Image default
Marvel News

Il futuro dei Defender, l’intervento di Thanos e il costume di [SPOILER]: parla il boss di Marvel TV

Il team di Defenders non tornerà a breve su Netflix… anche se c’è un nuovo outfit in vista per uno dei membri del quartetto. Questo quanto condiviso giovedì dal capo della Marvel TV Jeph Loeb.

Rispondendo abilmente a un turbinio di domande durante un AMA (Ask Me Anything) su Reddit (dove stava promuovendo Marvel’s Cloak & Dagger, la cui premiere andrà in onda stasera su Freeform), Loeb ha dichiarato che un ritorno per i Defender Matt Murdock/Daredevil, Jessica Jones, Luke Cage e Danny Rand/Iron Fist “non è nei piani al momento, ma non si sa mai!”.

Non sorprende, visto quanto normalmente la Marvel ami tenere le sue carte coperte, che Loeb abbia offerto molti “Aspettate e vedrete” (riguardo ad esempio la possibilità che Black Bolt e Medusa di  Inhumans possano comparire in Agents of S.H.I.E.L.D.), “Restate sintonizzati!” (per scoprire se vedremo ancora Ghost Rider da qualche parte) e “CONFIDENZIALE!” (sulla serie Marvel al momento decisamente dispersa di John Ridley, nonché eventuali progetti che la Marvel sta sviluppando per il servizio di streaming della Disney, presto in arrivo)… ma è stato possibile racimolare qualche briciola. Ad esempio, a una persona che ha chiesto se Iron Fist riceverà presto il suo super-costume, Loeb ha risposto: “Ti piacerà molto la seconda stagione, in arrivo quest’anno!”.

Agent Carter CancelledRiguardo l’argomento (giustamente duro a morire) della possibile resurrezione di Marvel’s Agent Carter, Loeb ha risposto il solito: “Trovateci un canale!”, aggiungendo poi: “Hayley [Atwell] è stata molto carina nel dire che sarebbe felice di tornare”.

Quando gli è stato chiesto se troveranno una nuova casa per lo show capitanato da Squirrel Girl New Warriors, che Freeform aveva inizialmente ordinato ma ha in seguito declinato, Loeb ha affermato: “Ci siamo lavorando”; ha inoltre menzionato diplomaticamente quella che viene a volte definita la “dilatazione di Netflix”, spiegando che “noi raccontiamo storie che la Marvel e gli showrunner vogliono raccontare. Se escono in formato da 13 episodi ne siamo felici, cerchiamo di supportare questa visione al meglio che possiamo”.

Loeb ha poi fatto eco a quanto dichiarato a TVLine dagli showrunner di S.H.I.E.L.D., riguardo dove si collocherebbe l’assortimento di serie tv e Netflix rispetto al sovversivo film del MCU Avengers: Infinity War (segue spoiler velato): “Perlopiù le nostre storie si svolgono PRIMA che Thanos schioccasse le dita. Molto di ciò a ha che fare con il processo di produzione e quando vogliamo raccontare le nostre store rispetto a quando escono i film”.

Loeb ha infine ribadito la sua riguardo la solita vecchia storia: perché non vediamo mai la Torre degli Avenger nelle serie Netflix ambientate a New York? “Se abiti a NYC non vedi l’Empire State Building da qualsiasi strada”, ha fatto notare. “Quindi perché non può essere possibile che i nostri show siano ambientati in un mondo in cui la Torre C’È, solo che non la vediamo?”.

Fonte

Related posts

Castle | Onore (e sbaciucchiamenti) per il nuovo capitano

Vincenzo

The Flash | Tom Felton non tornerà nei panni di Julian Albert

FeFraise

Buffy | Sarah Michelle Gellar spiega perchè non ci sarà un remake

FeFraise

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.