Image default
Grey's Anatomy Recensioni

Grey’s Anatomy 14×23 – Ma è successo davvero?

L’episodio che aspettavamo da settimane, fin dal momento dell’annunciato addio di Arizona ed April. L’episodio temuto da TUTTI, la TRAGEDIA annunciata nel promo, annunciata da qualsiasi cosa si vedesse nello show. Quel classico caso da allontanamento-addio che con la mente ci riportava già alla tragica fine di Derek Shepherd.

L’episodio che temevamo è arrivato e per rispondere alla domanda/titolo della recensione: nonostante le nostre paure e macabre aspettative NO, NON è successo niente, TANTO DRAMMA PER NULLA. Ma posso io lamentarmi del fatto che dopo avermi fatto perdere ogni speranza alla fine April Kepner è riuscita a sopravvivere a questo scempio? CERTO CHE NO, e quindi:

April Kepner è sopravvissuta a Krista Vernoff, ha sconfitto la falce da cupa mietitrice di Shonda Rhimes e nonostante la sua inevitabile uscita di scena nel prossimo episodio, non sarà tramite l’utilizzo di una bara.

APRIL KEPNER 1 – KRISTA/SHONDA 0

L’episodio in sé poteva essere diretto meglio. Mi aspettavo una puntata April-centrica, totalmente focalizzata sulla tragedia che stava avvenendo e impattava emotivamente su tutti i medici che la conoscevano e avevano passato anni insieme a lei. Invece purtroppo il tempo a disposizione è poco e le cose da fare TANTE, per cui bisogna dividere lo spazio con il ritorno di un personaggio da me AMATO e che continua a non deludermi in una stagione che non ha fatto altro: LA HERMAN.

Fate santa quella donna ora, perché non solo chiarisce i suoi malintesi con Arizona, rallegra dei momenti OSCURI e riesce quasi a rubare la scena a praticamente tutti. La donna distrugge la terribile uscita di scena della pediatra costruendole invece un futuro radioso fatto di medicina, conquiste e successi sempre permettendole di restare vicino a sua figlia a New York. Illumina la scena anche nel confronto con Amelia e i suoi continui dubbi riguardanti il tumore ed è pure andata a letto con Koracick, il personaggio riuscito meglio di tutta la stagione, insomma ALL IN.

Una donna che in un episodio risolve le sorti della VITA di uno dei personaggi più amati della serie va solo lodata e sarebbe stato bello poterla rivedere per più tempo, ma ahimè in questa stagione le cose non durano per più di una puntata o due. Nota positiva è che ora l’addio di Arizona, per quanto triste, ingiusto e assolutamente inspiegabile, quanto meno non sarà così terribile come pensavo e mi permetterà di immaginarla sempre accanto alla Herman e ritornare con la mente a una delle migliori storyline degli ultimi anni.

Insomma, io più emotiva della Bailey durante il saluto, ma quantomeno soddisfatta.

Per quanto riguarda April, invece, son FELICISSIMA che sia sopravvissuta ma non condivido la storyline che hanno deciso per lei. Ripeto, è splendido che il suo personaggio abbia superato questo finale perché ciò significa che potrà tornare e non come semplice flashback in un eventuale finale, ma il fatto che sia tornata con Matthew e che l’abbiano fatta passare come storia del secolo PROPRIO NO.

Il ricongiungimento con Matthew, infatti, è stato come dire che quello che Jackson e April hanno vissuto era una parentesi, una fase di passaggio, un errore prima di tornare dal suo VERO AMORE e dal suo DESTINO. E questa cosa non mi va proprio giù perché Jackson ed April erano il TRUE LOVE per eccellenza, ricordiamoci la scena della fuga dal matrimonio che ora, visto come son andate le cose, viene  quasi considerata come una stupidata del momento, tanto April sarebbe poi tornata da Matthew.

Non so se avete visto che CHIMICA e che intensità nelle scene con Jackson, la faccia DISTRUTTA dell’uomo e quell’impatto emotivo nel momento in cui chiede a Dio di restituirle la sua April. Non potete negare di essere rimasti colpiti da ciò, perché io mi son commossa e visto quanta rabbia avevo in corpo per questo episodio vi posso assicurare che non è cosa da poco. Ma era tutto così perfetto, doloroso, REALE, vedere Jackson piangere e PREGARE al capezzale di quella che tutti credevamo essere la donna della sua vita è stato davvero troppo e vedere April riaprire gli occhi proprio in quel momento è stato il colpo di grazia.

Insomma, pensare di perdere per sempre un personaggio per poi riaverlo indietro e subito dopo rendersi conto di doverlo perdere nuovamente nel prossimo episodio è davvero complicato, ma è quello che è successo.

Gli altri personaggi e le loro storie la fanno un po’ da contorno, come è naturale, anche se i pianti prima disperati e poi di felicità di Arizona mi hanno davvero distrutta e portata nuovamente alle lacrime. MA COME FAREMO SENZA DI LORO?

Ho trovato strana anche la parentesi dell’incendio e del freddo negli appartamenti, che sia stato citato così a caso o mi son persa qualcosa? Boh. Il resto gravita intorno alla storia portante e anche la scena di Meredith e il ricordo a Derek passano quanto meno in secondo piano visti tutti gli avvenimenti finali anche se, ultima cosa, la scena di Jackson e Harriet in chiesa mi ha colpito, che ora l’uomo possa “credere” davvero in qualcosa oppure sarà una cosa da una puntata sola? Chissà.

A una puntata dalla fine, però, ci ritroviamo così, emotivamente provati, stanchi e tristi per la perdita che dovremo affrontare. Voi come vi sentite? Come avete trovato questo episodio? Vi aspettavate che April sopravvivesse o eravate già tutti pronti al peggio? Fatemelo sapere nei commenti.

Io come al solito vi lascio con il consiglio di far un salto in queste splendide pagine:

E con il promo del season finale di quest’anno:

Related posts

Grey’s Anatomy | Recensione 8×08 – Heart Shaped Box

sweetsilvia

Homeland | Recensione 3×06 – Still Positive

La Ale

Teen Wolf | Recensione 4×02 – 117

Lestblue

2 comments

Syl
Syl 14 maggio 2018 at 13:19

Ciao! Eccomi a commentare, non potevo lasciarmi sfuggire la possibilità di parlare finalmente della puntata.
Stranamente venerdì sono riuscita a non spoilerarmi la morte/non morte di April, per cui me ne sono stata tutto il giorno in giro con pensieri cupi, senza sapere di che morte avremmo dovuto morire (nessuna, a quanto pare XD).
Concordo con te, sarai anche stanca di sentirtelo dire.
Anyway:
1. Distruttissima dal dolore di Jackson, mirabilmente espresso. Sono ancora sconvolta e triste, nonostante poi sia arrivata la salvezza finale.
2. Mi è perfino piaciuta Maggie, è grazie a lei se April è viva, perché si è ostinata a non farla morire, mentre tutti le dicevano che, in sostanza, aveva le visioni, ma del resto chi è il cardiochirurgo? Ecco.
3. D’accordo con te su questa storyline che è andata come hai raccontato: e cioè April che in pratica con Jackson ha sbagliato, s’è presa una sbandata e per fortuna poi è tornata con Matthew. Ecco. NO. NO. Ancora, NO. Ho letto non so dove, forse un commento da qualche parte (palesatevi, così vi do credit) la seguente spiegazione: non è che sia tornata dal primo amore, è che ormai Jackson sta con Maggie, April ha ripiegato su Matthew. Ecco. Di nuovo, NOissimo. Cioè, ci sta come spiegazione, ci sta che April sia tornata serena con un nuovo amore sano e spensierato, ma non così. Lo trovo fuori luogo, pure poco elegante per la serie in sé.
3. La Hermann ha effettivamente rubato la scena a tutti, non solo perché ha dato ad Arizona il futuro che merita, levando noi dal tormento, ma perché è stata una ventata di aria fresca! L’ho adorata in ogni minuto in cui è stata inquadrata. Mi piaceva già prima, già ai tempi della sua presenza in GA, ma qui è stata TOP
4. Sull’incendio io ho pensato fosse una pubblicità occulta per far guardare Station 19, onestamente XD
5. In ultimo, sono sconcertata da una cosa, che dici anche tu. Cioè qui si sa da mesi che April se ne va, siamo affranti (chi più, chi meno, io sì), perché devi fare una penultima puntata in cui sta per morire e invece vive? Per la suspance? Per indurla ad andarsene e quindi bisognava trovare un evento drammatico? Perché io come spettatrice lo trovo poco “organic”, se mi è concesso di prendere in prestito il termine. Già me la portate via, devo pure temere per la sua morte, ah no, abbiamo scherzato? Chiaro che ora sono felice e sollevata che sia viva, ma dovevano passare attraverso questo strazio per forza? Ora, so bene che i telefilm si basano sulla manipolazione emotiva, che è anche spesso riconoscibile ed è un meccanismo proprio della struttura telefilmica, ma qui per me è meh. Gratuito, ecco.
Spettacolare recensione come sempre!

Reply
Claw
Claw 14 maggio 2018 at 18:03

Che mega commento, SPLENDIDO. Allora parto dal punto 4 perché mi hai aperto un mondo e probabilmente è davvero pubblicità occulta messa veramente A CASO, e il fatto che sia proprio LA Bailey a guardare il televisore dimostra come forse stesse pensando a Ben.
Su Jackson/April/Matthew non ho altro da aggiungere perché come per te per me è un NO grande come una casa tutto quello che hanno fatto, ma a mente fredda, dopo qualche ora ho pensato invece a un altra cosa. Tutti davamo “per scontato” che April morisse per il semplice fatto che in qualche modo deve sparire dallo show e non era affatto credibile che abbandonasse Harriet o che se la portasse via allontanandola da Jackson. Bene, ora è viva, le paure son passate e sta con Matthew che però LAVORA A SEATTLE, dunque…esattamente come pensano di far uscire April di scena? No perché hanno un solo episodio per farlo e io non vedo ALCUNA soluzione dato che si ritorna sempre ai soliti interrogativi.

Grandissimo BOH che ritroveremo nel finale, chissà cosa ci aspetta.

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.