Newport Beach | 1×01 – A New Beginning

1×01 – A NEW BEGINNING

BERKELEY

BerkeleyHouse

kirsten sandy sophie

SANDY
Sophieee!! Forza, andiamo
che è tardi!

Sandy Cohen è sul vialetto davanti a quella che negli ultimi 15 anni è stata la sua casa di Berkeley. Accanto a lui, come al solito, sua moglie Kirsten. I due hanno la portiera dell’auto leggermente aperta, mentre aspettano la loro ultimogenita che è ancora dentro casa.

SOPHIE
Eccomi, arrivo!

Sophie toglie dalla sua borsa Louis Vuitton un accendino ed un pacco di sigarette da 10 e lo nasconde in uno dei cassetti del suo enorme armadio, indossa il suo inseparabile cappellino, dopodiché esce di casa assicurandosi di chiudere a dovere la porta d’ingresso. Si ferma a metà vialetto e fissa i suoi genitori pronti a partire.

SOPHIE
Mi ricordate per quale motivo
stiamo andando in quel covo di
pettegole e palestrati? Senza
contare il fatto che dovremo
farci 6 ore e 15 minuti di
macchina, quando avremmo potuto
benissimo prendere l’aereo ed
arrivare in un’ora.

SANDY
Sai benissimo che tua madre
non può prendere più l’aereo
dopo il problema che ha avuto.
Inoltre, ciò che tu chiami
‘covo di pettegole e palestrati’
si chiama Newport Beach ed è
stata la nostra casa per
moltissimi anni, prima
che nascessi tu…

SOPHIE
Che culo!

SANDY
…ci stiamo andando perché tuo
fratello Seth e sua moglie Summer
hanno organizzato una piccola
cena in famiglia in occasione
del loro decimo anniversario
di matrimonio. Ti è chiaro ora?

SOPHIE
Chissenefrega!

KIRSTEN
(con tono di rimprovero)
Sophie!! Non voglio sentirti parlare
così di tuo fratello!

Sophie non ha nulla contro Seth, anzi. Lo ha sempre adorato fin da quando era bambina. Il problema lo ha con quella città di Orange County dove ha passato un paio di estati e dove non si è mai sentita a suo agio.

SOPHIE
Scusa mamma!

La ragazza non aggiunge nient’altro, limitandosi a salire in macchina.
Sandy guarda, sorridente, il viso di sua moglie ancora imbronciato.

SANDY
Sei sempre sexy nelle vesti
di poliziotto cattivo.

KIRSTEN
Non sono un poliziotto cattivo!

SANDY
(sorridendo maliziosamente)
Oh, sì che lo sei…

I due genitori seguono l’esempio della figlia e salgono sull’auto, diretti in un luogo che per loro è pieno di ricordi, felici e meno felici: Newport Beach.

COLONNA SONORA: (riprodurre mentre si legge la scena successiva)

long-beach-01

La lunghissima strada che Sandy ha scelto di percorrere, da Berkeley a Newport Beach, è una strada tipicamente Californiana: costeggia un mare quasi sempre splendido, è coronata da palme su entrambi i lati della carreggiata ed è un vero piacere percorrerla con quel clima soleggiato di inizio Settembre. Sophie ha infilato le cuffie del suo iPod nelle orecchie e, da quando il viaggio ha avuto inizio, si è limitata ad ascoltare la sua musica con lo sguardo rivolto fuori dal finestrino. Alberi, surfisti, ragazze in bikini, persone che giocano a palla sulla spiaggia, macchine parcheggiate sul lungomare. Tutto le scorre davanti agli occhi velocemente, tanto che non ha nemmeno il tempo di distrarsi dai suoi pensieri. Ogni tanto le piace concentrarsi su una persona qualsiasi di quelle incrociate per strada e provare ad immaginare la sua vita. Cerca di immedesimarsi in lui e di capire se la sua sia una vita più agevole e con meno complicazioni di quella che lei sta vivendo. Quelli che lei vede come complicazioni, tuttavia, non sono altro che semplici problemi che qualsiasi adolescente ha affrontato. Sembra scontato, ma a quell’età ognuno crede di avere il peso del mondo sulle proprie spalle mentre, invece, i veri problemi devono ancora arrivare. E, per lei, sono dietro l’angolo.

NEWPORT BEACH

seth summer

Summer entra nel salotto di casa. La casa sua e di Seth. La stessa che per molti anni era stata la dimora della famiglia Cohen lì a Newport ma che, qualche anno prima, era stata resa inagibile dal tremendo terremoto che aveva sconvolto la cittadina. Dopo il matrimonio con Summer, Seth aveva deciso di restaurarla a qualunque costo. E così aveva fatto, con l’aiuto di Ryan. Adesso lui e Summer ci vivono da qualche anno. Seth è seduto sul divano, in salotto, a guardare il notiziario in tv. Non è certo nel suo spirito star lì a riempirsi di cattive notizie, ma in qualche modo deve pur ingannare il tempo. Summer, che arriva dal lato alla sua sinistra, ha un fumetto in mano e lo lancia addosso a suo marito.

SUMMER
Cos’è questa storia? Hai fatto
litigare Miss Vixen e The Ironist!

SETH
A quanto pare qualcuno non ha
gradito l’ultimo numero del mio
Atomic County.

Seth raccoglie il fumetto e lo poggia sul tavolo di vetro dinanzi al divano.

SUMMER
Non capisco come mai il tuo editore
non ti abbia licenziato. Questa
storia fa schifo.

SETH:
Forse perché il mio editore
sono io!

Seth, dopo alcuni anni non proprio al top, è riuscito – finalmente – a sfondare con il suo fumetto e, grazie ai ricavi ottenuti, è riuscito a comprare la quota di maggioranza della casa editrice che lo pubblica. Ora si può dire che sia il padrone di sé stesso.

SUMMER
Spiritoso!

SETH
Rilassati. Nel giro di un paio di
numeri faranno pace e passeranno pagine
e pagine e pagine a fare i piccioncini
sul lungomare.

SUMMER
Che schifo!

Seth ridacchia e Summer gli mostra la lingua in una delle sue tipiche smorfie che la fanno sembrare una dodicenne. Proprio in quel momento, i due sentono suonare il campanello della porta d’ingresso.

SUMMER
Vai tu?

SETH
Vado io…

Seth si alza dal divano e procede verso l’ingresso di casa Cohen. Apre la porta.

sophie

SOPHIE
Ciao sfigato!

La sorellina di Seth è la prima ad entrare in casa. “Sfigato” è il nomignolo con cui ha sempre chiamato suo fratello. Ovviamente, in senso affettuoso. Sophie adora suo fratello, così come lui adora lei. Nonostante la loro enorme differenza d’età, si son sempre voluti un sacco di bene.

SETH
Bambi!

Seth stringe in un abbraccio sua sorella. Bambi è il soprannome che le ha dato da piccola quando, per ottenere ciò che voleva, era solita fare gli occhioni dolci. Occhioni dolci a cui lui, ovviamente, non ha mai saputo resistere. Dopo un paio di secondi la ragazza si divincola dalle sue braccia.

SOPHIE
Basta adesso.

Sophie non è il tipo di ragazza che ama le smancerie.

sandy kirsten

Dietro di lei fanno capolino sulla porta Sandy e Kirsten. Lui, nel suo solito ed elegante completo italiano, tiene in mano una bottiglia di vino che ha tutta l’aria di essere molto pregiata, lei, impeccabile come sempre, un cesto con diverse cose da mangiare.

SANDY
E’ permesso?

SETH
Entrate. Che bello rivedervi!

Seth abbraccia prima il suo vecchio, poi sua madre. Nonostante cercassero di trascorrere tutte le festività insieme, da quando si è sposato Seth sente molto la mancanza dei suoi genitori. Era abituato ad averli sempre visti in quella casa ed ora non riesce ad abituarsi all’idea che vivano a Berkeley.

SUMMER
Signori Cohen!

Summer arriva dal salotto e va immediatamente a prendere il cesto dalle mani di Kirsten.

SUMMER
Lascia, faccio io.

Kirsten la ringrazia. Le due si salutano con dei baci sulle guance.

ryan

Nel frattempo, sulla porta appare anche Ryan.

RYAN
Posso?

Seth si volta e lo vede.

SETH
Ryan!! Era ora! Ti aspettavo un
paio di ore fa per i preparativi.

Ryan sorride, imbarazzato.

RYAN
Avevo quell’importante incontro di
lavoro, lo sai. Te l’ho accennato ieri.

SETH
Ma certo, scherzavo.

Seth, a distanza di anni, adora ancora punzecchiare Ryan. Il loro rapporto non è cambiato di una virgola in tutto questo tempo.

Ryan abbraccia prima Kirsten e Sandy, poi Seth. Infine, a lui si avvicina Sophie che gli mostra un pugno. Ryan, con la sua mano stretta a mo’ di pugno, batte su quello della sorellastra. Nonostante non abbiano alcun legame di sangue, Sophie ha sempre avuto una particolare connessione con Ryan. Lo sente, caratterialmente, molto più vicino a lei di quanto non lo sia Seth. Vuole un gran bene a entrambi.

1103178714_large

Dopo alcune ore, tra preparativi e racconti, la famiglia Cohen al completo è a metà della cena per l’anniversario di Seth e Summer. Lui avrebbe voluto festeggiare più in grande i loro dieci anni insieme, ma lei ha preferito una cena con i soli familiari più stretti. Delle persone con cui avrebbe voluto festeggiare manca solamente suo padre, morto a causa di un infarto ormai tre anni e mezzo fa.

Sono tutti seduti attorno al tavolo in cortile, di fronte alla piscina. Seth si rivolge a suo padre.

SETH
Ho letto sui giornali del tuo nuovo
processo contro quel boss della malavita.

SANDY
Anthony Masano, sì. Tra qualche mese
non possederà più mezza California.
Sono pronto a portargli via anche le mutande!

SETH
Non ce la fai proprio a stare
fuori dai guai eh?

SANDY
A quanto pare no! Del resto da
qualcuno dovrai pur aver preso.

Sandy sorride con aria soddisfatta. Ha sempre la risposta pronta.

SETH
Dico sul serio, papà. Sii prudente.
Con quella gente non si scherza.

SANDY
E nemmeno con tuo padre!

Sandy fa un gesto come a mostrare i suoi muscoli e Seth sorride scuotendo il capo. Anche Kirsten e Summer sorridono a quelle parole. L’amore e la passione che Sandy ha sempre messo nel suo lavoro di avvocato è esemplare. Ryan ne è la testimonianza vivente. Il figlio adottivo dei Cohen è abbastanza silenzioso, come suo solito. Non ha mai amato parlare più del necessario. Sophie Rose si rivolge a lui.

SOPHIE
Allora, Ryan. Hai più picchiato
nessuno qui a Newport?

Interviene Seth, prendendo la palla al balzo.

SETH
E’ una vita che non lo vedo più usare i
suoi pugni indomiti. E’ diventato un
pacifista. Forse devo iniziare a riscrivere
il personaggio di Kid Chino. Già me lo vedo
ad aiutare le vecchiette ad attraversare la strada.

RYAN
Mi bastano e mi avanzano quelli che ho
tirato quando ero nel fight club!

SETH
Ryan! Non lo sai che la prima regola
del fight club è non parlare mai del
fight club? Anche se, ad essere sinceri,
non mi è mai stato chiaro se il fatto di
ripetere questa regola non sia già una
violazione di essa, in quanto le parole
“fight club” vengono ripetute più di una
volta… tu che ne dici?

Ryan lo guarda con un’espressione a metà tra l’esterrefatto e il rassegnato. Pensa che Seth non cambierà mai. Al tavolo tutti iniziano a ridere, poi prende la parola Kirsten.

KIRSTEN
Ryan, il lavoro come procede?

Dopo la domanda, la donna prende la ciotola dell’insalata rovesciandosene un po’ nel suo piatto.

RYAN
Abbiamo avuto un po’ di difficoltà
inizialmente, ma sembra che adesso il
Newport Group sia pronto a spiccare
nuovamente il volo. Certo, se riavessimo
con noi la storica vice presidente sarebbe
tutto molto più facile…

Kirsten inclina leggermente la testa verso destra.

KIRSTEN
Lo sai, sono stata costretta a rifiutare
la tua proposta a causa dei miei problemi
di salute. Inoltre, abitare a più di sei
ore da Newport non avrebbe certo aiutato.
Tuttavia sono sicura che sarai totalmente
all’altezza della situazione. Se solo mio
padre potesse vederti ora…

SETH
Probabilmente il nonno lo ucciderebbe per
avergli rubato l’azienda. Sai, non era certo
il fan numero uno di Ryan.

Sandy fa un cenno facendo capire di pensarla allo stesso modo e Summer sorride ripensando alle vecchie storie tra Ryan e Caleb.

KIRSTEN
Non è mai stato il tipo di persona che
lascia trasparire i suoi sentimenti. A volte
la sua prudenza lo portava ad essere chiuso
e scontroso, a non fidarsi di nessuno, ma so
che alla fine l’avevi conquistato. Sarebbe molto
fiero di te oggi. Così come lo siamo noi.

Ryan guarda Kirsten e le sorride. Quanto sono lontani i tempi in cui la donna sgridava suo marito per averle portato un galeotto in casa. E’ passata una vita. Non avrebbe mai pensato che si sarebbe affezionata così tanto a lui.

A mezzanotte inoltrata Sandy, Kirsten e Sophie si infilano nuovamente in macchina pronti a ripartire verso casa. Il viaggio è decisamente lungo, tant’è vero che fino al giorno prima avevano intenzione di passare la notte a Newport e rientrare la mattina successiva, ma un’improvvisa chiamata del giudice ha costretto Sandy a viaggiare di notte in modo da poter essere presente il mattino dopo in tribunale. Quando il dovere chiama, Sandy risponde. Sempre. Dopo aver salutato tutti, i tre ripartono alla volta di Berkeley.

COLONNA SONORA: (riprodurre mentre si legge la scena successiva)

6036909731_cb40773ae4_z

Ad un certo punto del tragitto, un’altra auto – nera e con gli abbaglianti accesi – si avvicina, da dietro, alla vettura della famiglia Cohen. Sandy guarda nello specchietto e la vede. Il suo sguardo si atterrisce quando l’auto inizia a tamponare la loro.

KIRSTEN
Sandy!

SOPHIE
Papààà!

Le due iniziano ad urlare. L’auto dietro continua a tamponarli. Ancora. E ancora. E ancora. La paura prende il sopravvento. Sophie urla. Kirsten fa lo stesso.
Sandy tenta, con una manovra, di farsi sorpassare, ma l’auto nera li colpisce nuovamente. Di fianco questa volta. Un impatto tremendo. L’auto dei Cohen cade giù, nella strada sottostante, ribaltandosi. Rotola. Rotola ancora. Un volo di una decina di metri. L’auto in frantumi. Vetri ovunque. Fumo. Silenzio surreale. La quiete dopo la tempesta. Da lontano iniziano a sentirsi delle sirene. Ambulanze e vigili del fuoco. Sembra un film. Sembra un incubo. I paramedici arrivati sul posto dell’incidente portano via due barelle coperte con dei teli bianchi. Sulla terza barella è ben visibile Sophie Rose con una maschera d’ossigeno sulla bocca e tanto sangue sulla testa. Lì attorno c’è il caos. La gente radunata è incredula spettatrice di quel disastro. Un macabro spettacolo.

30kennedy.span_burialA.600

E’ una giornata di pioggia. Sono poche le giornate di pioggia a Newport. Questa è una di quelle. Seth, con un’espressione sconvolta, è in piedi davanti alle due bare, sul prato verde del cimitero. Non riesce a crederci. Non potrà più ascoltare le battute di suo padre. Colui da cui, anche se non lo ammetterebbe mai, ha preso molto del suo carattere. Non potrà più vedere sua madre. Non potrà più abbracciarla. Gli occhi sbarrati. Summer, accanto a lui, lo abbraccia stringendolo in vita con entrambe le mani e poggiando la testa sul suo petto. E’ nel pieno di un pianto disperato. Il suo trucco sbavato. Ryan è a pochi passi, in silenzio, che stringe a sé Sophie Rose. Lei non guarda. Non può pensare di essere stata l’unica a sopravvivere a quell’incidente. Perché loro no? Perché solo lei? Chi l’ha deciso? Sono tutti vestiti di nero. Ci sono decine di persone a quel maledetto funerale. Di nuovo gli occhi scioccati e gonfi di Seth. Sembra non aver ancora realizzato. E’ visibilmente frastornato. Ryan abbassa lo sguardo e dà un bacio sulla testa di Sophie. E’ il più lucido dei quattro. Il prete, in piedi dietro le bare di legno, recita qualcosa. Parole di conforto. Semmai possano esistere parole che confortino dopo una tragedia simile. Niente può essere di conforto di fronte ad una fine così definitiva come la morte. Due vite spezzate. Due genitori portati via troppo presto. Negli occhi di Sophie, che stacca la testa dal corpo di Ryan, le immagini di quell’incidente. Il volto incerottato. Il dolore. Lo strazio. La fine. L’addio.

UN MESE DOPO…

summer seth sophie

E’ una delle tante giornate calde e soleggiate a Newport Beach e Summer, Seth e Sophie – in abiti elegantissimi – stanno rientrando in casa. Quel giorno si è tenuta l’udienza per la custodia di Sophie dopo la morte di Sandy e Kirsten. Seth apre la porta e, una volta entrati tutti, la richiude alle loro spalle.

SETH
(slacciandosi la cravatta)
Affidamento temporaneo a carico di tuo
fratello Seth e sua moglie Summer. Poteva
andarti peggio, no?

SOPHIE
Già…

La ragazza risponde in maniera distratta. Ancora non ha superato la morte dei suoi genitori. Per lei è cambiato tutto così in fretta ed ora si ritrova “prigioniera” di una città che non ha mai amato.

SETH
Ehi… vieni qui.

Il ragazzo abbraccia sua sorella.

SETH
La supereremo insieme.
Te lo prometto.

Summer li guarda da qualche metro di distanza. E’ una scena di una bellezza unica, una delle rare occasioni in cui Seth ha svestito i panni di adolescente un po’ cresciuto ed ha indossato quelli di fratello maggiore responsabile, quasi di padre. Anche perché è quello che sarà d’ora in poi. Padre. Padre di sua sorella. E lei, Summer, avrà l’arduo compito di farle da mamma. Questo la spaventa un pochino.

SUMMER
Ho dimenticato i sacchetti con la
frutta in macchina, vai a prenderli
tu Sophie?

SOPHIE
Vado.

La ragazzina si divincola dall’abbraccio di suo fratello e si reca nuovamente verso l’uscita. Dopo che Sophie ha chiuso la porta alle sue spalle, Summer si rivolge a Seth.

SUMMER
Ce la faremo?

SETH
Dobbiamo farcela. Il giudice è stato
abbastanza chiaro, l’ha lasciata
temporaneamente con noi solamente perché
siamo di famiglia, ma alla prima infrazione
la sbatterà nel sistema. Non possiamo
permettere che accada. Inoltre sono anni
che proviamo, con scarsi risultati, ad avere
un bambino. Possiamo essere gli uni la
felicità dell’altra. E poi tu hai tutto ciò
che serve per essere una mamma fantastica.
Ce la faremo, ne sono sicuro.

Gli occhi di Summer brillano mentre dà un bacio sulla bocca di suo marito. Spesso ha più fiducia lui in lei di quanta ne abbia lei in sé stessa. Lo trova semplicemente adorabile.

OC+Cohen+Cooper+house

Sophie sta prendendo la frutta sul sedile posteriore dell’auto parcheggiata nel viale davanti casa Cohen. Dopo aver preso i sacchetti tra le braccia, chiude la portiera con l’aiuto dei piedi e, a pochi passi da lei, vede una ragazza che, nel frattempo, le sta andando incontro.

sophie ellie

RAGAZZA
Ciao.

SOPHIE
Ehi.

RAGAZZA
Ho saputo quello che è successo ai tuoi. Volevo
dirti che mi dispiace un sacco. Io sono Ellie,
Ellie Sanders e vivo nella casa qui accanto.
Per qualsiasi cosa, puoi contare su di me.

SOPHIE
Ok, grazie.

Sophie è un po’ seccata. Non ha nessuna intenzione di parlare della tragedia che le è appena occorsa, tantomeno con una sconosciuta che vive in quella città piena di cerebrolesi.

ELLIE
(imbarazzata)
Ok… Ci becchiamo in giro allora!

Sophie si limita ad annuire e si volta per tornare in casa. “Becchiamo”. Quanto parlano buffo le persone lì a Newport!?

ryan

Ryan è sulla tomba di Sandy e Kirsten. E’ in rispettosissimo silenzio, dentro di sé non smette di ripensare a quanto quella coppia di estranei abbia fatto per un teppistello come lui. Possono contarsi sulla punta delle dita le persone disposte a tanto e lui ha avuto la fortuna di incontrare due di quelle. I suoi pensieri vengono interrotti dallo squillare del suo telefonino. Ryan lo prende e risponde.

RYAN
Pronto?

SETH
Ehi Ryan, dove sei?

RYAN
Ho fatto un salto al cimitero, è
successo qualcosa?

SETH
C’è qui una persona che dice di doverti
incontrare immediatamente. Si tratta
di una questione di lavoro. Ce la fai
a passare a casa mia?

RYAN
Avevo intenzione di stare altri dieci
minuti qui al cimitero e poi devo
passare in ufficio.

SETH
Riferirò.

RYAN
Grazie.

SETH
Salutami mamma e papà.

La voce di Seth si incupisce e si lascia rompere dalle lacrime ricacciate indietro poco prima che potessero scendergli giù dagli occhi. Ryan se ne accorge dal semplice suono della sua voce. Lo conosce benissimo. Sa che non può ancora averla accettata quella tragica fine. Sa quanto fosse legato ai suoi genitori. Sa anche che nell’ultimo mese non è passata nemmeno una mattina senza che lui andasse a trovarli lì al cimitero, portando dei fiori freschi.

RYAN
Certo.

Point Loma, Fort Rosecrans National Cemetery, San Diego, California (SD)

Dopo aver riagganciato, Ryan stende una mano sulle lapidi e tocca prima l’immagine di Sandy, poi quella di Kirsten, quasi a volerli accarezzare entrambi. Dopo aver lasciato la tomba del signore e della signora Cohen, il ragazzo si reca in un altro settore del cimitero. Un settore che, all’apparenza, è molto più isolato e triste. Quasi del tutto senza fiori, se non per un vaso di taglia piccola poggiato su una delle tombe, dal quale fuoriescono alcuni gigli bianchi. Ryan si piega in avanti e con la mano toglie della polvere dalla foto. La foto in questione è quella di Marissa. Marissa Cooper. Sono passati diversi anni dalla sua prematura scomparsa, ma Ryan sembra non averla ancora superata del tutto. Ha provato a rifarsi una vita con Taylor, ma non ha funzionato. Non ha funzionato con nessun’altra. Forse l’amore che provava, o che prova ancora, per quella biondina che gli ha sconvolto la vita è troppo intenso per essere superato o dimenticato.

RYAN
Ciao Marissa.

Dopo quel saluto, Ryan aspetta una manciata di secondi, quasi come se si aspettasse una risposta dell’altra persona. “Che idiozia”, pensa.

RYAN
Non so se li hai già incontrati di
là, ovunque tu sia, ma Sandy e Kirsten
non sono più qui con noi. Non credevo
di poter soffrire nuovamente così tanto
dopo quella sera.

Una lacrima che non è riuscito a controllare solca il lato destro del suo viso, giù fino al mento.

RYAN
Ma stavolta sono un uomo, devo essere
forte. Devo esserlo per la piccola Sophie.
Sai, è cresciuta tantissimo e un po’ mi
ricorda te alla sua età.

Ryan si lascia sfuggire un breve, amaro, sorriso.

RYAN
Ha proprio un bel temperamento, non sarà
facile per Seth e Summer starle dietro.
Così come non lo era per tua madre stare
dietro a te. Quanti grattacapi le hai dato
a quell’età.

Una folata di vento gli provoca un piccolo brivido lungo la schiena. Il contrasto tra il caldo del sole californiano ed il freddo di quel breve soffio.

RYAN
Ti ricordi di Tijuana? Ci hai fatto
prendere un gran bello spavento quella
volta. Tua madre ha fatto di tutto per
rinchiuderti in un ospedale psichiatrico.

Ryan fa una piccola pausa, ripensando a quella situazione.

RYAN
So che sono passati tanti anni, ormai, ma
non passa un solo giorno che non mi svegli
con il tuo sorriso stampato nella mente.
Non c’è notte che non mi svegli col terrore.
Lo stesso terrore che avevo quella sera,
quando ti ho raccolta da quella maledetta
strada. Il terrore di perderti. Anche se ti
ho già persa, ormai. E che dire delle fitte
che mi colpiscono quando, camminando per strada,
tutte le ragazze mi sembrano te? Sei ovunque,
eppure non ti trovo da nessuna parte. Non ce
la faccio più. Sono passati tanti anni, lo so,
ma a me sembra ancora ieri che avevo la possibilità
di accarezzarti, di sentire il tuo profumo, di
assaporare le tue labbra. Non so se riuscirò mai
a superarlo. A superare te. A superare noi.

Ryan, dopo quelle parole, si concede un minuto di silenzio, poi si china e bacia la foto di Marissa. Che bel sorriso che ha lì. Il sorriso di cui si era perdutamente innamorato tanti anni prima.

“Ryan?”

Improvvisamente Ryan si sente chiamare. Una voce femminile proveniente dalle sue spalle. Tutt’a un tratto gli si gela il sangue. Il respiro si interrompe. Non può essere. Gli occhi sbarrati.

“Ryan Atwood?”

Ryan si volta e si rende conto che la sua mente gli ha giocato, ancora una volta, un brutto scherzo. Davanti a lui non c’è la persona che sperava di vedere, bensì una giovane donna, anch’essa alta, bionda e dotata di un’eleganza di altri tempi.

charlotte

DONNA
Mi chiamo Charlotte Morgan, Seth Cohen mi
ha detto che avrei potuto trovarla qui.

RYAN
Piacere di conoscerla.

I due si stringono la mano. Ryan torna sul pianeta Terra e cerca di concentrarsi su quella donna.

RYAN
Cosa posso fare per lei?

CHARLOTTE
Ha presente la villa vicino al molo che è
stata commissionata al suo gruppo la scorsa
settimana? Beh, quello con cui ha parlato era
uno dei miei emissari. Vorrei discutere con lei
alcuni dettagli su quella che sarà la mia nuova
abitazione per un po’ di tempo…

BaitShop(400)

La calda giornata si sta facendo sentire tutta e Sophie ha deciso di andare a farsi un giro dalle parti del pontile. Seth e Summer hanno acconsentito a mandarla, pensano che concederle i suoi spazi non possa che giovarle in questo periodo così difficile per lei. La ragazza è seduta su una panchina a fissare l’Oceano. Il rumore delle onde che si infrangono contro gli scogli sottostanti la stanno aiutando a rilassarsi. I suoi pensieri, in quel momento, non sono certo rosei, ma ha davvero bisogno di pensare e razionalizzare un po’ tutta la situazione. Negli ultimi trenta giorni è successo tutto così velocemente che non ha ancora avuto modo di metabolizzare l’incidente. Le ferite esterne sono ormai sparite dal suo volto, quelle ci impiegano relativamente poco a passare. Sono le ferite interiori, quelle nell’anima, le più difficili a cicatrizzarsi. Per quelle dovrà passare ancora un bel po’ di tempo. Se non altro, non ha più gli incubi la notte. E questo è già bel un traguardo.

Mentre è immersa nei propri pensieri, Sophie sente una voce femminile in lontananza.

“Ripetimelo in faccia se hai le palle!”

Qualcuno sta litigando. D’istinto Sophie si alza dalla panchina su cui è seduta e cerca di andare verso quelle voci. Di lì a poco raggiunge la spiaggia e vede un gruppo di ragazze. I toni sembrano scaldarsi sempre più e Sophie fa altri passi per vedere cosa sta succedendo.

ellie kimberly sienna

Da una parte c’è la ragazza che ha conosciuto poco prima nel viale davanti casa sua. Si chiama Ellie, se non ricorda male. Sembra impaurita. Di fronte a lei una ragazza bionda e bellissima, colei che sta urlando. Accanto c’è una ragazza dai lineamenti latini, anch’essa molto bella.

RAGAZZA BIONDA
Come immaginavo.

ELLIE
Kimberly, io…

La ragazza bionda, Kimberly, dà uno spintone ad Ellie costringendola ad indietreggiare di un paio di metri. Sophie continua ad avvicinarsi, ormai è a pochissimi passi.

KIMBERLY
Sei solo una puttanella in cerca
dei suoi cinque minuti di celebrità.
Se ti azzardi di nuovo a parlare di me…

Sophie sente il dovere di intervenire. Si avvicina ulteriormente.

SOPHIE
Ehi, tu… perché non la lasci in pace?

Kimberly e quella che sembra essere la sua tirapiedi si voltano immediatamente verso Sophie.

KIMBERLY
(con aria di sfida)
E tu chi sei?

SOPHIE
Se ti aspetti una stronzata tipo “chiunque
tu vuoi che io sia” ti sbagli di grosso.
Per dirla in parole povere, sono colei che ti
farà il culo se non ci dai un taglio.

Kimberly si volta verso la sua amica. Non riesce a credere alle proprie orecchie. Nessuno le ha mai parlato in quel modo.

KIMBERLY
Sienna, dimmi che ho capito male.

Sienna scuote il capo.

SIENNA
Credo che tu abbia capito perfettamente,
invece. Questa sgualdrina ha appena detto
che ti farà il culo. Credo sia giunto il
momento di farle vedere chi è che comanda
da queste parti.

Kimberly fa un paio di passi in avanti e va faccia a faccia con Sophie. La piccola Cohen può letteralmente sentire il suo respiro sul volto. Si guardano negli occhi. Gli sguardi di entrambe sono minacciosi.

KIMBERLY
Stai alla larga da me, biondina.

Sophie finge per un attimo di guardare in basso e poi la colpisce violentemente con un ceffone sulla guancia. La ragazza indietreggia di un paio di passi e poi si scaglia prepotentemente contro di lei. Ellie è impietrita, non sa cosa fare. Kimberly e Sophie si prendono per i capelli, cominciano a strattonarsi e di tanto in tanto si assestano, a vicenda, qualche colpo. Nella mischia interviene anche Sienna che dapprima colpisce con un pugno il ventre di Sophie, poi la afferra da dietro, bloccandola ed esponendola, del tutto indifesa, all’ira della sua amica. Kimberly inizia a colpirla. Una volta. Due volte. Tre volte. Sophie, sotto i colpi della sua avversaria, cade a terra. Il sapore della sabbia in bocca. Ellie prova, allora, ad intervenire, ma viene colpita e scaraventata a terra a sua volta. E’ evidente che non si sia mai trovata in una rissa prima d’ora. Sienna e Kimberly, con un movimento coordinato, colpiscono con un calcio al volto entrambe le ragazze.

“Ferma Kim! Che cazzo fai?”

Una voce maschile interrompe il massacro. E’ un ragazzo che sembra appena uscito dalla copertina di una rivista di moda, uno di quelli che se fossimo stati in un telefilm avrebbero come soprannome “Abercrombie”. Porta in mano due smoothies. Probabilmente era andato a prenderli per le ragazze nel chiosco lì vicino. Kimberly non risponde, ma decide di allontanarsi dalle sue prede. La sua amica segue l’esempio.

gabriel

RAGAZZO
Ti sei bevuta il cervello per caso?
Picchiare le persone qui, davanti a tutti!

KIMBERLY
Gabriel, tu non c’eri, non puoi
capire. Meritava una lezione.

GABRIEL
Chiedi immediatamente scusa.

KIMBERLY
Come dici? Ti schieri dalla parte di
una sconosciuta e di una sfigata, invece
che dalla parte della tua ragazza? Tipico
di te, non mi sorprende. Se vuoi puoi anche
limonartele qui seduta stante, tanto è così
che fai, no?

GABRIEL
Kim, scusati. Ora.

Kimberly si avvicina a Sophie, ancora distesa a terra con il labbro sanguinante. Porta la sua bocca vicino all’orecchio della sua rivale.

KIMBERLY
(sussurrando)
Benvenuta a OC, stronzetta!

Subito dopo, si allontana e fa per andare via.

KIMBERLY
Sienna, andiamo.

La sua amica la raggiunge senza dire una parola ed entrambe si avviano verso la scalinata che permette loro di tornare in strada dalla spiaggia. Gabriel, ancora incredulo da ciò che ha visto, si avvicina a Sophie ed Ellie e le aiuta a rialzarsi.

GABRIEL
Vi chiedo scusa per la mia ragazza.
Mi dispiace.

SOPHIE
Bella ragazza che hai!

Senza attendere una replica del ragazzo, si divincola dalla sua presa e si allontana nel tentativo di tornare da dove è arrivata. Ellie la segue.

ELLIE
Non dovevi farlo, potevo gestirla.

SOPHIE
Sì, l’ho notato.

Ellie sorride, rendendosi conto dell’ironia nel tono della nuova arrivata a Newport. Entrambe hanno sul volto i segni, ben visibili, della zuffa.

ELLIE
Grazie, comunque.

Sophie annuisce e va via. Il suo primo giorno da residente a Newport non è stato certo come lo immaginava, tuttavia sa che dovrà farci i conti con quella città che tanto odia. Del resto quella lì ora è anche casa sua.

moa

Qualche ora più tardi, Sophie sta trovando refrigerio da quella giornata torrida al fresco del centro commerciale di Newport dove si è recata a comprare ciò che le occorre per iniziare la sua nuova vita in quella cittadina di Orange County. Mentre cammina per i corridoi dell’edificio si sente chiamare alle sue spalle.

“Ehi! Ehi, biondina!”

Dapprima non dà peso a quelle parole, dopodiché capisce che son dirette a lei e si volta. A chiamarla è quel Gabriel che poco fa l’ha soccorsa in spiaggia. Indossa una divisa di un qualche negozio di quelli presenti in quella struttura.

sophie gabriel

SOPHIE
Sei peggio di una zecca!

GABRIEL
Come va il labbro?

SOPHIE
Di sicuro andava meglio prima che la
tua ragazza mi picchiasse.

GABRIEL
(sfoggiando uno dei suoi sorrisi da modello)
Non ci siamo ancora presentati a dovere,
comunque. Io sono Gabriel Ross, piacere.

SOPHIE
Sophie Rose Cohen. Adesso posso andare
o sei un poliziotto e mi stai
arrestando per qualche motivo?

GABRIEL
Ti avrei volentieri offerto una bibita fresca
per scusarmi ancora una volta. Lavoro al
bar lì in fondo. Vieni.

Gabriel indica il bar all’interno del centro commerciale e le prende un braccio come se volesse trascinarla verso quella direzione. Sophie ci pensa per un paio di secondi, poi decide di accettare l’invito. Il caldo è insopportabile quel giorno, un qualcosa di fresco è proprio quello che ci vuole.

I due son seduti ad un tavolino all’interno del bar. Gabriel le ha portato la bibita che le ha promesso e si è seduto di fronte a lei.

SOPHIE
Non dovresti lavorare?

GABRIEL
Sono in pausa, riprendo tra venti minuti.

SOPHIE
Sai, non l’avrei mai detto.

GABRIEL
Cosa?

SOPHIE
Che lavorassi qui. Insomma, a guardarti mentre sei
in giro con la strega uno direbbe che passi le
giornate a giocare a pallanuoto e fare servizi
fotografici per Abercrombie o cose del genere.
Questo è l’ultimo posto in cui avrei pensato di trovarti.

Gabriel dapprima sorride pensando al fatto che quella ragazza lo veda come una specie di modello, poi si incupisce.

GABRIEL
Hai mai sentito parlare di Lincoln Ross?

SOPHIE
Dovrei?

GABRIEL
Sei l’unica in questa città che non conosce la mia storia.

SOPHIE
Forse perché non sono di questa città. Mi sono
trasferita da poco da Berkeley.

GABRIEL
Comunque, Lincoln è mio padre. Era a capo di un’azienda
finanziaria molto rinomata qui a Newport. Purtroppo si
è fidato dei consulenti sbagliati e un paio di mesi fa è
stato arrestato per frode e tutti i suoi beni, i nostri beni,
sono stati congelati. Così se voglio continuare a studiare
alla Harbor devo trovare i soldi in qualche modo. E no, non
vivo grazie a degli stupidi servizi fotografici.

Sophie rimane scioccata dalla storia di quel ragazzo. L’aveva giudicato male.

SOPHIE
Mi spiace.

GABRIEL
Guardiamo il lato positivo, posso offrire da bere a tutte
le ragazze carine che capitano da queste parti.

SOPHIE
A patto che non ti faccia beccare dalla strega!

Gabriel ridacchia.

GABRIEL
Sai, Kim non è così male. Dovresti darle una chance,
potreste diventare amiche.

SOPHIE
No, grazie. Come se avessi accettato, guarda!

Sophie spalanca gli occhi come a far capire che è l’ultima cosa al mondo che farebbe.

GABRIEL
Vieni con me, ho bisogno del tuo aiuto.

Gabriel prende Sophie per il braccio e la trascina con sé. E’ la seconda volta quel giorno. I due sorpassano il bancone e si infilano nella porticina lì dietro, il magazzino del bar. Gabriel poggia una scala al terzo scaffale e si volta verso Sophie.

COLONNA SONORA: (riprodurre mentre si legge la scena successiva)

GABRIEL
Devo riprendere il turno, ma prima devo portare i
rifornimenti di là. Tienimi la scala mentre prendo il
recipiente con il succo d’arancia, altrimenti rischio
di cadere. L’ultima volta che sono finito con il culo
per terra non è stata una cosa molto simpatica.

SOPHIE
Pagherei per vedere quello show!

Gabriel si stende e afferra il recipiente riposto sullo scaffale in alto. Fa per voltarsi, ma il recipiente tocca l’estremità dello scaffale e si rovescia. Sophie è bagnata fradicia.

SOPHIE
(lentamente e a tono alto)
VAFFANCULO.

GABRIEL
(imbarazzato)
Cazzo, mi dispiace.

SOPHIE
L’ho sentita già troppo spesso quella frase
da te, considerato che ci conosciamo da qualche ora.

GABRIEL
Sono imbarazzato. Scusami.

SOPHIE
Mai quanto lo sarai a lavorare così.

Sophie prende una bottiglia di Coca Cola, la apre e la rovescia improvvisamente sulla testa del ragazzo.

GABRIEL
Che cazzo fai!?

SOPHIE
Siamo pari.

GABRIEL
Nemmeno per sogno! Il mio è stato un incidente,
tu l’hai fatto di proposito.

Gabriel afferra Sophie e inizia a far gocciolare i suoi capelli bagnati sulla sua testa. Sophie cerca di divincolarsi. I due iniziano a strattonarsi. C’è la complicità di chi si conosce da tanti anni, eppure son passate poche ore dalla prima volta che si sono visti. Dopo vari secondi a farsi dispetti a vicenda, i due si fermano, totalmente bagnati, a fissarsi negli occhi. La scintilla che scocca sarebbe visibile persino ad un cieco. Gabriel si china quel tanto che basta e porta il suo viso a pochissimi centimetri da quello di Sophie. Lei non si scansa. La tensione è alle stelle. Sophie si fa coraggio e colma quella manciata di centimetri che separa la sua bocca da quella di Gabriel. I due si baciano. Poi si baciano di nuovo. E di nuovo ancora. Con passione. Gabriel abbassa la spallina del vestito di Sophie. Sophie inizia a sbottonare la camicia zuppa di Gabriel. Lui le afferra i fianchi e la poggia contro il muro. Le gambe di lei abbracciano la vita di lui. Un altro bacio passionale. I due iniziano a fare sesso. Lì, nel magazzino del bar del centro commerciale pochissime ore dopo essersi conosciuti. In quel momento, Kimberly è solamente un vago ricordo. Per entrambi. Un vago ricordo con cui, però, presto dovranno fare i conti. Domani c’è scuola. Per Sophie il primissimo giorno alla Harbor.

FINE EPISODIO.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’EPISODIO 1X02 – THE DAY AFTER

   




Continua a seguire Telefilm Addicted su Facebook e Telefilm Addicted su Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news e iniziative.

Luca Prince
Il boss delle torte di Telefilm Addicted; un dittatore spietato che tortura i suoi collaboratori affinchè possano rendere al meglio. Quando non è impegnato ad organizzare attentati terroristici verso i membri del suo staff che non si impegnano come dovrebbero, ama guardare decine e decine di serie tv tanto da non avere più tempo per fare altro. Ama alla follia The O.C., ma svaria dai teen drama alle serie sci-fi, dai mystery alle comedy. Le uniche serie che non gli vanno giù sono le serie procedurali. Il suo sogno? New York ovviamente!

91 Comments

  1. Miriam

    9 luglio 2015 at 16:35

    Wow per un attimo mi è sembrato di tornare indietro di 8 anni! L’atmosfera è resa alla perfezione e i nuovi personaggi caratterizzati molto bene. La ciliegina sulla torta però secondo me è la caratterizzazione dei personaggi “vecchi”. Seth è perfetto Ryan pure Summer ha avuto poco spazio ma sono sicura che sarà altrettanto all’altezza della Summer che amavamo in tv. Una sola domanda: Sandy e Kirsten, perchèèèèèèèèè?

    • Luca Prince

      Luca Prince

      9 luglio 2015 at 17:34

      Allora, ti ringrazio per i complimenti. Avevo quasi paura a scrivere dei personaggi che ho tanto amavo, temevo di non reder loro giustizia. Sono contento che tu abbia apprezzato 🙂 Per quanto riguarda Sandy e Kirsten ho dovuto farlo per esigenze di storia. Avevo bisogno di un punto di partenza forte che spiegasse tutto ciò che leggerete nei prossimi episodi. Grazie mille per aver letto e commentato 🙂

    • Benedetta Terrizzi

      27 luglio 2015 at 20:57

      ma non si può vedere? non e’ ancora uscito?

      • Luca Prince

        Luca Prince

        27 luglio 2015 at 21:10

        Non è una vera e propria serie tv, ma una fan fiction scritta da un fan, per i fan 🙂

  2. Cla92

    9 luglio 2015 at 16:38

    Io Marissa la voglio viva e insieme a Ryan! Giù le mani dalla mia ship

    • Luca Prince

      Luca Prince

      9 luglio 2015 at 17:38

      Purtroppo non ho scritto io la morte di Marissa e resuscitarla avrebbe sconfinato troppo nel banale e/o nella fantascienza. Ti assicuro, però, che la presenza di Marissa Cooper si avvertirà incredibilmente per tutto il corso della stagone e, chissà, magari la vedremo anche prima o poi…
      Grazie per aver letto e commentato 🙂

  3. Kiaretta-P

    9 luglio 2015 at 17:01

    Awwwwwwww *_* Che meravigliaaaa <3

    • Luca Prince

      Luca Prince

      9 luglio 2015 at 17:39

      Sei la stessa del commento sulla pagina? Grazie ancora, infinitamente. Ti aspetto al prossimo episodio 😉

  4. RachelinaB

    9 luglio 2015 at 17:03

    Al “Che schifo!” ero già innamorata! Ottimo lavoro, l’ho letta tutta di un fiato 🙂

    • Luca Prince

      Luca Prince

      9 luglio 2015 at 17:40

      AHAHAHAHAH era immancabile il “Che schifo!” di Summer. E’ una delle pietre miliari dello show. Spero che tu abbia apprezzato anche gli altri riferimenti alla serie tv originale. Grazie mille per aver letto e commentato, appuntamento alla 1×02 😉

  5. anima90

    9 luglio 2015 at 17:06

    Wow!!! Adoro questo progetto… ho sempre sperato in un continuo della serie e state realizzando un mio sogno 🙂
    Ho quasi pianto per la morte dei Cohen, che tragedia 🙁
    Il rapporto tra Gabriel e Sophie mi intriga parecchio, penso proprio ne vedremo delle belle. E’ confortante sapere che tra Seth, Summer e Ryan non sia cambiato nulla, mi erano mancati tanto.
    Attendo con ansia il prossimo aggiornamento! Ciao!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      9 luglio 2015 at 17:42

      Innanzitutto grazie a te. E’ il tuo commento che contribuisce a realizzare il nostro di sogno 🙂 La morte dei Cohen sapevo che avrebbe avuto questo effetto e che molti non l’avrebbero apprezzata, ma ho dovuto fare questa scelta che sarà cruciale per ciò che ho in mente nell’intera stagione 1. Con Gabriel e Sophie ne vedrete sicuramente delle belle. Sono sicuro che riuscirò a sorprendervi già dal prossimo episodio. E’ un rapporto che amo e che mi sto divertendo un mondo a scrivere. Grazie mille per aver letto e commentato 🙂

  6. WalkeRita

    9 luglio 2015 at 17:23

    Amare alla follia questo pre-air nonostante tu mi abbia ammazzato l’OTP!!!! è stato un colpo al cuore!! Non so come descrivere il momento al cimitero con Ryan che parla a Marissa, è stato straziante, ho ancora i brividi!! Complimenti, è immenso, è puramente The OC, il tuo amore per questa serie tv si legge in ogni parola e solo per questo nessuno potrebbe mai superarti! Sono davvero curiosa di seguire l’evoluzione dei personaggi, soprattutto l’amicizia Sophie/Ellie e il rapporto di Seth & Summer con Sophie ora!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      9 luglio 2015 at 17:45

      Il momento di Ryan e Marissa era dovuto. Sento che quella storia non sia ancora del tutto chiusa e, prima di andare avanti, mi sentivo in dovere di dedicare loro un momento come questo. Sicuramente Marissa, pur non essendoci fisicamente, la avvertirete molto per l’intera stagione 1. Il rapporto tra Sophie ed Ellie sarà una delle cose più belle di questo primo ciclo, mentre Seth e Summer avranno dei gran bei grattacapi col caratterino di Sophie. Grazie mille per aver letto e commentato 🙂

  7. BibiGirl

    9 luglio 2015 at 18:05

    Ammetto che ero scettica inizialmente perché avevo paura che rovinassi una storia con cui sono cresciuta. Tuttavia devo ammettere che hai svolto un lavoro meraviglioso sia nella caratterizzazione dei personaggi che tanto abbiamo amato, sia nell’intrecciare le varie vicende. Non ho amato la scelta di far morire Sandy e Kirsten, ma la scena di Ryan e Marissa al cimitero è valsa l’intero episodio. Ho pianto a dirotto. :'( Complimenti davvero! non vedo l’ora di leggere il continuo.

    • Luca Prince

      Luca Prince

      9 luglio 2015 at 18:10

      Ero scettico io stesso ahahaha non ho mai avuto la presunzione di pensare di saper scrivere un episodio di The OC così come facevano Josh Schwartz e la sua crew. Ciò di cui ero sicuro, invece, era il mio amore incondizionato per questa serie e la volontà di trasmetterlo anche a voi che, come me, l’avete adorata. La scena di Ryan e Marissa è anche la mia preferita di questo pilot. Mi sono emozionato un mondo a scriverla e sono entusiasta del fatto che questa mia emozione vi sia arrivata così forte. Grazie mille per aver letto e commentato 🙂

  8. The Lady and the Band

    The Lady and the Band

    9 luglio 2015 at 18:47

    Ma che figata!!!
    Mi piace moltissimo, non vedo l’ora di leggerne il seguito.
    Sappi che sono nello stato di Seth: volevo un sacco di bene (tamarrata volontaria) ai Cohen.
    Sophie mi incuriosisce molto: una sorta di Ryan 2.0.
    E gli scambi tra Seth e Summer?Mi hanno ricordato gli originali!Bello!

    Ps. Mi spiace per l’assenza di Taylor, io l’adoravo 🙂

    • Luca Prince

      Luca Prince

      9 luglio 2015 at 19:08

      Grazie mille 😀 Anch’io adoravo i Cohen, anche se da questo pilot non si direbbe xD E’ stata più un’esigenza di trama che altro, spero di riuscire a farmi perdonare nei prossimi episodi 😀 Sophie è molto molto simile a Ryan, in versione femminile però, quindi anche un po’ più stronzetta. Ve ne accorgerete subito. Non volevo la solita protagonista lagnosa, volevo una protagonista con carattere ed è quello che ho cercato di fare. Taylor è l’altro tasto dolente. I suoi fans mi odiano già, ma nessuno ha detto che non la rivedremo nel corso degli episodi…. è pur sempre ancora viva! 😉 Grazie mille per aver letto e commentato!

  9. Aniel

    Aniel

    9 luglio 2015 at 19:58

    Luca, non so cosa dire… IO LO ADORO.
    The O.C. è stata una serie molto importante per me, quindi tornare a Newport è stato un sogno.
    Ho amato tutto di questo pilot, dalle novità ai rimandi alla serie, ai vari parallelismi. Lieta di sapere che “con Taylor non ha funzionato” perché mi avrebbe uccisa vederla anche qui. Non mi è mai piaciuta.
    Non vedo davvero l’ora di leggerti ancora. Me ne starò qui, ad aspettare… ADOLESCENZA ALL OVER AGAIN, BABY!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      9 luglio 2015 at 20:08

      Wow, ti ringrazio. Anche per me The OC ha significato tantissimo in quegli anni, quindi capisco benissimo cosa intendi. Sono contento che una fan della serie originale abbia apprezzato i parallelismi e gli omaggi, avevo un po’ paura che venissero interpretati nel modo sbagliato. Sono contento che non sia stato così 🙂 Taylor no, non avrei mai potuto dipingerla come il grande amore di Ryan. Ma non escludo che potremmo rivederla in qualche episodio, magari in una veste diversa 😀 Grazie davvero per aver letto e commentato, ti aspetto per il secondo episodio 🙂

  10. Francesca_Giorgino

    Francesca_Giorgino

    9 luglio 2015 at 20:06

    A me è piaciuto molto, nonostante lo shock iniziale causato dalla morte di Sandy e Kristen XD
    Sei riuscito a ricreare perfettamente le atmosfere che caratterizzavano The OC, i personaggi, il loro carattere e modo di fare. Mentre leggevo mi sembrava quasi di vederli Seth e Summer che bisticciano ancora come quando erano fidanzati XD
    Mi piace che tu abbia ricordato Marissa, che per me rimarrà sempre l’anima di The OC (ho sempre pensato che dopo la sua morte la serie tv non sia mai riuscita pienamente a riprendersi dalla mancanza delle dinamiche che scatenava, mia opinione personale…) e mi interessa questa nuova protagonista femminile soprattutto perchè ho trovato azzeccatissima l’idea di un “un’altra generazione di OC” con protagonista la sorellina di Seth appena nata nel finale che abbiamo visto in TV. E’ un pò una chiusura del cerchio, mi piace 🙂

    Insomma, mi hai riportato indietro ai miei anni liceali e mi hai fatto tornare a Newport Beach, il pilot mi sembra molto promettente 😉

    • Luca Prince

      Luca Prince

      9 luglio 2015 at 20:12

      Grazie mille Francesca! La morte di Sandy e Kirsten è stata un po’ uno shock anche per me. Ero legatissimo a quei personaggi, ma dopo mesi di progettazione ho pensato che fosse la cosa giusta da fare per la storia, soprattutto in base a ciò che vedremo d’ora in avanti. Il tributo a Marissa, per me era un obbligo. Sentivo che quella storia non fosse stata chiusa a dovere e prima di avventurarmi in qualcosa di nuovo, non potevo non omaggiarla. Seppur non fisicamente, Marissa sarà molto presente in tutta la stagione 1. Sono contento che tu abbia apprezzato così tanto! Grazie mille per aver letto e commentato, spero di ritrovarti qui per il secondo episodio 😀

  11. Sara

    9 luglio 2015 at 20:18

    Fantastico! Fantastico! Fantastico! Non c’è altro da dire, si respira proprio l’aria di The O.C.! Grandioso… vogliamo poi parlare della colonna sonora… sto già sclerando!!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      9 luglio 2015 at 20:25

      Grazie mille Sara. Mi fa molto piacere sentire tutto questo entusiasmo! La colonna sonora, in realtà, è venuta da sé. Quando ho scritto quelle scene mi ronzava già nella testa, quindi son state tutte canzoni molto facili da scegliere 🙂 Grazie mille per aver letto e commentato! ^_^

  12. thisperfecttime

    thisperfecttime

    9 luglio 2015 at 20:47

    L’idea di riportarci tutti a Newport Beach é magnifica; solo l’idea mi faceva saltellare come un bambino la notte di Natale!!! E poi la scelta e la caratterizzazione é perfetta, soprattutto Seth… Che spettacolo!
    Per non parlare della colonna sonora, azzeccatissima anche quella, molto The O.C!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      9 luglio 2015 at 20:50

      L’idea è nata un paio di anni fa. Da allora ho lavorato soprattutto a livello concettuale per risolvere alcune questioni e per cercare un modo per non propinarvi la solita storia teen che sa di già visto. Seth è in assoluto il mio personaggio preferito, quindi mi fa immensamente piacere sapere di essere riuscito a scriverlo rispettando tutti i parametri che tutti noi abbiamo amato nella serie tv. Come ho risposto già in una domanda precedente, la colonna sonora è venuta da sé. Quando ho scritto quelle scene già mi risuonava la colonna sonora adatta nella mente. E’ stato tutto molto automatico. Grazie mille per aver letto e commentato 🙂

  13. Celia

    Celia

    9 luglio 2015 at 21:21

    L’ho amato, sul serio. Sembrava proprio The O.C., il modo in cui i personaggi si muovono e parlano è praticamente identico a quello originale. La colonna sonora era azzeccatissima e alcune scene erano veramente emozionanti. Complimenti, si vede che ci hai messo tutta la passione che avevi per lo show!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      10 luglio 2015 at 01:08

      Wow, grazie mille 🙂 Sono contento di essere riuscito nell’intento di creare le atmosfere della serie tv originale! Ti ringrazio per aver letto e commentato e ti dò appuntamento al prossimo episodio 🙂

  14. Eilidh

    Eilidh

    9 luglio 2015 at 21:24

    Luca, io ti ODIO. Perché hai fatto questo a Sandy e Kirsten, perchè?
    Sophie mi piace abbastanza, per ora. Vorrei conoscerla un po’ meglio, ma ci sarà il tempo. Seth e Ryan sono fantastici, ho sempre adorato i loro dialoghi e ho sempre amato alla follia Seth!
    Per quanto riguarda Sophie e Gabriel, in genere preferisco le coppie che si sviluppano pian piano e si fanno desiderare (sono masochista, lo so), ma devo dire che quello che è successo mette Sophie in una situazione che può dare molti sviluppi in futuro, e il drama è il benvenuto nelle serie (cartacee e non).
    E i riferimenti alla serie originale? Che bello leggerli! E complimenti per le musiche, mi sono piaciute tutte ed erano davvero adatte alle scene! Uno dei punti forti di O.C era la colonna sonora (non credo che mi dimenticherò mai la scena con “Hide and Seek” in sottofondo… bellissima), e questo pilot ha dell’ottima musica. Bravo, capo!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      10 luglio 2015 at 01:11

      La scelta che riguarda Sandy e Kirsten è molto impopolare, me ne rendo conto. Però andava fatta, almeno per come ho in mente io lo svolgimento delle vicende. Sophie imparerai a conoscerla molto meglio nel tempo e per quanto riguarda il suo rapporto con Gabriel, fidati, non sarà così semplice come sembra ora. Volevo distaccarmi dalle canoniche coppie da teen drama che aspettano secoli per darsi un bacio. Volevo esplorare una situazione del tutto diversa e sono certo che vi stupirà già dal secondo episodio. Per le musiche è stato tutto facile. Queste scene si son scelte da sole le soundtrack, ho dovuto fare davvero poco in quel senso. Grazie mille per aver letto e commentato 🙂

  15. ChelseaH

    ChelseaH

    9 luglio 2015 at 21:51

    Luca ti odio tantissimo, in un attimo mi hai riportata a Newport, mi hai ridato Seth e Ryan e Summer e SETH E E SUMMER e poi quel “Ciao Marissa” mi ha uccisa. È un po’ come 90210 vs Beverly Hills, con la differenza che 90210 era trashissimo e per lo più pessimo mentre questa storia promette già benissimo ;_______;
    I personaggi sono credibilissimi rispetto agli originali, complimenti!
    Ora comunque non è che puoi stuzzicare così la gente e poi dire che il seguito arriverà “in data da definirsi”, sbrigati 😛

    • Luca Prince

      Luca Prince

      10 luglio 2015 at 01:14

      Ricalcare la caratterizzazione dei personaggi originali è stata la sfida più difficile e sono contento di non averveli rovinati più di tanto xD La scena di Ryan al cimitero era d’obbligo, sapevo che sarebbe stata il punto di forza di questo pilot. Per quanto riguarda le tempistiche, sappi che ci sarà da aspettare meno di quanto credi 😛 Grazie mille per aver letto ed espresso il tuo parere. Ti aspetto alla 1×02 🙂

  16. Marianna

    9 luglio 2015 at 21:54

    Sono stata una grandissima fan di O.C e credo proprio che lo sarò anche di questo nuovo racconto. All’inizio ci sono rimasta male per la morte di Sandy e Kirsten ma credo fosse una decisione obbligatoria per riuscire a riportare in maniera definitiva Sophie a Newport ed evitare il ripetersi della storia (con i Cohen come genitori amorevoli). Sophie già mi piace, non è una a cui piace farsi mettere i piedi in testa, e nonostante abbia sempre avuto una vita agiata, non sembra la classica ragazzina ricca e spocchiosa.
    Quando Ryan era al cimitero mi aspettavo che da un momento all’altro Marissa spuntasse alle sue spalle (nonostante la mia parte razionale sapesse che era una cosa impossibile 🙂 ).
    Seth e Summer sono sicura che riusciranno a fare un ottimo lavoro come genitori, mi sono sempre piaciuti come coppia e poi con uno zio come Ryan Atwood che ti copre le spalle, Sophie è apposto al 100%

    • Luca Prince

      Luca Prince

      10 luglio 2015 at 01:17

      Parto dicendoti che sono contento che tu abbia compreso le motivazioni che mi hanno spinto ad “uccidere” Sandy e Kirsten. Ci ho riflettuto su per mesi, davvero, ma alla fine mi è sembrata l’idea migliore anche se, magari, impopolare. Per quanto riguarda Sophie, volevo una protagonista “cazzuta” (passami il termine, please) che si distanziasse dalle classiche miss perfettine senza un briciolo di carattere che si vedono in alcuni teen drama. La scena al cimitero è stata costruita proprio per far sentire la presenza reale di Marissa nell’aria, pur sapendo che non poteva esserci fisicamente. Ti ringrazio per avermi dato una chance e per aver lasciato il tuo commento 🙂

  17. Roberta

    9 luglio 2015 at 22:52

    Che emozione… è stato come ritornare nel passato anche solo leggendo l’episodio…

    • Luca Prince

      Luca Prince

      10 luglio 2015 at 01:18

      Catturare i vecchi fans scrivendo di cose che hanno amato è sempre difficile. Sono contento di essere riuscito ad emozionarti 🙂 Grazie mille!

  18. Claw

    Claw

    9 luglio 2015 at 23:18

    CHE FIGATA.
    Davvero non saprei cosa altro dire dopo aver letto questo capitolo perché davvero probabilmente mi son resa conto solo ora quanto mi è mancato O.C., quanto mi è mancato Ryan, quanto mi è mancato il mio Seth e lui con Summer, una delle mie prime OTP tra l’altro, e…UAO. Semplicemente stupendo.
    La scrittura è impeccabile, tutto fila veloce e praticamente divori tutto sino ad arrivare alla fine dove tra nuovi e vecchi personaggi, buona musica e quell’aria di Newport che si respira tutto il tempo non si può far a meno di chiamare a gran voce il proseguo. WELL DONE!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      10 luglio 2015 at 01:21

      Così mi fai emozionare!! Mi fa piacere esser riuscito a far riaffiorare le emozioni che OC ci ha regalato e sono contento che tu abbia potuto respirare l’aria di Newport in questo racconto. Era esattamente su quello che si è concentrato maggiormente il mio lavoro. Ti ringrazio infinitamente per aver letto e spero di rileggerti tra i commenti del prossimo episodio 🙂

  19. Julia

    10 luglio 2015 at 07:07

    Complimenti Luca! Shippo già Sophie e Gabriel!!! Non ti perdonerò mai per la morte dei Cohen ahaha, ma se dici che è stata necessaria per svolte future, mi fido! Non vedo l’ora di leggere il prossimo episodio… Mi sono sentita di nuovo a Newport Beach ed è stato bellissimo 🙂 Ryan che parla a Marissa… Semplicemente meraviglioso!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      10 luglio 2015 at 10:07

      Con Sophie e Gabriel ne vedrete delle belle, ve l’assicuro! Sono contento di essere riuscito a riportarti a Newport per qualche minuto 🙂 La scena di Ryan e Marissa mi ha emozionato mentre la scrivevo e mi fa piacere che ti sia arrivata! Grazie mille per aver letto e commentato 🙂

  20. Gio.spike

    Gio.spike

    10 luglio 2015 at 16:43

    La scena del cimitero mi ha lasciato in lacrime… Lo sai che io sono sempre stata una gran fan di questo progetto, e vederlo realizzato e poterlo leggere nella sua completezza con le canzoni che hai scelto è qualcosa di veramente emozionante. Hai realizzato un tuo piccolo sogno e di questo dovresti andare fiero, la storia ha un potenziale enorme e con questo pilot non hai disatteso le aspettative che qualsiasi fan dello show poteva avere. Chapeau Luca!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      10 luglio 2015 at 16:51

      Grazie mille Giò! Sai quanto ci tenevo a questo progetto, son due anni che ti faccio una testa così, nel tentativo di curare tutti i dettagli possibili. Sono felicissimo che tu abbia apprezzato questo pilot e, tra tutte, la scena del cimitero è stata quella che ho “sentito” maggiormente mentre scrivevo, quindi la soddisfazione nel sapere che vi è arrivata è inappagabile. Grazie mille per avermi sopportato e supportato 🙂

  21. F.T.P.

    10 luglio 2015 at 21:47

    Buonasera Newport!
    questo telefilm per me è un pezzo di vita, dialoghi,canzoni, style… una parte di me.
    Voglio farti i complimenti per il coraggio e per i dettagli che mi hanno fatta sentire a casa Cohen; Kirsten che prende l’insalata con le grandi postare in plastica trasparente credo sia emblematico.
    Ho apprezzato Summer ed il suo piglio deciso, ma non il fatto che lei e Seth non siano “riusciti” ad aver figli… sono ancora giovani!
    Se posso porre un appunto, senza schizzarti il gioco, la canzone dei Sum41 “Whith me” appartiene già ad una coppia teen molto amata, e secondo me non rende bene come sfondo per la prima volta tra Sophie e Gabriel, specie se vorrai renderla ricorrente.
    Attendo con curiosità la prossima puntata,
    A presto!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      10 luglio 2015 at 22:06

      Ciao F.T.P.
      Ti ringrazio per il tuo commento. Mi ha fatto molto piacere leggerlo perché sei stata la prima a contestarmi qualcosa. Ti rispondo subito. Lì per lì non avevo pensato a Chuck e Blair e, probabilmente, è stato un mio errore. So che per il 99,9% degli addicted quella canzone è sacra e rappresenta loro ed esclusivamente loro. Tuttavia, come dicevo in qualche altro commento, le colonne sonore sono venute davvero spontanee. Nel momento in cui scrivevo quelle scene, canticchiavo già quelle canzoni lì tra me e me e non ho potuto esimermi dall’includerle.
      Per quanto riguarda Seth e Summer, se presti bene attenzione, si dice “sono anni che proviamo ad avere un bambino”, ma ciò non significa che non riusciranno ad averlo in futuro. Non ho ecluso quella possibilità. Ho semplicemente raccontato che, per il momento, non ci sono riusciti. 😉 Però non voglio rischiare di spoilerare qualcosa ahahahah
      Mi riempie di gioia il fatto che abbia apprezzato i dettagli e che siano riusciti a trascinarti nuovamente, per qualche minuto, a casa Cohen.
      Grazie infinite per aver letto e commentato e spero di poterci confrontare nuovamente dopo il prossimo episodio 🙂

      • F.T.P.

        10 luglio 2015 at 22:25

        Sì, sembrava di essere sui loro divani rosa tra i cuscini con le foglie di palma!
        Grazie per la tua risposta celere e sincera, adesso però la curiosità aumenta a dismisura per le prossime puntate! La canzone potrebbe essere anche un tributo a Josh Schwartz, infondo è il produttore di ambo le serie, no? 😉
        Se volessi far tornare Anna, non preoccuparti per i biglietti da Pittburgh, su Skyscanner ci sono ottime offerte!
        A presto!

        • Luca Prince

          Luca Prince

          10 luglio 2015 at 22:37

          AHAHAHAHAHAH ti anticipo che qualcuno della serie originale tornerà. Più di uno, a dire il vero. Però non riuscirai a estorcermi i nomi. Non posso dire altro! A presto 🙂

  22. Ca7

    10 luglio 2015 at 23:07

    Mi è bastato leggere “The O.C.” che ho subito cliccato per la lettura. E’ una di quelle serie a cui sono affezionata e questo tuffo indietro nel tempo è stato emozionante, e penso che lo sarà con le prossime letture. Sono fan anche di questa fan fiction, è aggiudicato! Hai avuto davvero un’ottima idea Luca. Sei riuscito a ricreare le giuste atmosfere del telefilm, la giusta lunghezza d’onda dei legami tra i “vecchi” personaggi. Mi incuriosisce molto vederli nelle loro vite da adulti e rapportarsi con una adolescente come Sophie. Comunque, anche se hai detto in un commento che la scelta della morte di Sandy e Kirsten è stata per esigenza narrativa, non posso proprio perdonartela. E’ stato crudele! A parte questo, ottimo inizio.

    • Luca Prince

      Luca Prince

      10 luglio 2015 at 23:27

      Ti ringrazio per i complimenti, mi fa molto piacere che tu abbia apprezzato. L’idea di riportare indietro dei personaggi così amati era sicuramente rischiosissima e sono contento che non ci sia ancora Josh Schwartz dietro la mia porta a minacciarmi di morte per averglieli rovinati! Purtroppo, però, inizio a pensare che presto ci troverò il club NO MORTE SANDY E KIRSTEN, visto che siete stati in molti a non perdonarmi questa scelta. Vi prometto che ci metterò il massimo dell’impegno per far sì che questo sacrificio sia valso la pena. Grazie mille per aver letto e commentato. Appuntamento al prossimo episodio, ci conto! 😉

  23. alessioxoxo

    11 luglio 2015 at 08:35

    Partiamo dal presupposto che NON ho mai amato le FF le ho sempre trovate poco interessanti, ma questa volta ho voluto dare una possibilità perché devo molto a The OC è stata la serie che mi ha fatto diventare un telefilm addicted.

    Che dire, che emozione, ho amato i riferimenti alla serie. Mi ha fatto ridere la scena di Summer quando lancia il fumetto a Seth, ho amato la scena finale con una colonna sonora perfetta. La scena del cimitero mi ha fatto “male” perché ripensare a Marissa è difficile , era uno dei miei personaggi preferiti!

    Complimenti! non vedo l’ora di leggere l’episodio due!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      11 luglio 2015 at 10:38

      Ti ringrazio infinitamente Ale! Sapere di aver fatto appassionare uno che solitamente non ama le Fan Fiction è un motivo di orgoglio ancora maggiore. Nelle scene di Seth e Summer, ma anche in quelle di Ryan, ci ho messo il massimo dell’attenzione per far sì che i personaggi scritti ricalcassero alla perfezione quelli visti in tv. Per me è la cosa più importante! La scena al cimitero è anche la mia preferita, quindi son contento di essere riuscito ad emozionarti.
      Grazie mille per aver letto e commentato, non vedo l’ora di farti leggere il secondo episodio 🙂

  24. Clizia Germinario

    Clizia Germinario

    11 luglio 2015 at 15:47

    Scorrevole e ben scritto, complimenti! 🙂

  25. Arianna

    12 luglio 2015 at 07:44

    Divorato in pochi minuti…scritto perfettamente, ti riporta indietro nel tempo! Attendo le prossime puntate… sarebbe meraviglioso vederlo riprodotto in tv! Ti faccio i miei complimenti…bravissimo!!!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      12 luglio 2015 at 10:42

      Ciao Arianna, innanzitutto ti ringrazio per aver letto e lasciato un commento! Sono contento che tu abbia apprezzato lo stile di scrittura ed è per me un grande onore essere riuscito a ricatapultarti indietro nel tempo a quando questi personaggi erano sui nostri schermi. Grazie mille ancora e spero di ritrovarti tra i commenti dei prossimi episodi 🙂

      • Arianna

        12 luglio 2015 at 18:05

        Ci puoi scommettere!!!!!! Continua cosi!!!!!!!!

        • Luca Prince

          Luca Prince

          12 luglio 2015 at 18:10

          A presto allora! Grazie mille ancora una volta 🙂

  26. Alice

    12 luglio 2015 at 11:34

    Veramente bellissimo! Innamorata della serie e innamorata anche di questo! Non vedo l’ora che tu vada avanti 😀 Adoro già Sophie!!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      12 luglio 2015 at 11:55

      Grazie mille Alice! Sono contento che abbia trovato questo pilot di tuo gradimento 😉 Sophie è un personaggio un po’ diverso dalle classiche protagoniste da teen drama, ho cercato di scrivere una ragazza con un carattere totalmente diverso. Vedrai che nel secondo episodio già ti stupirà! Aspetto un tuo commento anche la prossima volta 🙂 Grazie ancora!

  27. Caterina

    14 luglio 2015 at 00:23

    Adoro.
    Altrochè lagna Gilbert (parlando da fan della serie) questa è una protagonista cazzuta coi fiocchi, già mi piace un sacco. E sono troppo curiosa di vedere come si svilupperà la storia con Gabriel, li shippo già.
    Per il resto parto dal presupposto che raramente leggo fan fiction sulle serie tv perchè difficilmente l’autore riesce a scrivere bene personaggi già costruiti ma in questo caso devo dire che hai fatto un ottimo lavoro! Mi sembrava di vedere i personaggi in scena, che emozione
    Mi aggiungo alla lista di chi non ti perdonerà facilmente la morte di Sandy e Kirsten ma viste le basi ti concedo il beneficio del dubbio 😉
    Non vedo l’ora di leggere il prossimo! Complimenti!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      14 luglio 2015 at 09:39

      Ciao Caterina,
      sono contento che abbia apprezzato il carattere della protagonista. Ho fortemente voluto una protagonista con gli attributi che si differenziasse dalle solite lagne da teen drama.
      La paura più grande era quella di non riuscire a caratterizzare a dovere quei personaggi che tutti abbiamo amato nella serie TV vera e propria e mi fa immensamente piacere sapere di aver fatto un discreto lavoro. Per la questione Sandy/Kirsten cercherò di farmi perdonare, promesso
      Grazie infinitamente per aver letto e lasciato un commento! Ti aspetto al prossimo episodio 🙂

  28. Ale

    Ale

    14 luglio 2015 at 10:31

    Devo dire che sono già appassionata a questo nuovo progetto, sono una fan dello show che ha sempre sperato in almeno un mini-sequel (nonostante non possa lamentarmi del finale, al contrario di altre serie), quindi ritrovare tutti i personaggi a cui ero affezionata, vederli passare il testimone a un’altra generazione, è stato un vero piacere 🙂 Ecco come si fanno gli spin-off, qualcuno vada a dirlo agli autori di 90210 xD Sono anche colpita dalla caratterizzazione non solo delle new entry ma in particolare dei personaggi già esistenti, non è mai facile riprendere dei fan favourite mantenendone i tratti originali senza scadere nel banale, ma in questo caso -giusto per dare un’idea- ho letto questo pre-air l’altro giorno in mattinata e la sera avevo come la sensazione di aver beccato una replica di the O.C. in tv, tanto i dialoghi mi hanno ritrasportata in quel mondo. Leggendo le varie battute mi immaginavo proprio i personaggi che parlavano, le colonne sonore sono perfette…certo, il twist dell’incidente ha sconvolto la mia giornata ma d’altronde noi addicted siamo abituati ad avere i sentimenti schiacciati da autori crudeli xD Aspetto con ansia il prossimo capitolo!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      14 luglio 2015 at 11:36

      “Sono anche colpita dalla caratterizzazione non solo delle new entry ma in particolare dei personaggi già esistenti, non è mai facile riprendere dei fan favourite mantenendone i tratti originali senza scadere nel banale, ma in questo caso -giusto per dare un’idea- ho letto questo pre-air l’altro giorno in mattinata e la sera avevo come la sensazione di aver beccato una replica di the O.C. in tv, tanto i dialoghi mi hanno ritrasportata in quel mondo. Leggendo le varie battute mi immaginavo proprio i personaggi che parlavano”

      Sai che potrei farti una statua per questo commento, vero? Hai decisamente migliorato la mia giornata! La preoccupazione di rovinare personaggi tanto amati era bella forte, pertanto ho cercato di studiarli il più possibile e di ricrearli nella maniera più fedele. Sono felicissimo che a tuo parere sia riuscito in questa piccola impresa. Per il resto ti ringrazio infinitamente per aver letto e commentato. Spero di rivederti nel prossimo episodio. Grazie mille! 🙂

  29. Veronica

    21 luglio 2015 at 01:05

    Oddio che splendore *________*
    I personaggi sembravano proprio quelli del telefilm, li hai caratterizzati molto bene!
    Ma… Sandy e Kirsten ç_________ç Ci sono rimasta malissimo ma è un bel plot twist!
    Mi piace l’idea di Sophie come una sorta di Ryan al femminile, e il “benvenuto ad Oc, stronzetta” è stato il TOP!
    Aspetto con ansia il prossimo episodio! 🙂

    • Luca Prince

      Luca Prince

      21 luglio 2015 at 10:28

      Ciao Veronica, grazie mille per i complimenti! Mi fa molto piacere sentire di aver caratterizzato bene i personaggi originali 🙂 Lo so, quella di Sandy e Kirsten è stata una svolta poco popolare, ma saprò farmi perdonare nei prossimi episodi, promesso! Ti ringrazio infinitamente per aver letto e commentato e ti aspetto al prossimo episodio! 🙂

  30. Anci

    23 luglio 2015 at 14:20

    I commenti sopra al mio dicono già tutto, voglio complimentarmi per la scelta dei pezzi in sottofondo, azzeccatissimi, e per i richiami alla serie originale. I personaggi sono caratterizzati alla perfezione e, posso ammetterlo? Ho pianto durante la scena del funerale e della tomba di Marissa, nonostante lei e Ryan non siano mai stati una delle mie ship preferite. Complimenti, continua così:)

    • Luca Prince

      Luca Prince

      23 luglio 2015 at 15:09

      Ti ringrazio di cuore per i complimenti alle colonne sonore, ai richiami alla serie tv originale e alla caratterizzazione dei personaggi. La scena del cimitero è una scena bella forte, mi sono emozionato molto mentre la scrivevo, ma la soddisfazione di far piangere anche una persona che non aveva quella di Ryan e Marissa tra le sue ship preferite è impagabile. Grazie, davvero! Spero di leggere un tuo parere anche nei prossimi episodi 😉

  31. Alberto

    23 luglio 2015 at 15:21

    Qualcosa di fantastico forse la scelta delle musiche un po troppo scontate ma comunque di grande effetto. Avrò scritto 4-5 continuazioni di O.C. perché ne ero veramente innamorato ma non ho mai trovato la piattaforma o forse il coraggio di far leggere ciò che usciva dalla mia tastiera.Una trama si avvicina molto a questa e sono molto curioso di sapere come si svilupperà…chissà magari se ti serve uno spunto o un diverso punto di vista da “scrittore” a scrittore il mio indirizzo mail c’è…e chissà magari nascerà il nuovo O.C.

    • Luca Prince

      Luca Prince

      23 luglio 2015 at 15:53

      Ciao Alberto! Ti ringrazio per aver letto e commentato l’episodio. Spero che continuerai a seguire l’intera stagione e, magari, a dare il tuo punto di vista. Mi piace sempre confrontarmi con altre persone, soprattutto persone che hanno in comune la stessa passione. Grazie ancora 🙂

  32. Vanessa

    25 luglio 2015 at 16:38

    No, vabbè..che figata !!!
    Allora, ti dico che ho pianto per la morte dei Cohen (neanche l’avessi vista sul serio) , Sophie è una piccola Ryan Atwood 2.0, atmosfera in stile mixato tra O.C. e Gossip Girl un pò la tirapiedi, qui comando io in stile “sono io la stronza in città” di Blair, ho pianto anche quando Ryan parla a Marissa.. e il ‘Che Schifo’ di Summer rigorosamente letto con la sua voce …
    Gabriel Ross mi è inevitabile pensare a un ibrido tra Gabriel Mann e Nolan Ross di Revenge ( Gabriel l’attore e Nolan il personaggio che interpretava) …ma apparte questo è un pò in stile Marissa (bel ragazzo col padre in disastro finanziario come Marissa) e se consideriamo Gabriel stile Marissa e Sophie stile Ryan.. la scintilla è inevitabile.. un pò come una consolazione per averci tolto la ship storica..
    Mi piace lo stile, e il fatto delle soundtrack in mezzo alle scene, che per inciso erano belle che azzeccate !
    In conclusione.. voglio leggere ancora e ancora e ancora..

    • Luca Prince

      Luca Prince

      25 luglio 2015 at 16:56

      Che dire? Grazie mille Vanessa!! Sono contento che tu abbia apprezzato le scene dell’incidente e del discorso di Ryan al cimitero. Sophie un po’ ricorda Ryan, è vero, ma ti assicuro che la sua storia con Gabriel sarà del tutto diversa. Già dal prossimo episodio ciò viene messo ben in evidenza. Lei ha mille sfaccettature e la tragedia che le è capitata sicuramente avrà le sue conseguenze. Manca davvero pochissimo al secondo episodio, spero di leggere altri tuoi commenti 🙂 Grazie ancora!

  33. Chiara

    26 luglio 2015 at 12:05

    Non ho parole, pochi minuti e sono tornata adolescente! Ho iniziato a ridere come una matta al primo ”EW” di Summer e a piangere come una disperata con Ryan sulla tomba di Marissa che le confessava di non averla mai dimenticata: ma in fondo, chi lo ha fatto?!?
    l’unica cosa che mi dispiace è che Seth e Summer non abbiano avuto un figlio loro… Spero che a questo si possa rimediare 😛
    Non vedo l’ora di leggere il prossimo episodio… E grazie per questo magnifico tuffo nel passato! Nessuno di noi può vivere senza The Oc ❤️

    • Luca Prince

      Luca Prince

      26 luglio 2015 at 12:17

      Ti ringrazio Chiara! Sono contento che l’episodio ti sia piaciuto e che abbia apprezzato la scena sulla tomba. Mi sono emozionato parecchio mentre la scrivevo 🙂 Il prossimo episodio verrà pubblicato DOMANI, quindi non dovrai attendere molto! Spero di leggere un tuo commento anche lì! Grazie ancora 🙂

  34. Antonia

    26 luglio 2015 at 12:18

    The OC è da sempre il mio telefilm preferito!! Quando scorrendo l’home della pagina ho visto questa nuova iniziativa, me ne sono innamorata all’istante! Ho letto il primo capitolo tutto d’un fiato…e l’ho trovato davvero stupendo!! Alcune scene hanno richiamato il telefilm da cui si ispira…ma ho trovato i nuovi personaggi fantastici!! Ho sempre immaginato come si fossero evolute le storie dei miei personaggi preferiti e devo dire che questa interpretazione l’ho trovata straordinaria!! La morte di Sandy e Kirsten è stata un colpo di scena inaspettato…

  35. Antonia

    26 luglio 2015 at 12:23

    The OC è da sempre il mio telefilm preferito!! Ho sempre immaginato come si sarebbero potute evolvere le storie dei miei personaggi preferiti e questa interpretazione mi è piaciuta molto!! La morte di Sandy e Kirsten è stata un colpo di scena inaspettato, Sophie penso ci riserverà tante sorprese, Ryan e il suo “colloquio” con Marissa mi ha emozionato e poi Seth e Summer alle prese con la custodia di Sophie: per loro sarà una dura prova! Ora attendo con ansia il secondo capitolo così come attendevo con trepidazione le puntate di The OC!!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      26 luglio 2015 at 12:28

      Sono contento che tu abbia apprezzato questa fan fiction. Sai, The OC è anche il mio telefilm preferito e questa storia l’ho scritta proprio per quelle persone che, come me, hanno amato alla follia quei personaggi e quelle storie. Ricevere l’apprezzamento di un VERO fan di questa serie tv è, per me, motivo d’orgoglio. Ti confermo che Sophie ci riserverà molte sorprese, già a partire dall’episodio che pubblicherò domani. Spero di leggere un tuo commento anche domani sull’episodio numero 2. Grazie mille per aver letto e commentato 🙂

  36. Ste Hale

    26 luglio 2015 at 13:14

    Non ho molto da dire su questo primo “episodio”.
    In alcuni tratti é scritto talmente bene che le parole si trasformano in immagini..
    La scelta di far morire Sandy e Kirsten é davvero coraggiosa, segno che l’obiettivo dell’autore non é quello di accattivarsi il pubblico ma piuttosto quello di portare avanti la propria idea di storia, anche toccando personaggi storici e molto amati.
    Ero scettica su questo sequel, ma per ora devo dire di esserne piacevolmente sorpresa.
    Vedremo se i prossimi capitoli sapranno conquistarmi definivamente.

    • Luca Prince

      Luca Prince

      26 luglio 2015 at 13:33

      Mi piace molto il tuo commento! Sono contento di essere riuscito a trasformare le parole in immagini e sono felice del fatto che hai letto la morte di Sandy e Kirsten in maniera diversa da come l’hanno letta gli altri. Ti confermo che non ho paura di fare scelte impopolari per il semplice motivo che ho già ben in mente l’intera storia e dov’è che voglio andare a finire. Mi piace anche il fatto che mi lanci la sfida per vedere se riesco a conquistarti definitivamente con i prossimi episodi. Ti assicuro che sono determinato a farlo. Aspetto un tuo commento domani per l’episodio numero 2. Grazie mille per aver letto e lasciato un commento 🙂

  37. Helen

    28 luglio 2015 at 23:43

    L’ho adorato… Forse un po’ troppo simile all’originale ma probabilmente è solo xkè è il primo episodio… Spero di scoprire di piú di summer… Ho adorato il primo di dialogo tra Summer e Seth e la parte del chiunque vuoi che io sia… Spero che qst episodi vengano letti da chi di dovere in America e vederli presto in tv

  38. Laura

    29 luglio 2015 at 11:10

    Innanzitutto, grazie mille!!! Grazie perchè era da quando ho fatto l’ultima maratona di The O.C. che non mi sentivo così. All’inizio ho pensato “Ok, leggiamo questa fanfiction e vediamo se ne vale veramente la pena”. Poi ho iniziato a leggere. Ed è stata un’emozione che non riesco nemmeno a spiegare. Man mano che la storia andava avanti ero sempre più curiosa di sapere cosa sarebbe successo, come le cose si sarebbero evolute… La cosa più importante per continuare a leggere la storia, mi sono detta, è che i personaggi siano coerenti con quelli del telefilm, ma anche le situazioni devono essere su quello stile, alla colonna sonora originale (una delle cose migliori del telefilm) bisogna rendere giustizia… e tutte queste aspettative sono state ampliamente soddisfatte. La storia è perfetta, con i classici colpi di scena che non potevano mai mancare nel telefilm, i personaggi con il loro umorismo, i loro punti forti ma anche le loro debolezze, la musica che hai utilizzato era, oltre che bellissima, molto adatta alle situazioni e mi sono detta “se mai Josh Swartz &co. dovessero fare uno spin off o un continuo del telefilm, userebbero queste canzoni!”. L’unica cosa che mi dispiace è non aver scoperto prima questa fantastica storia. Ora corro a leggere il secondo capitolo, ancora complimenti 🙂

    • Luca Prince

      Luca Prince

      29 luglio 2015 at 13:23

      Wow, questo commento è meraviglioso Laura! Mi hai reso felice come un bambino la mattina di Natale. Ho cercato di fare del mio meglio da amante di questa serie tv e sapere di esser riuscito a svolgere un lavoro apprezzabile mi riempie d’orgoglio. Grazie infinitamente per aver letto e per aver lasciato questo fantastico commento! 🙂

  39. marialice

    4 agosto 2015 at 15:00

    nonostante non mi sia piaciuta molto l’idea di far morire i cohen in un incidente molto simile a quello di marissa mi hai emozionato tantissimo, unao due volte all’anno mi faccio una maratona..di tutte le stagioni di oc e ogni volta mi viene una nostalgia immensa, grazie a questa fan fiction mi hai riportato a quegli anni, una sensazione troppo bella e magica, ottima anche la scelta delle canzoni, uno dei tanti motivi per cui si ama the oc 🙂

    • Luca Prince

      Luca Prince

      4 agosto 2015 at 16:17

      Grazie mille per aver letto e commentato. Ti prometto che nei prossimi episodi mi farò perdonare per la morte dei Cohen 😛 A proposito, il secondo ed il terzo episodio sono già online, se ti va passa a leggerli! Non vedo l’ora di leggere le tue opinioni in merito! 🙂 Grazie ancora

  40. Veronica

    13 agosto 2015 at 16:07

    WOW! Non amo particolarmente le fan fiction, ma questa mi ha conquistata subito. Sarà che i personaggi “vecchi” sono esattamente come quelli che conosciamo (il “che schifo” di Summer è un tocco di classe che non può mancare mai), sarà che quelli nuovi sono comunque interessanti e mi ricordano molto, per certi aspetti, i primi, sarà quel pizzico di nostalgia con cui leggo, perché alla fine OC ci è rimasto nel cuore.
    Comunque non si può far soffrire le persone così, fin dall’inizio! Giuro che avevo le lacrime agli occhi leggendo dell’incidente, nella mia testa rivivevo anche quello di Marissa.
    Corro subito a leggere gli altri episodi 😉

    • Luca Prince

      Luca Prince

      13 agosto 2015 at 17:52

      Ciao Veronica, sono contentissimo che ti sia piaciuto. I personaggi vecchi, oltre ad amarli immensamente, li ho anche studiati molto per renderli al meglio e sapere di essere riuscito nell’obiettivo mi riempie d’orgoglio. Sì, sono stato un po’ cattivello in questo pilot, ma mi farò perdonare.. promesso! 🙂 Grazie mille per aver letto e commentato!

      • Anonimo

        29 agosto 2015 at 13:10

        Mi piacerebbe si trasformasse in una serie tv!!!

      • Luca Prince

        Luca Prince

        30 agosto 2015 at 12:07

        Piacerebbe un po’ a tutti hahahah 😀

  41. FABIO

    21 settembre 2015 at 20:35

    Sai che dovresti fare: una versione ebook per cellulari 😉 sarebbe molto apprezzata secondo me!! o una semplice App con le varie “puntate” in modo da leggerle e vedere audio/foto che rendono molto l’idea!!

    • Luca Prince

      Luca Prince

      21 settembre 2015 at 21:37

      Ci stiamo organizzando in questo senso. Confezioneremo e rilasceremo più in avanti una versione ebook dell’intera prima stagione, con tantissimi contenuti extra! Inizieremo a lavorarci subito dopo aver pubblicato l’episodio dieci 🙂

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.