Image default
Reign Rubriche & Esclusive

“I will go down with this ship” – da POLDARK a The Musketeers (passando per REIGN)

Carissimi, buon giorno! Vi riassumo la mia settimana così che capiate il mio stato mentale: tamponamento a catena in macchina (fortunatamente non provocato da me) e quindi collare per 10gg, raffreddore con annessi febbre e mal di gola, milioni di cose da fare per lavoro (ovviamente da casa visto che la macchina “is out of order”). Cosa posso volere di più? Tipo tutte le mie serie TV preferite da guardare? No, sono quasi tutte in pausa. Ecco la bestemmia è libera, e d’obbligo. Mai una gioia.

Eppure, sono positiva e mi godo le piccole gioie seriali che in questo “Spring Break” (sticaxxi visto che qui a Bergamo, la primavera è iniziata come la stagione delle piogge MA, onor del vero, oggi incredibilmente c’è il sole!!!) non mi hanno abbandonata, ovvero POLDARK e THE MUSKETEERS. Ovviamente vista la leggerissima fissa che mi è partita negli ultimi mesi, non posso esimermi dal riguardare alcune scene di Reign tra Mary e Condé e quindi, giusto per ammorbarvi un pò, parlerò anche di loro (“ciao, sono Marianna, e sono almeno 4 settimane che non parlo di Condé!” #disassuefazionemodeon)

Avviso SPOILER per chi non è in pari con la programmazione di Poldark, Reign e The Musketeers!

Grazie al consiglio di un’amica due settimane fa mi sono decisa e ho guardato Poldark. Non avendo letto i libri non sapevo bene cosa aspettarmi ma ehi, quando si parla di Inghilterra e serie in costume come cadi cadi, cadi bene. E, infatti, Ross Poldark e la sua Cornovaglia mi hanno rapita. Devo ammettere che la fotografia e le location sono davvero fantastiche, i colori, così caldi e un po’ old style danno alle scene una connotazione molto romantica, come dire, molto vintage. Scopriamo che Ross parte per la guerra d’indipendenza americana innamorato di Elizabeth e, il pensiero di lei, lo tiene in vita per tutti gli anni duri delle battaglie. Elizabeth: bellissima, elegante, il classico prototipo della donna di fine settecento, un buon partito insomma. Ed ecco che, quando Ross torna dalla guerra, Elizabeth è promessa sposa a suo cugino Francis, matrimonio che avverrà di lì a breve. Ora, qui ci sarebbe tutto il potenziale per shippare questi due come se non ci fosse un domani e uno sarebbe portato a pensarla esattamente così fino a quando non entra in gioco lui. Questo ragazzo che Ross salva dal linciaggio nel centro del paese, solo perché voleva proteggere il suo cane.

Ecco, lui in realtà è una lei, una ragazza scappata dalla sua famiglia perché stanca dei soprusi del padre, lei è Demelza.

Certo conciata come è conciata farebbe scappare chiunque, ma Ross decide di darle una possibilità di iniziare ex novo, le offre un lavoro e vitto e alloggio presso la sua tenuta. E qui scopriamo come è questa ragazza. Non è raffinata, non ha modi, non è educata, sa a malapena leggere! Però ci mette l’anima in tutto quello che fa, lavora sodo ed è timida e sincera, molto onesta, nei sentimenti e nel comportamento.

Ross è ancora così legato all’idea che ha dell’amore da non riuscire a vedere oltre Elizabeth. Certo, Elizabeth non è la donna superficiale tipica della nobiltà del tempo, si vede che Elizabeth ha un carattere forte e deciso e che, solo la sua condizione di donna in quel determinato periodo storico le è di limite. Eppure, proprio questo credo sia ciò che non la rende la persona giusta per Ross: lui è attivo protagonista di un cambiamento comportamentale nei confronti dei diversi membri della società. Lui sa di essere un nobile (la sua famiglia è una delle famiglie storiche della regione) ma riconosce che tutti gli uomini abbiano dei medesimi diritti, e si batte contro le ingiustizie. Non nego che tra i due vi sia qualcosa di bello da vedere, ma Elizabeth è troppo impostata (giustamente), troppo diversa (forse solo in apparenza, ma l’apparenza è quello a cui lei tiene) dalla persona che Ross è adesso.

Ecco perché quando Demelza ha iniziato a studiare Ross, a vederne le varie sfaccettature del carattere il mio cuore si è imbarcato sulla loro ship: lei è obiettivamente bellissima (una volta smessi i panni del maschiaccio), ed è dolcissima nella sua timidezza e nella sua insicurezza fisica, cosa che è in netta contrapposizione con tenacia che dimostra sia nel lavoro che nei confronti delle angherie degli altri due braccianti di Ross.

E così lei passo dopo passo entra nella sua vita, conosce le sue necessità, cerca di capire ciò che fa, quando entra nel suo studio si perde, rapita, in tutto ciò che trova. La sua semplicità e la sua ingenuità sono disarmanti. E così le barriere (sociali) cadono (semmai Ross ne abbia mai avute) e i due si trovano.

Questa scena è bellissima: non c’è nulla se non due persone che si desiderano e il desiderio è tangibile, quando Ross si avvicina a Demelza tu non puoi non essere in tensione, non puoi non volere che lui la sfiori con le labbra. Sono la perfezione. E poi arriva Elizabeth e SBAM! Lui non capisce più un caxxo, di nuovo. E la felicità di Demelza appassisce come i fiori che ama raccogliere. Alle volte è difficile capire quando è vero amore e non un amore idealizzato. Ma il vero amore si nutre di quotidianità e di vita vissuta, di condivisione. Ed io non vedo l’ora di scoprire cosa succederà ora! Certo, il promo del prossimo episodio non è che sia proprio un idillio ma… ormai LORO SONO LA MIA SHIP!!!

Ho già parlato abbondantemente di Condé e di quanto io lo voglia con Mary. Ok, vi dico subito che il povero Francis mi ha fatto pena nell’ultimo episodio: senza forze, remissivo, composto… insomma, come l’abbiamo sempre visto. Ovviamente ci scommetto anche le mutande che non ci libereremo tanto alla svelta di lui (la sfiga) perché le fan Frary sono troppo accanite e lo show perderebbe buona parte dei suoi spettatori ma diciamocelo: speriamo che non muoia così magari possiamo goderci ancora un po’ Mary e Louis!!! Loro due sono una coppia proibita, lei è la regina consorte di Francia, è intoccabile. E lui è un principe di sangue quindi appetibile da chiunque ed è una possibile minaccia per la corona dei Valois. Fin dalla sua comparsa Louis si è dimostrato un fedele suddito di Francis e Mary, certo, era lì per avvicinarsi a loro, per studiarli e poi indebolirli (più che altro per far sì che Antoine realizzasse i suoi desideri di poteri). Eppure non ha mai fatto nulla per creare casino, per portare avanti il piano del fratello. Anzi, quando ne ha avuto la possibilità lui si è schierato in difesa di Bash.

Non ha mai osato toccare Mary, non l’ha mai forzata, è sempre stato al suo posto, sfidandola sì, ma solo perché lei si guardasse dentro. Per esempio quando le dice di smettere di comportarsi usando il suo titolo e di dire che cosa vuole realmente, e lei ammette che non vuole che lui corteggi Lola. Certo in quel momento lei lo dice per farlo restare, ma sappiamo bene che lei ha solo detto la verità, perché era gelosa di lui.

E quando lei finalmente capisce, quando gli eventi la portano ad alzarsi e prendere una decisione, lei sceglie lui, lei LO VUOLE, al suo fianco. Perché davvero, per mesi lui è stato una presenza costante vicino a lei, lui c’è sempre stato per lei, nel bene e nel male.

E la sfiga ci vede benissimo perché poi guarda caso salta fuori che anche Elizabeth vuole Condé come suo promesso. Ed io mi dico: ma si può davvero pensare che Louis sia un falso per aver preso in considerazione la cosa?!?! Maddai! Stiamo parlando della regina d’Inghilterra! E poi, lui l’ha vista solo come un mezzo per salvarsi la testa nel malaugurato caso in cui Mary cambiasse idea e lui rimasse come dire, decapitato. Al tempo a volte succedeva. Quindi onestamente, io non lo biasimo.

Soprattutto perché quando è stato necessario, lui non si è tirato indietro e ha buttato alle ortiche (apparentemente) la sua unica possibilità di salvezza: ha confessato tutto a Mary per darle una mossa contro Katherine, ha fatto ciò che andava fatto per la donna che ama. Quando quello che hai da perdere va al di là della tua vita allora sì che si vede se ci tieni oppure no. E lui ha fatto esattamente quello che volevo facesse! Ecco perché il loro bacio è così bello e dolce, ecco perché ci sta che Mary si sia concessa a lui: perché la fiducia va conquistata, con le parole e con i fatti.

 

https://www.youtube.com/watch?v=_Dw9yJW-kD8

Ovviamente, se fossero sempre così felici che gusto ci sarebbe?? Ebbene, adesso Francis è ad un passo dal (finto) baratro.. vedremo cosa succederà! Ma, anche in questo caso, io sono totalmente MONDE’- ADDICTED!

Dei tre moschettieri D’Artagnan è sempre stato il mio preferito: impulsivo, passionale, impavido. Un po’ come me. Eppure quando ho iniziato The Musketeers non è lui ad avermi colpita. Proprio per niente. Certo l’anima del D’Artagnan che ricordavo è ben visibile eppure… eppure c’è qualcosa che non me lo fa “sentire”. No, la storia di D’Artagnan non mi è entrata dentro. Perdonate la scarsa memoria, ma in una delle prime puntate vediamo Aramis intrattenere una liason con l’amante di Richelieu e lì, lui mi ha folgorata. Non lo so spiegare, ma questo Aramis è così aggraziato (esattamente come ci si aspetterebbe da Aramis in effetti), così rispettoso delle maniere, così Bon Ton insomma. In lui c’è una dolcezza incredibile, è forte, è un sopravvissuto ma è sensibile e il suo essere frivolo in amore nasconde dei drammi passati.

Ed ecco che, verso la fine della prima stagione Aramis e la Regina interagiscono. Loro sono diventati la mia SHIP. Tipo che ho guardato ogni puntata aspettando una loro scena, che ovviamente non arrivava praticamente mai. Aramis protegge Anne e la chimica tra i due è innegabile.

Lui è rapito dalla bellezza e dalla fragilità di lei. Lei è persa nel suo abbraccio, nella sua forza e nella sua delicatezza, nella sua gentilezza. I loro occhi parlano per loro. Ma, ovviamente, lei è la Regina di Francia (per giunta è pure spagnola).

E poi succede che i due hanno del tempo per stare insieme. Si sa, quando la vita è in pericolo, è l’istinto di sopravvivenza che ci guida. Sì, la sopravvivenza della specie! Ok, scusate la battuta. Loro due sono bellissimi. Si guardano, si vogliono e sono lì, soli. (Quasi).

Scopriamo poi che Anne è incinta e che il figlio, oh oh, è proprio di Aramis. E così lui è ancora più coinvolto. Certo nel frattempo si fa quella mentecatta (vabbeh poveraccia, lei si è innamorata di lui però dai… non si può!) della dama di Anne ma solo per poter avere accesso alle stanze del Delfino e di Anne, per essere lì vicino. Così lui si espone, ma ci tiene troppo. E quando Anne è in pericolo lui va in prima linea, e non solo perché è un moschettiere, ma perché è suo dovere morale verso la madre di suo figlio, non solo verso la sua Regina.

Io ho adorato il suo inginocchiarsi al suo cospetto, perché c’era tutta la sua voglia di abbracciarla, di stringerla e saperla al sicuro tra le sue braccia. E invece no. Non è possibile. E nell’ultima puntata Anne è costretta a scappare dalla stretta di Rochefort e i moschettieri la portano proprio nel convento che le ha offerto già una volta riparo e lì, nonostante non si sfiorino neanche, nonostante siano uno fisicamente lontano dall’altra, sono più uniti che mai.

Questa è una ship destinata ad affondare perché non è fattibile, è solo ideale, non reale. Eppure, ha qualcosa che ti porta a voler credere che sarà possibile, a volere che ci sia un futuro tutto per loro.

Vi siete mai chiesti come mai una certa coppia vi prende così tanto? Come mai volete insieme proprio quei due personaggi? Semplice: quando due personaggi sono destinati a stare insieme non sono interessanti, sono scontati. Perché al di là della chimica pazzesca tra gli attori che interpretano la tua “ship”, più due personaggi sono complicati, più litigano e sembra che per loro non ci sia un futuro e più si HA LA NECESSITA’ DI VEDERLI INSIEME. Non dico che deve essere un’unione perfetta alla “e vissero felici e contenti”, ma devono interagire, ci deve essere un bacio, un finto bacio… insomma, una qualunque cosa! Poi possono anche lasciarsi, azzannarsi, litigare… meglio! Così quando ritorneranno insieme sarà ancora più bello! Leggermente da masochisti me ne rendo conto ma in fondo l’amore più è sofferto, più ti emoziona e ti entra dentro, sotto pelle. Quando i tuoi prediletti soffrono tu soffri con loro, quando il loro rapporto fa acqua da tutte le parti tu sei DISPERATO, la tua vita è in frantumi, tu sei sul Titanic e stai affondando. TRAGEDIA. IMMANE TRAGEDIA.

 

 

 

 

 

 

Related posts

Dietro le quinte di GoT con guide dal set

Ale

Guys & Dolls | Richard Madden

Fran

Giovedì Gnocchi | Adelaide Kane & Joseph Morgan

Prince

6 comments

Sabrina 28 Marzo 2015 at 18:15

Mondè*-* quindi non sono l’unica ad amarli follemente (anche se il #teamMash continua ad avere un posto speciale nel mio cuore)… ok, sono per il “cambiamo la storia”, ma quanto a lungo possono far vivere Francis? Possono cambiare il tragitto dei personaggi(la CW può), ma non la meta!

Per quanto riguarda le altre due coppie…le adoro (si, ne hai beccate 3 su 3 xD) e non posso che darti ragione sulla riflessione finale, le cose semplici e scontate non ci piacciono…siamo masochisti! 🙂

Reply
gnappies_mari 30 Marzo 2015 at 09:50

@sabrina non sei l’unica Mondé!!! Io ne conosco almeno un’altra oltre a noi!! Ebbene, siamo in minoranza ma ehi, è un dato di fatto che Francis morirà.. Ed è un dato di fatto che Condé ha passato la sua vita a cospirare contro la corona.. Quindi, moriremo malissimo!!
Oggi non vedo l’ora di vedere poldark!!!

Reply
Federicuccia 29 Marzo 2015 at 10:07

con i miei Annamis sfondi una porta aperta! *.*
dati gli ultimi avvenimenti credo che dovremmo aspettare parecchio anche solo per una scena tra loro due, ma io non smetto di crederci, so fatta così
bella proprio l’ultima gif in cui Anne dice ad Aramis che non rinnegherà mai ciò è che avvenuto in quel convento <3 <3 o anche la sua confessione a Constance!

Reply
gnappies_mari 30 Marzo 2015 at 09:15

@federicuccia la confessione di Anne a Constance è stata davvero emozionante!! Hai visto il finale? Oh mamma Aramis

Reply
venereb 31 Marzo 2015 at 16:41

I primi due non li seguo, ma Aramis e Anna sono delle mie ship più amate e purtroppo irrealizzabili! T_T Il finale di stagione mi ha semplicemente distrutta e anche io guardo questa serie sperando sempre che succeda qualcosa tra loro, qualsiasi cosa, anche un minimo sguardo! Purtroppo so bene che non potranno mai stare insieme davvero, ma sono in assoluto la coppia che mi emoziona di più in questo show, anche io mi sono subito appassionata al personaggio di Aramis, ma è quasi sempre stato il mio preferito, quindi non faccio testo.
Che dire, sono sempre felice quando leggo di qualcun’altro che ama questa coppia quanto la amo io, almeno posso fare un po’ di terapia di gruppo! 😛

Reply
gnappies_mari 6 Aprile 2015 at 00:51

@venereb è già.. Aramis è un gran personaggio.. È il finale?!? Vuoi che ti dica tutte le imprecazioni che ho tirato?!? Lasciamo perdere. Andiamo di terapia di gruppo che è meglio!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv