Image default
Lucifer Recensioni

Lucifer 3×03 – La chiamavano Mazikeen-con-l’anima

Bentornata Maze!
Mi è sembrato più che appropriato che dopo due episodi di totale assenza (dovuta alla maternità dell’attrice), abbiano deciso di dedicarle un’intera puntata, perché dai, credo che Maze sia mancata terribilmente a tutti!

Credo sia la prima volta che Lucifer mette completamente da parte Lucifer per focalizzarsi così tanto su qualcun altro, la prima volta che assistiamo a quaranta minuti dedicati completamente a un personaggio secondario, e questo mi ha ricordato moltissimo alcuni episodi di Supernatural in cui si accantonava il family business propriamente detto per darci modo di avvicinarsi di più a qualcuno di esterno ai Winchester. Mi è piaciuta questa breve deviazione di rotta, sarà che l’assenza di Maze si è sentita forte e chiara, sarà che – in finale di episodio – sono riusciti comunque a ricollegarsi alla storyline principale.

Parto subito con le teorie: vorrei dire “mi sembra abbastanza ovvio”, ma dato che sono partita dando per scontate determinate cose dopo la premiere – per venire immediatamente smentita – dirò, “credo che”. Quindi credo che perché mi sembra abbastanza ovvio che a monte di tutto il casino nel quale è stata coinvolta Maze questa settimana, ci sia il Sinnerman e alla stessa maniera sono sempre più convinta del fatto che esso non abbia natura umana. Angelo? Demone? Non saprei dirvelo e non mi sbilancio nemmeno (dopo la première mi sono sbilanciata verso il lato demoniaco della forza, ma la storia ci insegna che non sempre gli angeli sono per forza buoni e i demoni per forza cattivi). Ora, credo che  e anche qui mi sembra abbastanza ovvio  il Sinnerman abbia seguaci all’interno del dipartimento, più di uno ovviamente visto che Herrera era solo la punta dell’iceberg, e qui torna prepotentemente in gioco anche il mio sogno nemmeno poi tanto segreto, ovvero che Clark Kent sia uno di essi.

Anzi, potrebbero essere proprio sue le mani che a fine episodio hanno archiviato il fascicolo di Maze in un archivio che a quanto pare contiene informazioni su tutta l’allegra famigliola di Lucifer? Compresa Mamma fra l’altro, il che significa che chiunque sia il cattivo di questa stagione, non è esattamente saltato fuori ieri dal nulla. Quindi avrà anche una backstory. Non possiamo certo dire che la carne sul fuoco sia poca e questo mi elettrizza sempre di più. Sono anche affascinata da come gli autori siano tutto sommato riusciti a far progredire la storyline orizzontale all’interno di un’episodio “a parte”.

Tornando a Maze, per lei si è trattato della consacrazione del proprio processo di umanizzazione. Parte a caccia di un tizio accusato di plurimo omicidio, poi finisce con l’affezionarcisi, salvargli la vita – perfino sprimacciargli un cuscino sotto alla testa per farlo stare più comodo – decidendo infine di credere alla sua innocenza, salvandolo così di nuovo. Ed è proprio quando questo le chiede di fuggire con lui perché, esattamente come lui, anche lei non ha legami, che lei capisce con chiarezza disarmante che invece lei i legami li ha eccome. Innanzitutto ha sempre avuto Lucifer, ma al di là del rapporto che lo lega a lui, ha ormai anche una famiglia. Lucifer insieme a Linda, Chloe e Trixie. Loro sono la famiglia di Maze, la ragione che la spingerà sempre a tornare a casa, dalle persone che sono casa, dalle persone a cui vuole bene.

Alla luce di tutto questo, possiamo davvero crederle quando dice, sorry, no soul here? È possibile che lei, nonostante demone, in fondo un’anima ce l’abbia? Può essere che quest’anima fosse semplicemente nascosta, sepolta da secoli passati a crescere all’inferno? Può essere che invece quest’anima sia cresciuta insieme a lei nel corso del processo di umanizzazione nel quale si sono ritrovati coinvolti anche Lucifer e Amenadiel? O magari quello che vogliono farci capire è che la natura di una persona, o qualunque altra creatura, non debba per forza dipendere dalla sua anima? Sono riflessioni più che interessanti e sulle quali spero trovino il tempo di lavorare nel corso della stagione.

TOP 3:

  1. Il grande e glorioso ritorno di Trixie e della sua bromance con Maze.
  2. Mamma e papà Chlucifer che si preoccupano ininterrottamente per le sorti di Maze, pur sapendo che la donna non ha esattamente bisogno di protezione.
  3. Linda e i suoi tutorial improvvisati su come estrarre proiettili e ricucire corpi, anche se come ama sempre ricordarci, non è quello il tipo di medicina che ha studiato lei.

L’unica (forse) pecca dell’episodio sono state le comparsate randomiche di Dan, proprio quando pensavamo che magari fosse andato oltre Chloe… ed ho spiegato il mio punto di vista a riguardo in un tweet da più di 140 caratteri.

Anche per questa settimana direi che da parte mia è tutto, aspetto i vostri commenti!

-Elsa

Related posts

Reign | Recensione 2×03 – The Coronation

xsunsetbeauty

Teen Wolf | Recensione 3×18 – Riddled

Lestblue

Reign | Recensione 1×17 – Liege Lord

xsunsetbeauty

1 comment

Giò 18 Ottobre 2017 at 09:11

La mancanza di Maze si era sentita eccome!
Se non sbaglio questo è uno degli episodi girati prima del rinnovo quando avevano aggiunto alcuni episodi alla scorsa stagione e che alla fine non avevano mandato in onda. Suppongo che comunque tutto si ricolleghi al Sinnerman che presumo sia il collegamento principale tra la corruzione all’interno del dipartimento e Lucifer & Co.
Anche io spero che Clark ne faccia parte ma la vedo troppo semplice come storia, insomma di sicuro è coinvolto ma chissà come.
O forse mi sbaglio e in verità si verrà a scoprire che è il Luthor della situazione..
Forse finalmente anche Lucifer ha fatto un passo avanti nella direzione che ha preso Maze quando alla fine le ha chiesto se stava bene.

Insomma più Maze e Trixie per tutti!!
E magari che Dan riacquisti un po’ di dignità..

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.