Il Meglio e il Peggio della Settimana | #1

Carissimi Addicted, parte oggi una nuova idea, ovvero un pezzo che racchiude tutte insieme le migliori scene che la settimana telefilmica ci ha riservato: scene trash, tristi, dolci, romantiche, splatter e chi più ne ha più ne metta!

1. This is us 2×07 – Toby che parla con le ceneri di Jack, non so se ridere o piangere

Jack è praticamente dal pilot il papà e il marito perfetto, e ora sua figlia si ritrova a uscire con un uomo che è quasi perfetto come lui, senza “quasi” direi. E la scena in cui Toby si confida/confronta con Jack è talmente dolce nel suo essere surreale da lasciare un sapore dolce-amaro. Toby conosce Jack solo per sentito dire, eppure quasi nessuno come Jack capisce Kate fino nel profondo, e vuole solo il meglio per lei. REGALATEMI UN TOBY TUTTO MIO.

gnappies 

2. Brooklyn Nine-Nine 5×05 – La geniale rivelazione sul Capitano Holt

Quando ho iniziato a pensare a quale scena includere per il primo articolo della nostra nuova rubrica sul meglio e il peggio della settimana telefilmica, il mio primo pensiero è andato subito a Brooklyn Nine-Nine. All’inizio avevo pensato di scegliere una delle scene che più avevo trovato divertenti dell’episodio di questa settimana, ma la verità è che ce ne sono state così tante che non sarei stata in grado di fare una scelta. E così, ho deciso di scegliere quella che trovo sia la scena con la rivelazione più geniale e totalmente in-character che avrebbero potuto inventarsi, e che risulta comunque divertente nella sua assurdità: quella in cui Jake afferma di avere finalmente capito quale sia il tell (nel gergo del poker, il tell è quell’insieme di reazioni volontarie o involontarie che potrebbero svelare all’avversario di quali carte si è in possesso) che rivela quando il perfezionista e impassibile Capitano Ray Holt sta mentendo. E, conoscendo il personaggio, non avrebbe potuto esserci spiegazione più logica e allo stesso tempo totalmente inaspettata.

 
 
 

Meta

3. Wisdom of the crowd 1×06 – La Bellezza Collaterale

La “bellezza collaterale” è ciò che si ritrova nel momento peggiore che la vita possa riservarci perché è in quella stessa tragedia che ci si scopre collegati universalmente, lo stesso collegamento umano che condividono Sara e Zoe in questa scena. Durante tutto il suo percorso nell’episodio, Sara aveva dimostrato costantemente il bisogno di raggiungere e salvare Zoe come non aveva potuto fare con suo fratello, aveva dimostrato quella rabbia che riesce finalmente ad ammettere alla ragazza per impedirle di mettere fine alla sua vita, per impedirle di portare via alla sua famiglia tutti i ricordi che ancora merita di costruire al suo fianco, quei ricordi di cui lei invece è stata privata. Sara raggiunge Zoe come nessun altro avrebbe potuto fare, e in quello stesso momento raggiunge la parte più nascosta di se stessa, ritrovandoci la sua “bellezza collaterale”. Natalia Tena dà vita a un’interpretazione che porta il personaggio e la sua caratterizzazione a un livello superiore, ma soprattutto l’intera scena non è scritta con facile e scontata retorica, trattando uno degli argomenti più difficili che si possano affrontare, ossia il suicidio, concentrando la propria attenzione su entrambe le vittime, chi desidera saltare e chi invece resta a terra, solo con le conseguenze di un gesto che ha subito.

WalkeRita

4. Jane The Virgin 4×05 – Jane, Adam e la bisessualità

Questa settimana Jane The Virgin ci ha rivelato che Adam, il ragazzo di Jane, è bisessuale. Trovo che l’argomento sia stato affrontato nella giusta maniera: Jane rifiutava di ammettere che avesse dubbi e pregiudizi al riguardo, esattamente come molte persone nel mondo reale, ferendo i sentimenti del suo partner. E quando finalmente riesce a essere onesta con sé stessa e con Adam, i due hanno una conversazione che un po’ tutti dovrebbero avere con i propri cari che si identificano in quel tipo di sessualità: lei riconosce di avere delle domande che possono sembrare stupide ma che ha bisogno di chiedere, e lui è pronto a rispondere e dissipare ogni suo dubbio, spiegandole cosa vuol dire essere bisessuali e quanto poco abbia a che fare con gli stereotipi – spesso tutt’altro che positivi – a cui danno credito molte persone. Ecco perché credo che la scena meriti di far parte del meglio che questa settimana telefilmica ci ha offerto.

 
 
 
 

Meta

5. Once Upon a Time 7×06 – L’allieva supera la maestra

In una stagione veramente sotto le aspettative (ok, diciamo anche in linea con le aspettative visto che da parte mia queste erano piuttosto basse) un episodio che si risolleva grazie al confronto tra due meravigliose interpreti nei panni di due dei pochi personaggi realmente interessanti in questo nuovo calderone che è il contesto di Hyperion Heights. Qualsiasi scena in cui abbiamo Drizella/Ivy e Regina/Roni insieme sono spettacolari, sia nel presente che nel passato, ma se devo scegliere la migliore direi probabilmente quella in cui la prima risveglia la seconda dalla maledizione, perché mentre Adelaide Kane dimostra la sua versatilità nei panni della cattiva, Lana Parrilla ci ricorda perché è ed è sempre stata la migliore risorsa nel cast di Once, fin dal pilot.

Ale

6. Mr. Robot 3×06 – Boom, Bitch!

Allora, immaginate di desiderare proprio tanterrimo una cosa, di pregustarla e sognarla con ossessione quasi maniacale, con il terrore che se e quando arriverà il momento tanto agognato questo non riuscirà mai a essere all’altezza delle tue aspettative…e poi, quando finalmente gli dei autoriali decidono di farti questo regalo non solo non ti delude, ma supera di gran lunga le tue fantasie più sfrenate.
Ecco, questo sono stati per me gli ultimi minuti del sesto episodio di Mr. Robot. È dall’inizio della stagione che aspetto con trepidazione che Elliot si renda conto che quella stronza di Angela lo sta sistematicamente tradendo facendo comunella con l’Esercito Oscuro, con Tyrell, con la sua personalità multipla e pure con il gatto del vicino che passava di lì per caso e finalmente, finalmente, FINALMENTE mercoledì sera è successo.
La faccia della ragazza quando Elliot l’ha affrontata con nonchalance limitandosi a chiedere “Devi dirmi qualcosa?” è stata assolutamente impagabile e mi ha fatto tipo saltare dalla sedia lanciando cori da stadio.

Non vedo l’ora che sia mercoledì prossimo per scoprire cosa avrà la faccia tosta di dire lei, che razza di scuse senza senso avrà il coraggio di inventare!

MooNRiSinG

Quali sono state invece le scene che, a vostro avviso, possono rientrare nella classifica del meglio/peggio della settimana appena trascorsa?




Continua a seguire Telefilm Addicted su Facebook e Telefilm Addicted su Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news e iniziative.

Gnappies_mari
Nata negli anni 80, grazie al suo papà clone di Magnum P.I., cresce a pane e “Genitori in blue jeans” (dove si innamora di Leonardo di Caprio che troverà poi in quei film tanto amati come "What's Eating Gilbert Grape" o “Total eclipse”), l’uomo da 6 milioni di dollari, l’A-Team, Supercar e SuperVicky. L’adolescenza l’ha trascorsa tra Beverly Hills 90210, Santa Monica e Melrose Place..il suo cuore era sul pianeta di Mork e alle Hawaii..anche se fisicamente (ahimè) era sempre e solo nella provincia bergamasca. Lettrice compulsiva fin dal giorno in cui in prima elementare le hanno regalato Labirinth è appassionata di fantasy (Tolkien è il suo re, Ann Rice e Zimmer Bradley le sue regine) e di manga (Video Girl AI in primis per arrivare a Paradise Kiss e Nana), anche se ultimamente è più orientata a letture propedeutiche pediatriche! Ama studiare (tra laurea, dottorato e master ha cominciato a lavorare a 28 anni!!) ed imparare, ma non fatela arrabbiare altrimenti non ce ne è per nessuno!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.