Image default
Masters Of Sex Recensioni

Masters of Sex | Recensione 3×09 – High Anxiety

La scorsa settimana, avevo scritto che Dan Logan avrebbe potuto fare o dire qualcosa che avrebbe incrinato la sua immagine di uomo ideale per Virginia, o avrebbe potuto mettere in serio pericolo la relazione che lei ha con Bill, già evidentemente in crisi dall’inizio della stagione, e in continuo deterioramento negli episodi successivi.
E’ vera la seconda ipotesi.
Lo confesso: anche se l’endgame della serie sono sempre stati Virginia e Bill (la vera storia di Masters e Johnson lo conferma), Dan mi piace, e piace moltissimo anche a Virginia, che per tutto l’episodio si rifiuta di accettare che lui possa andarsene. Se già nello scorso episodio Virginia si stava allontanando anni luce da Bill e si stava avvicinando a Dan, ora è palese che la coppia Bill/Virginia è a pezzi.
E sentendo la frase finale di Dan, vedendo quanto Virginia sia felice di stare con lui, quanto abbia bisogno di averlo vicino, quanto si rifiuti di perderlo, e quanto sia ricambiata, non ho potuto fare a meno di tifare per loro due, e di sciogliermi di fronte alla dichiarazione di Dan. So che a molti lui non piace, ma capisco le ragioni di Virginia, capisco il suo bisogno di avere vicino qualcuno che le faccia sentire il suo supporto e che sia meno complicato di Bill, e Dan ha fatto tutto i passi giusti, forse anche troppo.
5_692398de24E Bill, dal canto suo, passa l’episodio ad essere tremendamente geloso di lui. E’ cieco a metà: capisce che Dan Logan è una minaccia al suo rapporto con Virginia, ma non si rende conto di quanto distante sia lei quando fanno sesso. E’ un professionista del sesso, ne conosce a menadito tutti i meccanismi, ma non si accorge che Virginia finge. Anche in quell’occasione, come in tante altre, pensa solo a quello di cui ha bisogno lui. Virginia è stanca da tempo di questo comportamento, e lui non sembra aver capito quanto la infastidisca questo suo modo di fare; o meglio, lo capisce, ma continua a commettere sempre gli stessi errori.
Quello che dice a Virginia è vero: lui ha davvero bisogno di lei, ne è innamorato e, a volte, riesce anche a dimostrarglielo a gesti (anche se un po’ impacciati), e a parole. Ci sono stati dei momenti meravigliosi, tra di loro, in cui Bill riuscito a farle capire quanto profondamente la ami e quanto averla conosciuto abbia influito sulla sua vita. Crede nella loro storia, ma si fa anche accecare da quello che prova e che vuole e non riesce a vedere con chiarezza i sentimenti degli altri. Le conseguenze di questa sua mancanza si ripercuotono non solo su Virginia, ma anche su John, che in questo episodio esplode definitivamente e si rifiuta di accettare che suo padre abbia un tale livello di intimità con un ragazzo che lui odia. In linea di massima, e da un punto di vista professionale, Bill non sta facendo nulla di male con il ragazzo, ma non capisce, per l’ennesima volta, che agli occhi di Johnny quel suo modo di fare significa abbandonarlo, concedere ad un altro quell’intimità con suo padre che lui non ha, ma che vorrebbe. Per Johnny, è preferire un altro a lui, e questo lo distrugge, lo riempie di rabbia. Assomiglia tanto a suo padre, e anche Bill, come Johnny, è pieno di rabbia verso il suo, di padre, e, anche se non ha mai alzato un solo dito su Johnny, e si fermato nell’occasione in cui stava per farlo, Bill non sta riuscendo a costruire un rapporto solido con suo figlio, e finisce sempre col ferirlo. Non volontariamente, ma lo sta facendo.
L’ho scritto e lo ripeto: io a quel bambino voglio bene da sempre, e anche se in questo episodio è stato crudele con l’altra ragazzo per il gusto di umiliarlo davanti alle ragazze, non riesco a non vedere che, dietro quella superficie, c’è tanto dolore e un profondo senso di abbandono. A conti fatti, Bill sta perdendo tutti: Libby, ormai sempre meno felice del suo ruolo di moglie (anche se, a onor del vero, l’aveva persa anni prima), Virginia, innamorata di Dan Logan, e anche Johnny, che è pieno di rabbia e image_background_071frustrazione. Ha fatto indubbiamente dei passi avanti, nel corso delle stagioni, ma è in una situazione critica, e l’unica persona che vede il meglio in lui è Nora. Dopo la conversazione che hanno avuto in cui lei gli confessa di aver avuto un’infanzia simile alla sua, lui si intenerisce in un modo che lascia presagire che, molto probabilmente, il loro rapporto diventerà qualcosa di più. Persino Virginia intuisce qualcosa.
E un’altra che è vittima della gelosia, ma che lo ammette solo alla fine, è Libby. Paul non è affascinante come lo era Robert nella scorsa stagione, e tutto la messinscena di Libby per cercare di non sembrare gelosa è stancante, ma, finalmente, riesce a essere sincera con se stessa. A Robert aveva detto di non sapere perché voleva quello che voleva, e perché lo volesse, che non sapeva chi fosse, ma non penso sia vero, adesso. Ha capito di se stessa molte cose, nel corso degli anni, ha un’idea più chiara del suo matrimonio, ha voluto qualcosa oltre a quello. Ho già scritto quanto mi sia dispiaciuto vederla ripiombare nella sua vita da casalinga disperata dopo la morte di Robert, e abbandonare una nuova consapevolezza di sé che la stava aiutando a rendersi conto delle sue potenzialità, e quello che vorrei adesso, da lei, è vederla allontanare di nuovo lo sguardo da casa sua, non solo per vedersi con un’amante, ma anche per trovarsi qualcosa che la faccia sentire in pace con se stessa. Robert poteva avere questo ruolo più di Paul: era un’attivista, una persona che l’ha messa in discussione, che l’ha spinta a rompere i suoi schemi, mentre Paul è un uomo nella media, perciò non ho molte speranze in merito, ma non le ho ancora perse del tutto.
Una storyline da cui mi aspettavo qualcosa di più è quella di Betty. Per quanto sia comico vedere Helen e Betty avere a che fare con Austin, che è come se fosse un bambino troppo cresciuto, la loro storia si risolve subito in bene: Helen e Austin vanno a letto una sola volta, lei è già incinta e il loro sogno si avvera. E’ una storyline che non ha una grande carica emotiva e che si esaurisce subito.
Siamo a tre episodi dalla fine della stagione, e molti nodi stanno venendo al pettine, ma ci sono ancora delle questioni irrisolte: Tessa si confronterà con sua madre su Bill? Tra Barton e il dottore succederà qualcosa? Come reagirà Bill quando scoprirà che Dan Logan non ha nessuna intenzione di andarsene, e Virginia non ha intenzione di lasciarlo andare via?

 

Non dimenticare di passare da Masters of Sex Italia e di mettere “Mi piace” per restare sempre aggiornati sulla serie!

Related posts

The 100 5×04 – Abbracci veloci e poi tutti pronti a scendere in guerra

Al

How I Met Your Mother | Recensione 7×20 & 7×21

Lunabi

The Flash & DC’s Legends of Tomorrow – Crisis on Earth X aka la seconda parte del tostissimo crossover

The Lady and the Band

1 comment

Federicuccia 14 Settembre 2015 at 10:08

Ciao 🙂
quello che mi domando io è: perché non dice a Bill che è innamorata di Dan?
no preferisce continuare a nasconderglielo e a trattarlo male anche (scusate, ma solo io ho trovato di pessimo gusto la battuta sul “maschio sofferente”?), perché Virginia sa benissimo di quale problema ha sofferto Bill dato che lo ha aiutato a “sconfiggerlo”.

sarà peggio se verrà a saperlo da solo-anzi dal promo della 3×10 penso sarà così!- quindi perché non essere sincera?

poi questa sua avversione verso i surrogati; a parte che Virginia non avrebbe nemmeno il diritto di arrabbiarsi visto che non era malata ma scappata a Las Vegas con Dan, quindi bugie su bugie, il punto è che Bill vuole aiutare le persone che hanno seri problemi con l’atto sessuale! cosa c’è di tanto scandaloso in questo? il fatto che i “pazienti” non siano coppie sposate tra di loro?

beh da quello che ricordo lei e Bill hanno iniziato la loro rivoluzione sessuale “studiando” le prostitute.

Alla prossima

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.