la morte del fratello, non ha potuto evitare nemmeno quella del ragazzo di cui era innamorata. Tramite il flashforward abbiamo già notato che è scattato qualcosa in lei, quindi, a questo punto spero almeno che tutto ciò la porti a cambiare in meglio, così come accadde dopo la morte di Denny. Comunque, la reazione di Neville quando ha capito che il figlio è morto, mi ha spezzato il cuore e sono curiosa di sapere come si comporterà in futuro, se deciderà di continuare a cercare Monroe per salvare sua moglie o se si schiererà con lui per vendicare Jason contro i patrioti. In ogni caso, sono certa che sarà interessante come sempre.

2

Tutto questo è indubbiamente interessante, ma quanto sia irrilevante, almeno per il momento, non vogliamo nemmeno fare un piccolo accenno al fatto che Monroe sia stato con Rachel? Non sapevo se essere più stupita dalla notizia o concedermi una grossa risata; nel dubbio, ho fatto entrambe le cose e, non contenta, ho rivisto la scena almeno una mezza dozzina di volte. Intanto, mi viene da dire che davvero Sebastian Monroe è facilmente shippabile con chiunque ed è assurdo, ma a parte questo…Che problemi ha che deve farsi sempre le donne di Miles? Prima Emma, poi Rachel. Se ci sarà mai una terza stagione e si verrà a sapere che è stato anche con Nora, dico fin da ora che non ne rimarrei sorpresa.

3

E voi che ne pensate di questo episodio?

Se non lo avete già fatto, vi ricordo di mettere ‘mi piace’ alle pagine facebook italiane dedicate a questa meravigliosa serie tv:

Revolution Italia – Il primo sito italiano
Revolution Italia

Infine, eccovi la preview del prossimo episodio, dal titolo “Tomorrowland”. SPOILER!

https://www.youtube.com/watch?v=-uDe7J4bf_c

Related posts

Blindspot | Recensione 2×06 – Her Spy’s Harmed

Gnappies

Nikita | Recensione 2×17 – Arising

Chiara

Reign | Recensione 1×03 – Kissed

xsunsetbeauty

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.