Image default
Off Topic

Quando Aristotele e Dante Scoprirono L’Universo

Sono un fedele sostenitore del fatto che anche l’occhio vuole la sua parte, e un po’ con Aristotle and Dante Discover the Secrets of the Universe è stato così. Mi era capitata tra le mani la copia del libro in traduzione italiana, ma così come lo presi in mano lo riposai sullo scaffale e poi successe il misfatto, Amazon me lo suggerì e la storia prese tutta un’altra piega.

Un libro con una copertina tanto meravigliosa non poteva di certo essere una ciofeca, doveva racchiudere qualcosa di prezioso… e in fondo, così è stato!

Prima di questo libro non avevo mai letto nulla di Benjamin Alire Sàenz (ora btw ne ho già letto un secondo altrettanto meraviglioso!), e non sapevo minimamente se la lettura del libro in lingua originale fosse difficile o meno, ma accettai la sfida!
Vuoi un po’ perché la storia sin dalla seconda pagina è talmente intrigante o vuoi perché ero talmente curioso di scoprire il motivo per cui tutti parlavano così bene del libro, lo finii in poco meno di 3 giorni, e ora posso assicurarvi che il livello di inglese che vi serve per leggerlo in lingua originale è veramente basso, quindi state sereni, a forza di guardare serie tv potete tranquillamente leggerlo (oppure potete leggerlo in italiano… anche se quella copertina è un obbrobrio!)

A parte questo posso dirvi che c’è solo un modo di descrivere questo libro: WOW!

Il racconto è narrato dalla prospettiva di Ari, un ragazzo tranquillo che si è chiuso dentro di sé a causa di tutto quello che gli succede attorno, il fratello infatti è in carcere, ha una madre in fase denial e un padre condannato dalla guerra. Questo però finchè l’universo non lo fa incontrare con Dante. Dante è complesso, intelligente, forse speciale. La sua diversa visione del mondo trasforma Ari, trasforma la loro amicizia e il mondo che li circonda.

Quello che troviamo in queste pagine è un racconto speciale, qualcosa di profondo, qualcosa di non sempre lineare ma in grado di emozionare anche il cuore più duro.

Che altro dirvi per spingervi a leggerlo? Beh, quello che non ho detto qui lo trovate nella mia videorecensione qui sotto e se ancora non lo avete letto posso fare solo una cosa, intimarvi ad andarlo a comprare al più presto!

LEGGETELO!

Related posts

Il Trono di Spade e gli effetti speciali

A Natale puoi… anche sforzarti di essere una persona empatica

Emily Wolf

The Cry: Tra romanzo e miniserie – Stessa storia, voci differenti

WalkeRita

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.