Image default
Lucifer Recensioni

Lucifer 3×08 – Chi vuole giocare a (strip) Monopoli con Tom Ellis?

E all’ottavo episodio Lucifer tornò a essere… Lucifer.
GRAZIE, iniziavo seriamente a perdere le speranze.
Chloe does Lucifer è l’episodio che ci ributta nell’attuale timeline – quella vera – e che riesce a rattoppare in maniera abbastanza buona tutti i disastri degli episodi precedenti – palesemente provenienti da altre linee temporali, roba che manco ad avere una Tardis avrebbe avuto senso.

Ma andiamo per punti. Innanzitutto, si sono ricordati dell’esistenza di Amenadiel e io qui lo dico e qui lo affermo: sta diventando il personaggio migliore della serie. Lo sto amando, sto amando tutto di lui, questo suo viaggio alla scoperta dell’essere umano è fantastico, così come è stata fantastica la maniera con la quale è riuscito ad aiutare Linda a superare il vero evento traumatico, che non è stata la morte dell’ex marito. Secondo me continua a non avere molto senso il fatto che questo ex marito sia rimasto innominato per due stagioni intere, ma almeno la sua morte è servita per uno scopo – che non è quello di averci introdotto alle meraviglie dei cubicoli dell’inferno di cui parlavamo settimana scorsa, ma è stato quello di averci finalmente mostrato Linda che sbotta. L’avevamo vista prendere abbastanza male la rivelazione riguardante l’identità di Lucifer, ma le riflessioni che fa in questo episodio ci mostrano che non è poi del tutto vero che abbia metabolizzato la realtà dei fatti, e l’ho trovata molto reale come reazione.

Il suo trauma non è stato perdere Reese, il suo trauma è stato rendersi conto che per colpa di Lucifer e della sua famiglia lei ha ormai perso tutta la visione che aveva della vita dopo la morte. Tutto ciò che credeva si è rivelato falso, tutto ciò in cui sperava si è rivelato falso. Ha visto il diavolo in faccia, ha visto gli angeli in faccia, ha perfino visto la moglie di Dio in faccia – e magari anche daddy dearest in persona, solo che ancora non lo sappiamo – quindi tutte le sue convinzioni sono venute a cadere. E lei ora sa dove si trova Reese, sa che lei quando morirà non si reincarnerà in un camaleonte. E sbotta, si arrabbia, se la prende con Amenadiel. E Amenadiel si lascia usare a mo’ di pungiball, le lascia sfogare tutta la sua frustrazione e infine le mostra la grandezza dell’universo, dimostrandole che lei non sa un bel niente perché in fondo nemmeno lui sa un bel niente. È un momento bellissimo, due persone che hanno entrambe perso la fiducia in tutto ciò in cui credevano, che si ritrovano ad assaporare la calma che arriva dopo la tempesta dei propri sentimenti furibondi nei confronti di ciò che stanno passando. E come Linda qualche episodio fa aveva aiutato Amenadiel ad andare oltre il proprio rancore nei confronti di Lucifer e di daddy dearest, stavolta è Amenadiel che aiuta Linda ad andare oltre il proprio rancore nei confronti del mondo.

Un’altra cosa di cui sono estremamente felice, è il ricollocamento di Charlotte nella storyline attuale.

A prescindere dal fatto che le scene con lei ed Ella sono state una più bella e divertente dell’altra, amo il fatto che le abbiano trovato un posto all’interno della storia perché la sua presenza 1. lascia le porte apertissime per un eventuale ritorno di Mamma, che prima o poi secondo me avverrà, 2. ci mette di fronte a episodi pieni di momenti terribili per il povero Daniel, ed è ovvio che tutti amiamo i momenti in cui il povero Dan diventa inesorabilmente Douche e 3. ci mette di fronte a una persona che ha visto l’inferno e vuole a tutti i costi evitare di tornarci, una persona che per natura non è esattamente buona e che quindi avrà molta strada da fare per ottenere ciò che vuole, ovvero la redenzione.
Parlando poi di Ella, sono sempre più convinta del fatto che ci sia dell’altro dietro al suo personaggio, e non vedo l’ora di scoprire cosa.

Infine, veniamo a Chloe e Lucifer – o forse dovrei dire Lucinda e Lucifer? La morale dell’episodio è stata senza ombra di dubbio alcuna che entrambi danno il meglio di sé solo e soltanto quando si comportano al 100% come se stessi, ma l’avvento di Lucinda è stato prezioso per i seguenti motivi:

  • la festa di compleanno di Chloe è meglio dimenticarla, ma almeno abbiamo ricollocato anche la collana con proiettile nella storyline vera della stagione;
  • abbiamo avuto modo di fangirlare in più punti sull’istinto protettivo / evidente gelosia di Lucifer nei confronti di Chloe, e stavolta non è sembrato tutto forzato come negli ultimi tre episodi;
  • Lucifer & Trixie #dreamteam.

TOP 3:

  1. Lucifer che nel corso della sua seduta con Linda a un certo punto si blocca e dice, ma quello che voglio veramente sapere, è come stai tu. È un passo avanti gigantesco per il suo personaggio.
  2. Lucifer domestico, con gli unicorni disegnati sulla guancia.
  3. Amenadiel e Lucifer che sono ancora ai ferri corti – o meglio, Lucifer che sta facendo tutto da solo e Amenadiel che ignora il suo atteggiamento – riprendendo anche il filo di quella storyline.

Il tweet della settimana stavolta è courtesy di Rachael Harris, perché abbiamo pensato la stessa identica cosa nello stesso identico momento.

A voi è piaciuto l’episodio? Fatemelo sapere nei commenti!

-Elsa

Related posts

Shameless | Recensione 6×09 – A Yurt Of One’s Own

xsunsetbeauty

Twisted | Recensione 1×02 – Grief is a Five-Letter-Word

Jeda

Hart Of Dixie | Recensione 1×20 – The Race & the Relationship

LuigiT

1 comment

Giò 22 Novembre 2017 at 16:07

Ciao!
Finally! A parte il recupero lampo che ho fatto dei vari episodi e delle tue recensioni dopo che il mio pc aveva deciso di prendersi una pausa non richiesta, sono contenta che siano tornati sulla retta via, basta episodi tappabuchi e senza alcun filo logico. Non hanno rinominato di nuovo il Sinnerman ma direi che hanno fatto quasi bene, ributtarsi a capofitto su quell’indagine avrebbe stonato abbastanza ma aspetto il ritorno del tenente Clark a breve, e con sè anche i misteri che sembrano seguirlo.
Due episodi che riguardano Lucifer mi sono piaciuti in particolare: la sua serata con Chloe e Trixie e il suo preoccuparsi per Linda, forse non dovrei più sorprendermi che si preoccupi per gli altri ma si notano i passi avanti che fa nel suo percorso interiore.
Adoro Charlotte ed Ella insieme, hanno un sacco di potenziale e ritengo che siano un ottimo duo: Ella può aiutare Charlotte a redimersi e penso che Charlotte potrebbe farci scoprire un nuovo lato di Ella un po’ più dark. (Poi questa oscurità che vede in lei mi chiedo.. Sono come il “fuoco e fiamme” che vede tra Chloe e il tenente, per me per ora inesistenti, o DAVVERO ha delle sensazioni più profonde sull’animo umano?)
La tua top three è perfetta ci aggiungerei la citazione di Home Alone (uno dei miei film preferiti della mia infanzia!)

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv