Image default
Newport Beach Rubriche & Esclusive

Newport Beach | 1×07 – Troubles Can Ring a Bell

NEWPORT BEACH
EPISODI PRECEDENTI

1×01 – A New Beginning
1×02 – The Day After
1×03 – Old Faces
1×04 – The Fundraising Night
1×05 – The Truth About Me
1×06 – A Chrismukkah Miracle

1×07 – TROUBLES CAN RING A BELL



Harbor School - Esterno

sienna kimberly

KIMBERLY
(voltandosi verso sinistra dove
c’è la sua migliore amica)
Sei pronta?

SIENNA
(tirando un sospiro per farsi coraggio)
Andiamo!

Per Sienna è il giorno del rientro a scuola dopo il tragico gesto di quella maledetta sera. Dall’ultima valutazione psichiatrica di un paio di giorni fa, è emerso che la ragazza è perfettamente cosciente ed in salute e, secondo il parere dei medici, non c’è pericolo che possa commettere nuovamente una sciocchezza simile. Per sua stessa decisione, ha fatto trascorrere solamente una quarantina di ore prima di tornare a scuola. Ha una gran voglia di lasciarsi quella brutta storia alle spalle e pensa che ricominciare a vivere sia il modo migliore per farlo. Ora, però, nel cortile della Harbor, quella sicurezza è quasi del tutto svanita. E’ spaventata. Non sa da cosa, esattamente, ma è spaventata. Sarà forse la consapevolezza di dover affrontare quegli sguardi, quei bisbigli che la seguiranno passo dopo passo, quelle domande poco opportune. Grazie al cielo c’è Kimberly con lei quella mattina. Non che ci fossero dubbi su questo. Non l’avrebbe mai lasciata affrontare quel branco di squali da sola. “Io per te, tu per me”, è sempre stata questa la loro filosofia. Non è certo il momento migliore per cambiarla!

Sienna fa un passo in avanti e Kimberly la segue immediatamente. Un attimo per prendere l’ultima boccata di coraggio e le due ragazze iniziano a camminare verso la porta d’ingresso principale della Harbor, accompagnate da decine e decine di occhi che aprono e chiudono la loro strada, come a formare il lungo tappeto rosso di una qualche manifestazione cinematografica.

Pontile

alex

In quella mattinata soleggiata ma non eccessivamente calda, dato il periodo dell’anno, Alex sta per recarsi in ufficio. Prima, però, come da tradizione per coloro che lavorano in commissariato, è passata al bar sul pontile per comperare delle ciambelle e dei caffè da portare ai suoi colleghi. Lo fanno una volta ciascuno. E’ un modo come un altro per fare gruppo e sentire di poter contare l’uno sull’altro, cosa che in un lavoro come quello è di fondamentale importanza. Alex, dopo aver ordinato, è alla cassa a pagare, quando si sente chiamare da una voce alle sue spalle.

seth

SETH
Alex!

ALEX
(voltandosi e vedendolo)
Ehi, Seth. Buongiorno!

SETH
Buongiorno a te. Cosa ci fai qui?

ALEX
(sottolineando l’ovvietà della risposta)
Tu che dici?

SETH
(grattandosi il capo con la mano destra)
Domanda stupida! E’ che non ti
ricordavo come un tipo da colazione
al pontile di prima mattina!

ALEX
(dopo aver finito di pagare ed afferrato il resto)
Sono leggermente cambiata da quando
ero l’adolescente bionda, ribelle
e tatuata che lavorava al Bait Shop.

SETH
…ed eri fidanzata con quel fustacchione
del tuo collega!

ALEX
(dopo averci riflettuto per un secondo)
Ti riferisci a te? Ma dai, saremmo
stati insieme per una settimana!
Due al massimo!

SETH
Ero molto richiesto all’epoca. Cambiavo
ragazza ogni tot di giorni.

ALEX
Ma se ho avuto più ragazze io in un mese
che tu in tutta la vita!

SETH
Ok, colpito.

I due iniziano a ridere. Era da tempo che non si sentivano così vicini. Ricordare il passato ha messo una gran malinconia a entrambi. Le serate spensierate, i concerti, ridere e scherzare tutti insieme, i primi drammi, gli amori.

ALEX
Sai che ti dico? Perché non organizziamo
una serata come i vecchi tempi? Io, te,
Summer, Ryan. Portate pure chi volete. Ho
sentito che questa sera suona una buona
band al Bait Shop. Che ne dici?

SETH
Mi sembra fantastico. E’ proprio il tipo
di serata di cui abbiamo bisogno un po’ tutti.

ALEX
Ci conto, allora. Ti mando un SMS
più tardi con i dettagli. Tu
intanto avverti gli altri.

Harbor School - Corridoio

ellie

Ellie è nel corridoio della Harbor e si sta recando nell’aula di francese per la prossima lezione che inizierà a minuti. E’ immersa nei propri pensieri e, come fa ormai da qualche settimana a questa parte, sta attenta a non percorrere la stessa strada di Brandon. Dopo ciò che è successo la sera del falò in spiaggia, non è riuscita ancora ad affrontarlo. Sa che non appena succederà sarà costretta a rivelargli tutto, a rivelargli che è cotta di lui. Mentre percorre il suo tragitto, Ellie nota un viso che le è molto familiare. Dapprima non ci dà peso, poi si rende conto che quello è l’ultimo posto dove avrebbe pensato di vedere quel volto. Si ferma e lo guarda di nuovo. Più attentamente, stavolta.

nick

Nick nota che la sua amica lo sta fissando e decide di avvicinarsi a lei con il sorriso stampato sulla bocca.

NICK
Ellie, ciao!

ELLIE
(confusa)
Cosa ci fai qui?

NICK
Ti ricordi dei soldi di cui ti ho
parlato? Quelli che mi ha dato Daniel…

ELLIE
Certo!

NICK
Ecco, ho deciso di investirli nella mia
istruzione scolastica. Niente più scuola
pubblica, da oggi frequento la Harbor!

ELLIE
E’ grandioso! Ma ti basteranno?

NICK
Secondo i miei calcoli, mantenendo la media
dell’otto dovrei raggiungere ogni anno la borsa
di studio messa in palio dal consiglio
amministrativo per gli studenti della Harbor.
Quella, sommata al generoso regalo di Daniel,
mi permetterà di coprire l’ottanta per cento
circa della retta scolastica. Il restante venti,
lo racimolerò tagliando alcune spese inutili. E’
tutto programmato, mia cara. Una volta entrato
non ho più intenzione di uscire, se non con
un bel diploma tra le mani.

ELLIE
E tua nonna? Non avresti fatto meglio ad
utilizzarli per lei quei soldi?

NICK
Pensalo come un investimento a lungo termine.
Un’istruzione migliore, mi porterà un lavoro
migliore e quindi in futuro un salario più alto.
Il denaro di Daniel non lo avrei utilizzato mai
e poi mai per coprire le spese di mia nonna, sono
troppo orgoglioso. Per il momento continuerò a
lavorare la sera e la manterrò con gli stipendi
che io stesso mi sarò sudato.

ELLIE
(con un sorriso a trentadue denti)
Beh, benvenuto alla Harbor, allora!

seth anna

Seth è arrivato da poco nel suo ufficio. Durante il tragitto ha avvisato Summer e Ryan della proposta di Alex. Entrambi hanno accettato immediatamente l’invito a trascorrere una serata d’altri tempi al Bait Shop. L’unica da informare ancora è Anna. Solo una volta in ufficio, Seth ricorda che quello è il giorno libero della sua bionda amica, così decide di chiamarla.

ANNA
Pronto?

SETH
Ciao, Anna!

ANNA
Seth, dimmi. Qualche problema in ufficio?

SETH
No no. Ti chiamavo per dirti che stamattina
ho incontrato Alex…

ANNA
(interrompendolo)
Alex?

SETH
Sì, Alex. Ora che ci penso credo che tu non
l’abbia mai conosciuta. Probabilmente eri già
partita quando ci mettemmo insieme. Comunque,
il punto è un altro. Che ne dici di una serata
tra amici al Bait Shop come facevamo da ragazzi?
C’è una band forte stasera!

ANNA
(senza pensarci neanche un attimo)
Mi piacerebbe molto.

SETH
Perfetto! A stasera allora.

ANNA
(fermandolo prima che possa riagganciare)
Ah, Seth!?

SETH
Si?

ANNA
Lo sai che conterò uno per uno tutti
i drink che berrai, vero?

SETH
(sorridendo)
Tranquilla, l’ho superata quella fase.

ANNA
(minacciosa)
Buon per te. Altrimenti ciò che non ti farò
superare sono i tuoi anni.

Harbor School - Esterno#2

sophie ellie

Sophie ed Ellie sono appena uscite nel cortile della scuola. Hanno un’ora di buco prima di riprendere le lezioni.

ELLIE
…così ha deciso di iscriversi alla Harbor
utilizzando i soldi di Daniel.

SOPHIE
Beh, non mi pare una cattiva scelta.

ELLIE
Sono un po’ preoccupata per lui. Daniel non
è il tipo di persona che ti regala qualcosa.
Ho paura che prima o poi dovrà pagare il conto.

SOPHIE
Scusa, non è un multimiliardario? Per lui quei soldi…

Sophie si interrompe immediatamente quando l’ultima persona che avrebbe voluto vedere compare dal nulla proprio davanti a lei.

boone

Boone, colui che ha avuto il coraggio di presentarsi quella sera alla porta di casa sua e che da allora è riuscita perfettamente ad evitare; colui che aveva lasciato a Berkeley e che pensava di non dover più rivedere. Boone, il suo ex. Anche se lui sembra vederla in maniera diversa.

BOONE
(mettendole un braccio intorno al collo,
abbracciandola come fosse di sua proprietà)
Ehilà bionda!

Sophie non fa una piega. Non ricambia il saluto, non si sposta di un millimetro. Ellie, notando l’evidente imbarazzo in quella situazione, decide di intervenire.

ELLIE
Ci conosciamo?

Boone scioglie l’abbraccio a Sophie e si volta verso Ellie. La osserva per due secondi, poi afferma.

BOONE
(tendendole una mano)
Io sono Boone, il ragazzo di Sophie. Tu sei..?

ELLIE
(sbalordita)
Ellie, la sua migliore amica.

BOONE
(voltandosi verso Sophie)
E brava la mia bionda, te la fai con
gli sfigatelli ora?

SOPHIE
(intervenendo)
Lasciala stare. Cosa vuoi?

BOONE
Dio, che acidità. Non posso esser passato
a salutare la mia ragazza?

SOPHIE
Non sono più la tua ragazza.

BOONE
(nervoso)
Il periodo di pausa è finito. Ti ho aspettata
per tre mesi, ma tu non ti sei fatta sentire.
Ora è il momento di darci un taglio. Sono venuto
a riprendermi ciò che mi spetta.

SOPHIE
Scusami se sono stata impegnata a
seppellire i miei genitori!

gabriel

Gabriel, che ha osservato la scena da lontano, decide di intervenire. Quella discussione gli sembra fin troppo animata e, di solito, questo non è un bene. Non ha la minima idea di chi possa essere quel tipo che sta importunando Sophie ed Ellie, ma ha intenzione di scoprirlo presto.

GABRIEL
C’è qualche problema qui?

BOONE
(voltandosi verso di lui)
Abercrombie, perché non te ne torni a
spararti qualche selfie e mi lasci
parlare in pace con la mia ragazza?

GABRIEL
(stupito)
La tua ragazza?

Sophie vuole accorciare quella discussione che ora sta seriamente rischiando di degenerare.

SOPHIE
Diamoci una calmata, ok?

Dopo aver pronunciato quelle parole, Sophie prende per un braccio Boone e lo porta qualche metro più in là, con lei, mentre Ellie e Gabriel restano a guardare.

SOPHIE
Che sei venuto a fare a scuola?

BOONE
Devi aiutarmi, devi fare la tua magia.

Sophie sa benissimo di cosa sta parlando. Nell’ultimo anno prima di trasferirsi a Newport Beach era diventata un’abitudine.

SOPHIE
Ho chiuso con quella merda.

BOONE
Chi vuoi prendere in giro, bionda? Sento
l’odore di marijuana da qui.

Sophie sa perfettamente che dovrebbe dirgli di no, ma una parte di lei, una parte che sta prendendo sempre più forza man mano che parla con Boone, la sta spingendo ad accettare. Lo odia quel ragazzo. Lo odia, ma al tempo stesso c’è qualcosa in lui che la attrae. Il pericolo, la sua sicurezza, il suo modo di fare. Solo ora Sophie si sta rendendo conto che quel ragazzo ha ancora un certo potere su di lei.

SOPHIE
D’accordo. Quando vuoi farlo?

BOONE
Stasera. Ti passo a prendere io.

SOPHIE
Dopodiché non voglio più vederti qui a Newport.

BOONE
Vacci piano, bionda. Non penserai di liberarti
di me così facilmente.

Prima che Sophie possa replicare, Boone si volta e fa per tornare al parcheggio, dove ha lasciato la sua auto. Nel tragitto passa nuovamente accanto a Gabriel e non fa nulla per evitare il contatto con lui. La sua spalla urta violentemente contro quella di quel ficcanaso che, dal canto suo, non si sottrae certo a quello che già da qualche metro si capiva sarebbe stato uno scontro. Spalla contro spalla. Come a volersi mettere in guardia l’un l’altro. Come a voler far capire chi è che comanda. Dopodiché ognuno prende la propria strada.

Harbor School - Corridoio

sienna kimberly

Sienna e Kimberly stanno attraversando nuovamente il corridoio della Harbor. Le prime ore di lezione non sono passate poi così lisce. Sienna non ha fatto altro che rispondere a scomode domande sull’accaduto ed è già stanchissima di quella situazione. Kimberly non l’ha lasciata nemmeno per un secondo ed ha perfino urlato contro un gruppetto di ragazze che erano rimaste a fissarla nell’intervallo tra la prima e la seconda ora. Adesso le due ragazze sono dirette agli armadietti a prelevare alcuni libri utili per la prossima lezione che dovranno affrontare. Kim inserisce la combinazione esatta ed apre il suo. Tira fuori in fretta e furia un libro e richiude l’armadietto. L’armadietto di Sienna è esattamente accanto a quello di Kimberly. Hanno lottato per qualche giorno, ma alla fine sono riuscite a farsene assegnare due vicini. Sienna fa come l’amica, inserendo la combinazione del lucchetto di sicurezza. In maniera distratta apre la parte anteriore, ma ciò che si trova davanti la atterrisce. Nella parte posteriore della porticina dell’armadietto, una foto che ritrae lei ed il professor Elliot abbracciati. Sienna sente il sangue gelarsi nelle sue vene. Chi può aver messo quella foto lì dentro? Chi può sapere la sua combinazione? Chi può volerle così male? Kim, accanto a lei, tenta di spingere la porticina per richiudere velocemente l’armadietto, ma Sienna la blocca prima che possa farlo. Lo spalanca nuovamente e afferra la foto attaccata all’interno. La afferra prepotentemente con la mano destra, strappandola via, e si incammina verso chissà dove. Kim non può far altro che restare a guardare.

sophie ellie

ELLIE
Chi era quel coglione?

SOPHIE
Il mio ragazzo.

ELLIE
Il tuo ragazzo, davvero?

SOPHIE
Stavamo insieme, sì. Poi, poco prima dell’incidente
abbiamo deciso di prenderci una pausa. Non ne potevo
più di lui e del suo modo di cacciarmi nei guai.
I miei lo odiavano.

ELLIE
Cos’è successo poi?

SOPHIE
Beh, è successo che mi sono trasferita qui a Newport e
non l’ho più visto, né sentito. Ha provato a chiamarmi
più di una volta, ma ho sempre ignorato le sue chiamate.
Non credevo sarebbe venuto fin qui per cercarmi.

ELLIE
Ma tu lo ami?

SOPHIE
E’… complicato!

ELLIE
(sdrammatizzando)
Fattelo dire, “bionda”, prima di conoscermi avevi
proprio dei gusti di merda in quanto a ragazzi!

Sophie sorride. Il suo, tuttavia, non è un sorriso convinto. Non riesce a fare a meno di pensare al casino in cui si è cacciata e ai possibili scenari che verranno fuori: Boone, Gabriel, la “magia”, Seth. La tempesta sembra essere all’orizzonte, pronta ad investire nuovamente la sua vita.

elliot sienna

Il professor Elliot è chiuso nella sua aula a preparare la prossima lezione quando, senza nemmeno bussare, Sienna irrompe nella stanza.

SIENNA
Edward, abbiamo un grosso problema!

PROF. ELLIOT
Sienna! Non sapevo fossi tornata, vieni qui!

Il professor Elliot si alza dalla cattedra e fa qualche passo verso di lei, abbracciandola. E’ bello riaverla a scuola e vedere che si sta riprendendo.

SIENNA
(divincolandosi dall’abbraccio)
E’ grave, Ed!

PROF. ELLIOT
(corrugando la fronte)
Cos’è successo?

SIENNA
Ecco cos’è successo.

Sienna mostra al professor Elliot la foto che ha trovato nel suo armadietto. Lui la guarda per un millisecondo, poi le fa cenno di metterla via.

PROF. ELLIOT
Sei impazzita!?

SIENNA
L’ho trovata nel mio armadietto, Ed. Qualcuno
l’ha messa nel mio armadietto!

Edward sembra basito da quella rivelazione.

PROF. ELLIOT
(cercando di ragionare lucidamente)
Hai idea di chi possa essere stato?

SIENNA
Non so, probabilmente la stessa persona che le ha
mandate ad Ellie per farle pubblicare sul giornale
della scuola. Qualcuno che vuole farci del male.

PROF. ELLIOT
Qualcuno che non lascerà scoprire la sua
identità molto facilmente…

SIENNA
(ormai in confusione)
Cosa facciamo, Ed? Come usciamo da questa storia?

PROF. ELLIOT
Non ne ho idea. Bisogna trovare qualcosa che
possa metterci in una botte di ferro, un alibi,
una situazione inattaccabile.

Sienna ci pensa su per qualche istante. Una piccola idea le viene in mente, ma per ora non vuole parlarne. Non può. Sconsolata e sovrappensiero, si volta per tornare ad attraversare il corridoio della scuola, ma Edward la blocca strappandole via dalle mani la foto incriminata.

PROF. ELLIOT
Questa la tengo io.

Sienna gliela lascia e abbandona l’aula.

Il professor Elliot, con la foto tra le mani, fa il giro della cattedra e si siede sulla sedia di fronte ad essa. Prende in mano il suo registro e scorre le pagine, fino ad arrivare ad una delle ultime. In mezzo, tra un foglio e l’altro, una serie di immagini simili a quella che ora sta infilando tra di loro. Lui e Sienna. Sienna e lui. Abbracci. Coccole. Foto incriminanti. Una marea di foto incriminanti.

nick

Nick è seduto su una delle panchine situate nel corriodio della Harbor, al piano superiore, e sta leggendo un libro. Nick adora leggere, adora letture di tutti i generi: dal classico al romanzo rosa, dal giallo alla poesia, dal fantasy al saggio. Quel giorno ha tra le mani la biografia postuma di Caleb Nichol, uno degli uomini più importanti degli ultimi due decenni lì a Newport. Il ragazzo è immerso nella lettura, quando sente un trambusto poco distante da lì. Volta la testa verso le voci e stende il collo nel tentativo di migliorare la sua visuale. Tutto ciò che vede è un insieme di persone, radunate in un preciso punto del corridoio. Incuriosito, mette via il libro e decide di avvicinarsi a loro. Arrivato a pochi passi da lì, riconosce immediatamente Daniel, al centro di quel baccano.

daniel

Il ragazzo sembra inveire nervosamente contro un altro tipo che Nick non ha mai visto prima. Del resto è in quella scuola da pochissime ore.

DANIEL
Io posso farti sparire dalla faccia della Terra
con uno schiocco di dita. Posso renderti una nullità
con la facilità con cui mi lavo la faccia la mattina.
Non che tu non lo sia già. Una nullità, intendo.

RAGAZZO
Ti ho chiesto scusa, Daniel.

DANIEL
Mi ci pulisco il culo con le tue scuse. Ti do
un consiglio: fa attenzione alle persone a cui
calpesti i piedi. Potresti calpestarli alla
persona sbagliata un giorno.

Daniel dà due buffetti sulla mascella sinistra del ragazzo e poi va via, tra la delusione delle persone radunate che avrebbero preferito uno scontro fisico. Ma Daniel è fatto così. Adora dar battaglia con altre armi. Non alza praticamente mai le mani. Non in prima persona, almeno. Anche perché il suo fisico non è tanto imponente da permetterglielo. Eppure lì alla Harbor lo temono e lo rispettano tutti. Nick riesce a captare pochissime parole di quel discorso. Poche ma che gli sembrano di una cattiveria e di una violenza unica. Perché Daniel si comporta in quel modo? Nick vuole parlargli.

ellie brandon

COLONNA SONORA: (riprodurre mentre si legge la scena successiva)

Le ultime ore di lezione sono trascorse abbastanza rapidamente ed Ellie sta varcando la porta che dà sul cortile. Ha la testa bassa, sul cellulare. Sta rispondendo ad un SMS di sua madre ed è troppo distratta per accorgersi di chi le si è appena parato davanti. Vede un’ombra con la coda dell’occhio, alza la testa ed eccolo lì: Brandon è di fronte a lei. Immediatamente la ragazza si gela. Mette via il telefono.

BRANDON
Ciao.

ELLIE
(balbettando)
C..Ciao!

BRANDON
Possiamo parlare?

ELLIE
Mi… Mi piacerebbe molto, ma devo scappare.

Ellie fa per andar via, ma Brandon la blocca per un braccio e la porta con sé per quattro o cinque passi, alla ricerca di una postazione più riservata dove poter parlare tranquillamente.

BRANDON
Ho come l’impressione che tu mi stia evitando.

ELLIE
(nel panico)
Io? Ma no… figurati!

Brandon rimane a fissarla, alzando le sopracciglia. Ellie lo guarda e capisce che l’ora di sputare il rospo è giunta.

ELLIE
Ok, magari un pochino.

BRANDON
C’entra qualcosa la notte in spiagga con gli altri?
E’ da allora che sei strana, anche se non riesco a
capirne il motivo. Non riesco a capire cos’è successo.

ELLIE
(prendendo un bel respiro e facendosi coraggio)
Vuoi sapere cos’è successo, Brandon? Vuoi saperlo davvero?
Ok. Sono cotta di te. L’ho detto. Ricordi quando in terza
elementare stavi con Christa? Ero già cotta di te e ti guardavo
in silenzio sperando che un giorno avrei potuto prendere il
suo posto. Poi hai lasciato Christa e sei finito con Madeline.
Stessa cosa: ti guardavo e speravo che prima o poi quel posto
sarebbe stato mio. Poi, però, c’è stata la breve parentesi con Agatha…

BRANDON
(intervenendo)
Agatha, è vero… me l’ero dimenticata!!

ELLIE
…poi Tiffany, poi Sam, poi tutte le altre che ti portavi a letto
party dopo party. Per tutto il tempo, io ero lì ad osservarti,
ad ascoltare le voci su di te, a studiare piani per farti accorgere
che esistevo. Piani che puntualmente evitavo di mettere in atto
perché… scusa… come poteva uno come te notare una come me? L’altra
sera, poi, quando ho visto che baciavi Kimberly, proprio davanti a me…
Era un gioco ok, ma per l’ennesima volta nella mia vita mi sono
sentita quella ragazzina che se ne stava in disparte a guardarti,
sperando che un giorno avrebbe preso il posto della tua ragazza di turno.
Sono stanca di aspettare, Brandon.

Brandon è talmente colpito dalle parole di Ellie che, senza aggiungere altro, prende il suo volto e la bacia. Un bacio vero, senza “sé” e senza “ma”. Il cuore di Ellie assume un ritmo vertiginoso. La lacrima che aveva iniziato a rigare il suo volto a metà discorso, ora dà sapore alle loro labbra, unite come mai prima avevano fatto. Cosa si prova a baciare la persona che si desidera baciare da sempre? Cosa si prova a sentire così vicino a te l’oggetto dei tuoi sogni, quella persona che ha il potere di farti sentire invincibile e l’attimo dopo di farti sentire vinta? Ellie non ha una risposta a quelle domande. Le emozioni che prova in quel momento sono indescrivibili. Il dizionario non comprende parole così assolute, così meravigliose, così adatte per raccontare quel momento. Un sorriso si fa largo sulla sua bocca, non appena realizza ciò che sta accadendo. Non è mai stata così felice. Mai.

nick daniel

All’uscita da scuola, Nick riesce finalmente ad incontrare Daniel. Il ragazzo sta scendendo da solo la scalinata che lo porterà al parcheggio dove il suo autista lo starà già aspettando da qualche minuto. Nick pensa che quello è il momento giusto, così si avvicina a lui.

NICK
Daniel!

DANIEL
(voltandosi)
Che ci fai tu qui?

NICK
Hai detto che con quei soldi potevo farci ciò
che volevo, quindi… eccomi alla Harbor!

DANIEL
Interessante come scelta, ma ora devo andare.

NICK
(prendendolo per un braccio)
Devo parlarti.

DANIEL
Ti insegno una cosa su di me: odio essere toccato.

NICK
(togliendo immediatamente la sua mano dal braccio di lui)
Scusami.

Daniel segue Nick in un posto più appartato a pochi passi da lì, impaziente di sapere cosa ha da dirgli quel ragazzo. Impaziente anche se non lo dà a vedere.

NICK
Volevo dirti che ho assistito alla scena di
poco fa con quel ragazzo.

DANIEL
Abituatici, vedrai molto spesso scene simili
da queste parti.

NICK
Perché ti comporti in questo modo? Tu non sei così.

DANIEL
Io non sono così? Cosa ne sai di come sono io?
Tu non mi conosci, non mi conosci affatto.

NICK
Ho visto in prima persona che sai essere
gentile quando vuoi.

DANIEL
Pensi di conoscermi soltanto perché ti ho staccato
un assegno? Sai quanti assegni stacco ogni giorno?
Non ne hai la più pallida idea. Uno in più non mi ha
cambiato la vita e non è certo per quello che puoi
pensare di conoscermi. Ora, se non ti dispiace, devo
andare via. C’è un’altra persona a cui stacco assegni
che mi sta aspettando per riportarmi a casa.

Daniel fa un paio di passi per andar via, poi si volta e aggiunge un’ultima cosa.

DANIEL
E non intrometterti più nei miei affari. Non ti conviene farlo.

Nick rimane lì, sconvolto da quella breve chiacchierata. Non è andata certo come sperava, parlare con Daniel è più difficile del previsto. Eppure dev’esserci un modo per dialogare con la parte che lui è sicuro aver visto dietro quella corazza arrogante e presuntuosa. Che gli piaccia o no, quel ragazzo è decisamente diverso dall’immagine che vuol far passare di sé stesso.

Casa Charlotte

ryan charlotte

COLONNA SONORA: (riprodurre mentre si legge la scena successiva)

Un’auto si ferma di fronte all’ingresso di quella che sarà la nuova casa di Charlotte. Si apre una portiera e scende Ryan. Il ragazzo, facendo il giro dalla parte anteriore del veicolo, arriva all’altra portiera e la apre. Una gamba appare timidamente dall’auto, seguita subito dopo dall’altra. Ryan stende un braccio all’interno del veicolo e afferra la mano del passeggero, aiutandolo ad alzarsi e ad uscire dalla vettura. E’ Charlotte. Ed è bendata. Qualche decina di minuti prima, Ryan si è presentato alla porta della sua stanza d’hotel e, dopo averle dato un bacio, l’ha bendata e le ha comunicato di avere una sorpresa per lei. Charlotte, dapprima meravigliata dalla richiesta del ragazzo, ha accettato con molta curiosità e si è lasciata bendare e infilare in macchina. Adesso che sono arrivati, lei non ha la più pallida idea di dove si trovino. Più volte durante il tragitto ha avuto l’impulso di sbirciare, ma si è autocostretta a non rovinare la sorpresa. Ora sono entrambi in piedi, davanti alla macchina di lui, con lo sguardo rivolto verso l’abitazione di Charlotte, completamente ristrutturata dal Newport Group. Ryan decide di guidarla all’interno della casa, è lì che le svelerà la sorpresa. La accompagna dolcemente verso la porta d’ingresso e la apre.

CHARLOTTE
(curiosa)
Dove mi stai portando?

RYAN
Lo scoprirai presto!

Ryan la conduce all’interno della casa e richiude la porta alle loro spalle. Pian piano, un passo dopo l’altro, la porta nel salone dove, finalmente, le permette di guardare.

RYAN
Puoi toglierti la benda ora.

Charlotte, sorridendo, porta le mani dietro la sua nuca e scioglie il nodo che teneva su quel velo nero, davanti ai suoi occhi. Ciò che vede è meraviglioso. La casa è completamente ristrutturata, pronta all’uso, ed è venuta fuori anche molto più bella di come l’aveva immaginata inizialmente a giudicare dai progetti. Al centro del salone, che si chiude con un’elegantissima scalinata che porta al piano superiore, c’è un tavolo apparecchiato con una tovaglia bianca sopra ed una rossa sotto, con un’enorme candela al centro e degli eleganti bicchieri di champagne ai due capi: uno per lui, uno per lei.

RYAN
Miss Morgan, le presento la sua nuova casa.

Charlotte, ancora con lo sguardo meravigliato, gli si getta addosso abbracciandolo. Le sue braccia cingono il collo di lui che, solo ora, poggia le sue mani sulla schiena di lei.

RYAN
Allora? Ti piace?

CHARLOTTE
E’ meravigliosa! Tu sei meraviglioso! In barba a
coloro che dicono che sei un tipo freddo e chiuso.

RYAN
(aggrottando la fronte)
Chi è che lo dice?

CHARLOTTE
Qualcuno dei tuoi operai, non so.

RYAN
Ah si? Da domani li ammazzo di straordinari quelli!

Ryan sorride e Charlotte avvicina le sue labbra a quelle del ragazzo, baciandolo con tutta l’eleganza che la contraddistingue. Sullo sfondo, la candela crea un’atmosfera unica. E’ un’immagine bellissima.

Newport Beach - Notte

sophie boone

E’ ormai calata la sera a Newport Beach e Sophie e Boone arrivano, con la macchina del ragazzo, vicino alla spiaggia dove l’ultimogenita della famiglia Cohen dovrà mantenere la promessa fatta a quello che ancora si definisce il suo ragazzo. La “magia”, come la chiama lui, è un’azione che loro due erano soliti fare nelle cittadine nei dintorni di Berkeley. Boone, l’unico dei due ad avere la patente, dopo aver inquadrato il prossimo obiettivo tra i piccoli spacciatori della zona, accompagna Sophie sul luogo d’interesse ed aspetta in auto, mentre la ragazza, fingendosi ubriaca, ha il compito di approcciare lo spacciatore e, distraendolo, sottrargli la quantità maggiore possibile di marijuana. Di sicuro non è un piano furbissimo, ma ha sempre dato i suoi frutti. Boone, come ha iniziato a fare fin da subito appena messo piede a Newport prima di Natale, riceve delle informazioni ben precise da qualche suo contatto vicino alle forze dell’ordine e subito dopo inizia a studiare gli spostamenti di quelle che saranno le sue vittime. Ovviamente, tra gli spacciatori dell’area presa in considerazione, sceglie sempre quello meno furbo e imprescindibilmente single. Una volta osservata per bene la preda, entra in gioco Sophie.

BOONE
(indicando con un dito da dentro la macchina)
E’ lui. Vai e colpisci.

Sophie senza rispondere scende dalla macchina del ragazzo. Un abito nero con una scollatura da capogiro ed un rossetto pesante la rendono praticamente irresistibile.

tumblr_nuc0gzj75r1udy69jo1_540

La ragazza si avvia, barcollando, verso il loro bersaglio. E’ incredibile quanto, anche solo nei movimenti, sia perfettamente in grado di recitare la parte della ragazza ubriaca. E’ una veterana in quella “magia”. Proprio quando sta passando accanto allo spacciatore, Sophie finge di inciampare, cascandogli addosso.

SOPHIE
(portando le mani in avanti in maniera impacciata)
Oops scusami, non ti avevo visto.

Il ragazzo, che a giudicare dall’apparenza non avrà più di diciassette o diciotto anni, si rende immediatamente conto che quella bionda che le è piombata addosso è in stato d’ebbrezza e si guarda intorno per vedere se c’è qualcuno con lei o è sola. E’ stranamente sola. Sola e ubriaca. E’ la sua serata fortunata!

RAGAZZO
Dove te ne vai tutta sola?

SOPHIE
Cerco di tornare a casa.

Poi, dopo essersi interrotta per qualche attimo.

SOPHIE
Ehi, sai che sei proprio un bel ragazzo?

Sophie inizia a toccargli il petto. Il ragazzo è in preda all’entusiasmo. Non capita spesso che una ragazza ubriaca di tale bellezza ti serva un’occasione d’oro come quella.

RAGAZZO
Se vuoi ti ci porto io a casa. Dimmi dove abiti.

SOPHIE
(maliziosa)
A dire il vero ho cambiato idea. Restiamo
un altro po’ qui.

Sophie inizia a baciare quel tipo. Lui non ci pensa due volte e ricambia immediatamente. Dopo alcuni minuti Sophie e quello spacciatore sono sdraiati in spiaggia e si stanno toccando ovunque. Fin troppo facile, per la ragazza, sfilargli la droga senza che egli se ne accorga. Boone sceglie sempre benissimo. Una volta portata a compimento la “magia”, Sophie si interrompe bruscamente.

SOPHIE
Devo andare.

RAGAZZO
Ti accompagno io.

SOPHIE
(con un sorriso ebete, continuando a fingersi ubriaca)
C’è il mio ragazzo lì da qualche parte. Devo scappare.

Il ragazzo, confuso, resta lì a guardare mentre Sophie va via. E’ fatta. Per l’ennesima volta la sua magia le è riuscita. Boone, ancora all’interno della sua macchina ben nascosta, sorride alla vista della scena. E’ tutto come ai vecchi tempi.

seth summer alex
anna ryan charlotte

Ryan e Charlotte arrivano davanti all’ingresso del Bait Shop. Sono gli ultimi: Seth, Summer, Alex e Anna sono già lì ad aspettarli.

RYAN
Scusate il ritardo

Poi presenta la sua accompagnatrice.

RYAN
Questa è Charlotte!

SETH
(con enfasi)
Charlotte! Che piacere rivederti!

CHARLOTTE
Seth Cohen, giusto?

SETH
Esattamente! Ci siamo conosciuti qualche
mese fa quando hai suonato al mio
campanello cercando Ryan.

CHARLOTTE
Mi ricordo, sì…

SUMMER
(spintonando via suo marito, ansiosa di fare
la conoscenza della nuova ragazza di Ryan)
Io invece sono Summer, è un piacere.

CHARLOTTE
Il piacere è mio!

SETH
Che dite se entriamo e proseguiamo dopo con
le presentazioni? Non vorrei che il live finisse.
Non sono i Guns N’ Roses, non penso abbiano
un repertorio molto vasto!

ALEX
Andiamo!

COLONNA SONORA: (riprodurre mentre si legge la scena successiva)

I ragazzi, dopo aver varcato la porta d’ingresso del locale, scendono la lunga scalinata che porta alla pista accanto alla quale si estende l’enorme bancone, rinnovato rispetto a qualche anno fa, dove due bariste stanno servendo le bevande. Rialzati di qualche decina di centimetri rispetto alla pista da ballo, un gruppo sta suonando la propria hit di maggior successo: una canzone dedicata alla California. Niente di più indovinato, anche se forse un po’ troppo da teenager per quel gruppo di amici. Se ne rendono conto immediatamente, appena vedono che l’ambiente è frequentato perlopiù da adolescenti che si scatenano saltellando e danzando qua e là.

ANNA
Ad un tratto mi sento di nuovo giovane!

SETH
E’ questo l’effetto che ti fa stare in mezzo a
noi giovanotti di oggi?

SUMMER
(mentre tutti ridono)
Ti piacerebbe, Cohen! Tu eri un vecchio anche a sedici anni!

RYAN
Questo posso confermarlo!

SETH
(imbarazzato)
Ma dai! Non è affatto vero! Facevo molte
cose giovanili all’epoca.

ANNA
Per esempio?

E’ ufficiale: è una coalizione contro di lui.

SETH
Beh, andavo ai party a casa di Holly!

RYAN
Se non fosse stato per me te li saresti
sognati quelli!

CHARLOTTE
Beh, se può confortarti, nemmeno io ho avuto
una grandissima adolescenza. Figlia di… beh…
mio padre… schiava del galateo e nessun amico.
I primi party che ho frequentato sono stati
quelli del college!

SETH
(felice di aver trovato qualcuno su cui scaricare
il 50% di quell’accanimento)
Ecco, finalmente qualcuno che mi capisce!

Alex, che finora è stata in silenzio ad osservare la nuova fiamma di Ryan, si volta verso di lui approfittando del momento di distrazione della ragazza e, con i pollici rivolti verso l’alto, gli sussurra da lontano.

ALEX
(lentamente per permettere a Ryan
di leggerle il labiale)
E’-u-n-a-b-o-m-b-a.

SUMMER
(abbracciando Charlotte e Anna che si trovano
casualmente una alla sua destra e l’altra alla
sua sinistra)
Adoro questa canzone. Venite con me!

La ragazza trascina le due nel mezzo della pista e tutte e tre iniziano a muoversi a ritmo di musica. Alex sorride a Ryan a seguito del commento che ha appena fatto sulla sua nuova compagna, poi dice di doversi allontanare un secondo per andare in bagno. Seth e Ryan restano lì, da soli. Il primo mette una mano intorno alle spalle del secondo, abbracciandolo. Con quel semplice gesto riesce a trasmettergli tutta la sua felicità per il fatto che ha, finalmente, provato a voltare pagina. Vederlo nuovamente felice è una delle cose che desidera più al mondo e spera con tutto il cuore che Charlotte diventi la sua nuova fonte di felicità.

kimberly sienna

Kimberly e Sienna hanno deciso di passare la serata a casa della seconda. Kim non ha alcuna voglia di tornare così presto da Jessica e Bob, mentre Sienna ha avuto una giornata difficile, col rientro a scuola, ed ha bisogno di compagnia. Le due stanno guardando un episodio di Game of Thrones in tv, ma sembrano non prestare molta attenzione alle immagini sullo schermo. Le loro menti sono da tutt’altra parte.

KIMBERLY
(interrompendo il silenzio)
Che ti ha detto il professor Elliot?

SIENNA
Che potremmo essere nei guai. Niente che non sapessi già.

KIMBERLY
Avete idea di chi possa essere stato a mettere
quella foto nel tuo armadietto?

SIENNA
Purtroppo no. E’ una situazione assurda.

KIMBERLY
Abbiamo bisogno di un piano…

SIENNA
Ce l’ho già un piano.

KIMBERLY
(curiosa)
Cosa aspetti? Ti ascolto.

SIENNA
(rassegnata)
Domani a scuola farò coming out. Davanti a tutti.

KIMBERLY
Sei impazzita?

SIENNA
E’ la soluzione migliore. E’ l’alibi perfetto. Una
volta che tutta la scuola saprà che sono gay,
quelle foto non avranno più alcun valore.

KIMBERLY
(accarezzandole la spalla)
Sei sicura?

SIENNA
(dopo averci pensato un po’)
Sì, lo sono.

La ragazza sembra davvero pronta. Più che rassegnazione, sul suo volto si intravede un briciolo di sicurezza. Sta, forse, iniziando ad accettarsi per ciò che è? L’ospedale l’ha così cambiata? E’ pronta a rivelarsi al mondo?

KIMBERLY
Sono fiera di te.

Bait Shop - Concerto (Notte)

seth summer alex
anna ryan charlotte

La musica continua a rimbombare all’interno del Bait Shop. La serata scorre via in maniera più che piacevole. Tutti e sei, chi per un motivo, chi per un altro, avevano tremendamente bisogno di un’uscita come quella. Charlotte non ci ha messo molto ad ambientarsi tra gli amici di Ryan. La sua prima uscita con loro. Era nervosa inizialmente, temeva di non piacergli. Rotto l’imbarazzo iniziale, però, si è subito sentita accettata e amata. Alex è al bancone a chiacchierare con il suo vecchio datore di lavoro, tuttora proprietario di quel locale. Anna, invece, ha appena lasciato gli altri per dirigersi in bagno. Di tanto in tanto ha lanciato un’occhiata a Seth, senza farsi notare, per controllare che non esagerasse più con l’alcol. Non l’ha fatto. Ha bevuto un paio di cocktail e nient’altro. Il suo periodo nero sembra essere davvero passato. Summer, osservando la marea di giovani che balla in quella stanza, è avvolta da mille ricordi di quel luogo e di quella che era la sua vita una quindicina di anni fa. E’ cambiata molto. E’ cambiato tutto.

All’improvviso Seth sente il suo iPhone vibrare nella tasca destra dei pantaloni e si allontana dagli altri per rispondere. Chi sarà mai a quell’ora? Ryan e Summer lo osservano mentre tira fuori il telefono e parla, senza lasciar trasparire alcuna emozione, con il suo interlocutore. La telefonata è abbastanza breve e Seth, con la testa bassa, fa ritorno verso il gruppo. Sembra confuso. Sconvolto.

SUMMER
(preoccupata)
Tutto bene?

SETH
(con gli occhi sbarrati)
Si tratta di Sophie… è stata arrestata!

FINE EPISODIO.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’EPISODIO 1×08 – BAD CHOICES HAVE BAD CONSEQUENCES

   

Related posts

Pilot Addicted | Penny Dreadful

Lu

Le vacanze natalizie di un Telefilm Addicted

Jules

COMIC CON | 11 ragioni per cui vorresti essere a SanDiego

Lestblue

27 comments

Laura 14 Settembre 2015 at 16:06

Finalmente, con quest’episodio, sappiamo di più sul misterioso ragazzo di Sophie, non vedevo l’ora! Non so se mi piace più di Gabriel, per ora mi piace parecchio come personaggio 🙂 E anche Sophie mi piace sempre di più. All’inizio mi era sembrata molto chiusa in se stessa e anche un po’ frivola, ora invece, man mano che gli episodi vanno avanti, la sto apprezzando parecchio. Per quanto riguarda Alex, Seth, Summer, Anna, Ryan e Charlotte mi sono davvero piaciute le scene con loro, non mi è sembrato ci fosse nulla di forzato e comunque adoro le reunion 🙂
Nick e Daniel mi intrigano sempre di più, invece, non chiedermi perchè, ma non so come fa una come Ellie a essere innamorata di uno come Brandon. Forse sono io che non amo particolarmente il suo personaggio, ma lei, in quanto mio personaggio preferito, merita sicuramente di meglio. Kimberly e Sienna hanno un bellissimo rapporto di amicizia, ma non capisco se devo cominciare a shipparle oppure no ahahah.
Ti voglio ringraziare in modo particolare per la cura della colonna sonora, e sopratutto per la scelta magistrale dei pezzi. Alcune di queste canzoni sono tra le mie preferite e calzano a pennello con la storia, quindi complimenti, non vedo l’ora di sapere cosa ci riserva l’episodio di lunedì prossimo 🙂
P.S. Non vorrei sembrare scontata o troppo ignorante in materia, ma non hai preso in considerazione l’idea di creare un promo per l’episodio successivo? o magari è troppo impegnativo o non si usa farlo? Non so, a me piacerebbe molto, e tentar non nuoce.

Reply
Prince
Luca Prince 14 Settembre 2015 at 16:23

Ciao Laura! Sono contento che Sophie stia iniziando a piacerti. Il suo è un carattere decisamente complesso, che vien fuori man mano che passano gli episodi. Mi fa piacere l’elogio alle colonne sonore, perché cerco sempre di sceglierle con cura facendomi anche aiutare da alcuni consiglieri 🙂
I promo degli episodi, invece, li intendi proprio come dei trailer video? Tipo quelli che vengono rilasciati per le serie tv vere e proprie?

Reply
Gio.spike
Gio.spike 14 Settembre 2015 at 16:34

MIO DIOOOOOOOOOOOO! fangirlamento A PIENO!!!! B&E over the moon!!! AAAAAAAAAAAAAH

Io ti adoro, ogni episodio mi stupisci. Musica FANTASTICA, storyline belle e mai banali. DIO QUANTO TI AMO!!!!

Reply
Prince
Luca Prince 14 Settembre 2015 at 17:09

Ahahahah vi ho fatto aspettare quasi un’intera stagione, ma la tua reazione mi fa pensare che ne sia valsa la pena! Mi fa piacere aver indovinato sia la scena che le musiche, volevo fosse un momento perfetto! Ti ringrazio infinitamente per i complimenti a me, alle storyline, ai personaggi, a tutto, e ti ringrazio ancor di più per il continuo supporto a questo progetto 🙂

Reply
Marianna 14 Settembre 2015 at 17:18

Eh no no Sophie, questo non lo dovevi proprio fare, lo sanno tutti che i baby boy portano solo guai e ti fanno finire in galera 🙂 Purtroppo molte donne subiscono il fascino del cattivo ragazzo e nonostante tutti ti sconsiglino di frequentarlo tu sei ipnotizzata dal loro modo di fare e ti lasci trasportare. Mannaggia a loro.
Pe quanto riguarda Daniel, io la penso proprio come Nick, anche secondo me è un finto cattivo: si è costruito questo personaggio ed così che ha deciso di presentarsi al mondo. Adesso dobbiamo scoprire cosa lo avrà fatto diventare così.
Sienna ha preso la decisione giusta, se divulga lei la notizia sulla sua omosessualità nessuno potrà usarla contro di lei (le ragioni che l’hanno spinta a questa decisione sono diverse ma rimane comunque una buona idea). Edward non mi convince molto, forse lui centra qualcosa o forse c’è un giustiziere che vuole punire questa relazione sbagliata tra professore e studente?

Reply
Marianna 14 Settembre 2015 at 17:36

*bad boy

Reply
Prince
Luca Prince 14 Settembre 2015 at 18:05

Brutta situazione per Sophie, sì! Adesso per lei ne succederanno delle belle, così come per Sienna che ha deciso di fare coming out. Sul prof, invece, non posso anticipare nulla di più rispetto a ciò che è scritto nell’episodio 😛
Grazie mille per aver letto e commentato 🙂

Reply
Chiara 15 Settembre 2015 at 10:52

sono nel bel mezzo del fangirl grazie a te… I miei Brallie finalmente, era ora!
Sophie si è cacciata nei guai… Era solo questione di tempo! Speriamo che questo le dia la spinta per rimandare quel Boone da dove è venuto. Mi è piaciuta tanto l’idea della Reunion al Bait Shop… Che nostalgia! A proposito… Spero davvero che Seth e Summer riescano ad avere un bambino tutto loro ❤️ Non dirmi che la storia della sterilità è vera perché non te la farei passare liscia!!
Davvero complimenti.. Le storyline hanno sempre quel tocco che le rende così in stile ”the oc”, ma soprattutto non sono mai banali!

Reply
Prince
Luca Prince 15 Settembre 2015 at 14:14

Eh sì, vi ho fatti penare un po’ con i Brallie ahahaha i guai per Sophie sono solamente all’inizio, la situazione si complicherà non poco. Seth e Summer sono fantastici, ma lo sono anche tutti gli altri adulti. Amo troppo scrivere le loro storie, anche se spesso per motivi di tempistiche e di lunghezza sono costretto a relegarle ad un piano secondario. Ti ringrazio per i complimenti 🙂 Appuntamento a lunedì prossimo!

Reply
Daki_smart 15 Settembre 2015 at 11:02

Altro bellissimo episodio! La rimpatriata al Bait Shop mi ha fatto respirare la vecchia aria di OC e te ne sono grato, anche se poi la serata non è andata a finire bene. Sophie ha fatto una cazzata enorme, ma il suo rapporto con Boone stranamente mi piace, sai? Non so, c’è qualcosa in loro che mi attira. Fenomenale la scena di Brandon ed Elle che FINALMENTE arrivano al momento che tutti aspettavamo! La musica scelta è stata sublime. Il prof invece non me la conta giusta. Boh vedremo… comunque davvero complimenti per questa storia, stai rendendo felice un intero fandom!

Reply
Prince
Luca Prince 15 Settembre 2015 at 14:18

Grazie mille 🙂 Che Sophie fosse un’adolescente con un carattere non facile l’avevamo intuito sin dal pilot, ma la sua vita precedente era ancor più incasinata ed ora sta iniziando a rovinare anche la sua nuova vita a Newport. La scena dei Brallie mi pare sia piaciuta a tutti, sono felicissimo! So che in tanti l’aspettavate da tempo! Sul resto non anticipo nulla.
Siete voi che state rendendo felice me! Grazie infinite per tutti questi complimenti 🙂

Reply
Valentina 15 Settembre 2015 at 17:29

Scena Brallie: brividi e lacrimoni

Reply
Prince
Luca Prince 16 Settembre 2015 at 00:11

Ciao Valentina, sono contento di essere riuscito ad emozionarti con quella scena 🙂 Grazie mille per il commento!

Reply
Miriam 16 Settembre 2015 at 15:44

La scena Brallie *_____* quei due sono la mia nuova OTP non si discute! Hai trovato il momento e la situazione perfetti e accompagnato tutto con una colonna sonora meravigliosa. Sono scoppiati i lacrimoni! Mi dispiace per Sophie invece perché non meritava questa situazione. Quel Boone è odioso!

Reply
Prince
Luca Prince 17 Settembre 2015 at 10:01

Grazie mille Ahahah sappi che per Sophie i guai sono appena iniziati

Reply
Grace 18 Settembre 2015 at 15:52

Ciao!
La tua storia mi piace, è ben scritta e contestualizzata…però in alcuni punti non spicca proprio per originalità, a parer mio!
Per esempio:
Ellie e Brandon mi sono sembrati i nuovi Summer e Seth a parti invertite, il loro dialogo pre-bacio mi ha ricordato tantissimo la scena in cui Seth recita la poesia della sirenetta a Summer, che poi prende e lo bacia improvvisamente( e non vorrei dire una cavolata, ma è dovrebbe proprio essere il loro primo bacio.)
Poi, Ellie e Sophie fanno troppo Ryan e Seth, l’improbabile coppia di bad girl e “sfigatella”, hanno davvero molte caratteristiche in comune con i loro predecessori.
Ok che è il sequel di Oc, però mi piacerebbe vedere delle dinamiche diverse e più interessanti e meno personaggi stereotipati 😉
Secondo me stai gestendo meglio le storyline degli adulti, mi è piaciuto il ritorno di Anna, il personaggio di Charlotte e anche la scelta di far fuori i Cohen( porelli, li amavo, ma potrebbe uscire qualcosa di interessante) 🙂
Perdona le mie “critiche”, spero di potermi ricredere in toto con i prossimi episodi 😉
Confido nei prossimi sviluppi!
Buon lavoro!

Reply
Prince
Luca Prince 18 Settembre 2015 at 16:08

Ciao Grace, innanzitutto ti ringrazio per aver letto e lasciato un tuo parere 🙂
Ellie e Brandon hanno molte sfaccettature che ricordano Seth e Summer, è vero, ma se leggi attentamente soprattutto gli episodi precedenti, ti accorgerai che ci sono altre sfaccettature nei loro personaggi e nelle loro storie che difficilmente sono riconducibili ai personaggi che tanto amavamo. Lo stesso discorso credo di poterlo fare per Sophie. Nel primo episodio ho voluto appositamente presentarla nella maniera più simile possibile a Ryan, ma il suo percorso è e sarà molto diverso da quello che intraprese ai tempi quel ragazzetto di Chino. In ogni episodio, comunque, cerco di inserire dei richiami più o meno velati alla serie originale. Stiamo pur sempre parlando di una fan fiction scritta per i fan della vecchia serie, quindi mi sento in dovere di farlo. Il mio obiettivo è quello di raccontare una storia che nelle premesse strizzi fortemente l’occhio alla serie originale, ma che poi prenda man mano una propria strada pur continuando ad inserire quei riferimenti e quelle analogie di cui ti parlavo prima. Guarda le storie di Sienna e di Kimberly, ad esempio. La storia di Nick, di Daniel, di Rebecca (che ancora non avete scoperto, ma ho in mente grandi cose per lei ahahah). Sto cercando di scrivere storie non banali, anche se nei teen drama ormai si è visto e rivisto più o meno tutto.
Comunque non devi scusarti per le critiche, anzi! Quando vengono portate con questa educazione e questo tipo di argomentazione, le adoro. Questa è la mia primissima fan fiction di una certa portata e sono sicuro che ci sono ancora una marea di cose che posso migliorare, nei miei personaggi, nel mio modo di pormi rispetto alla storia, nel mio modo di scrivere ecc. Adoro il fatto che si possa crescere insieme e trarre qualcosa da questa esperienza, io come “autore” (che parola enorme!) e voi come lettori e nostalgici di The O.C.
Grazie ancora per il tuo commento 🙂

Reply
Antonia 20 Settembre 2015 at 18:32

Finalmente riesco a commentare!Che belli Brandon ed Ellie.Finalmente si sono dichiarati! Sophie,Gabriel,Boone:prevedo fuochi d’artificio!Speriamo che l’arresto di Sophie non comprometta la sua permanenza a Newport con Seth e Summer!Sienna avrà il coraggio di dichiararsi?E Nick e Daniel?Come evolverà la loro storia?

Reply
Antonia 20 Settembre 2015 at 18:46

Finalmente riesco a commentare!Che belli Brandon ed Ellie.Finalmemte si sono dichiarati! Sophie,Gabriel,Boone:prevedo fuochi d’artificio!Speriamo che l’arresto di Sophie non comprometta la sua permanenza a Newport con Seth e Summer!Sienna avrà il coraggio di fare coming out?E Nick e Daniel?Come evolverà la loro storia?

Reply
Prince
Luca Prince 21 Settembre 2015 at 13:45

Ciao Antonia,
Tra Sophie, Gabriel e Boone ci saranno fuochi d’artificio già nell’episodio che pubblicheremo quest’oggi. Per quanto riguarderà gli altri personaggi, ci saranno interessanti sviluppi per tutti. Non perdertelo 🙂
Grazie per aver letto e commentato!

Reply
marialice 22 Settembre 2015 at 14:21

ero rimasta un po’ indietro..mi piacciono questi nuovi colpi di scena e le canzoni che hai scelto per questo episodio sono in pieno stile oc! 🙂

Reply
marialice 22 Settembre 2015 at 14:24

mi piacciono questi nuovi colpi di scena! e le canzoni che hai scelto per quest oepisodio sono in pieno stile oc! 🙂

Reply
Prince
Luca Prince 22 Settembre 2015 at 14:54

Grazie mille marialice. Sono contento che l’episodio ti sia piaciuto, così come la scelta delle colonne sonore 🙂

Reply
alessioxoxo 24 Settembre 2015 at 15:12

Siamo patti? Il finale non me lo sarei mai aspettato!!! però ho riso non so perché , l ho vista come scena simpatica!

Il bacio tra Ellie e Brandon è stato pazzesco ho adorato troppo!

La reunion è stata una bellissima idea, giusto per ricordare i vecchi tempi!

Bella la mossa di Sienna di fare Coming out!

Daniel ha questa barriera che non lo fa “aprire” nei confreonti di Nick! speriamo che si dia una mossa a conquistarlo!! <3

Reply
Prince
Luca Prince 24 Settembre 2015 at 22:09

ahaha la scena finale non sarà così simpatica quando leggerai il prossimo episodio! Sophie finirà davvero nei guai. Sono contento che le scene di Ellie e Brandon, della reunion e di Sienna ti siano piaciute. Per quanto riguarda Daniel e Nick, ho un percorso ben in mente… c’è da soffrire ahaha 😀
Grazie mille per aver letto e commentato 🙂

Reply
Veronica 27 Settembre 2015 at 23:43

Finalmente il bacio Brallie! Hai creato una coppia fantastica, non vedo l’ora di vederli stare insieme!
Boone lo odio già dal nome e spero proprio che Gabriel (o Seth in versione fratellone) gli dia una bella lezione. Capisco però Sophie, questo suo essere ancora presa da lui tanto da arrivare a fare per lui una cosa del genere… forse finire nei guai è proprio quello che le serve per mettere la parola fine a questa storia.
Ho apprezzato molto la decisione di Sienna di voler fare coming out, molto coraggiosa… il professore invece è molto sospetto!
Per finire, ho amato la reunion dei “vecchi”, sono sempre fantastici, non c’è nulla da fare!

Reply
Prince
Luca Prince 28 Settembre 2015 at 11:03

Mi fa immensamente piacere ricevere così tanti apprezzamenti sui Brallie. Ho voluto costruire la loro coppia pian piano e mi pare di capire che l’abbiate apprezzato quasi tutti 🙂 Tra Boone, Gabriel e Sophie ne succederanno delle belle e ciò metterà la ragazza in guai seri (se non lo è già). Sul professore, invece, verrà fatta luce nei prossimi episodi. Grazie mille per aver letto e commentato 🙂

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv