Image default
Gotham Recensioni

Gotham | Recensione 1×08 – The Mask

“In order to succeed, you have to be a warrior.”

Here we are! Parto subito in bomba con un commento alquanto scontato:  quanto meraviglioso è stato ANCHE questo episodio?! Io veramente salto come una molla ogni volta che compaiono i titoli di coda, ne voglio ancora e lo voglio ora!

The Mask è riuscito ad intrecciare abilmente diverse storyline dando ad ognuna il suo giusto spessore e livello di importanza e facendolo non si è dimenticato di far riemergere quei personaggi che, a causa della troppa mole di carne sul fuoco, a volte tralascia. Andiamo con ordine però e cerchiamo di tirare le somme.

 

FISH, OSWALD E FALCONE
DOGMA: Non si può non amare Penguin, è impossibile non farlo, incarna tutti i mali di Gotham eppure è talmente ben scritto e recitato che non puoi non amarlo.

Il confronto tra Mooney e Cobblepot è stato spettacolare, ancora una volta, ci ha sottolineato il rancore che la donna prova per il ragazzo (rancore che rappresenta il suo punto debole, prima o poi, per la furia di raggiungere il suo scopo e fare del male a chi intende farlo, farà la mossa sbagliata e questo sarà solo l’inizio della fine) e per ciò che rappresenta: un suo insuccesso. Dall’altro canto è amabile vedere come Oswald provi piacere a ricapitarle sotto il naso per sottolineare il suo status attuale di untouchable. Anche il suo presente ha proprio questo scopo: ricordarle che lui è ancora vivo e non è certo dalla sua parte.

Ora alla luce dei fatti grazie a Oswald, che impara velocemente dalla vita, sappiamo che Falcone sarà presto messo al corrente che la sua nuova protetta in realtà non è nient’altro che una spia, ma restano degli interrogativi a questo proposito: Falcone è già a conoscenza di questa ipotesi? La secret weapon (Liza) di Fish ha realmente drogato l’uomo per il quale sta nutrendo dei sentimenti oppure è tutto un macchinamento alle spalle di Mooney? Se Falcone fosse realmente all’oscuro come reagirà per questo tradimento? Mi spiacerebbe che questa pseudocoppia dalla dinamica strana (che oscilla tra il marito/moglie, figlia/padre e governante/padrone) si sciogliesse. Oltretutto Fish ha dato prova, ancora, di non essere un vero capo del ci si possa fidare, lei manipola chiunque (la storia sulla madre è stato l’ennesimo esempio) e quindi mi aspetto che, grazie al contrappasso, anche lei venga manipolata e così distrutta (il bigliettino con i dati di Falcone potrebbe essere il primo tassello del puzzle in questa direzione).

gotham-the-mask-ben-mckenzie

JIM, BARB E BULLOCK
Con ‘The Mask’ ci troviamo subito dopo gli avvenimenti a cui abbiamo assistito in ‘Penguin’s Umbrella’ e a ricordarcelo troviamo da una parte una Barbara ancora scossa e sull’orlo di una crisi di nervi e dall’altra l’intero dipartimento di polizia che ce l’ha a morte con Jim e col suo modo di fare.
Barbara, che come saprete benissimo odio dal primo momento, sta razionalizzando il rapimento e se la sta letteralmente facendo sotto dimostrando di non essere la compagna ideale per Jim. L’abbiamo vista disposta a rischiare (da idiota) la sua vita tornando da Gordon nello scorso episodio e ora invece lascia una lettera e se ne va come nulla fosse. Che voglia preannunciare che per un po’ non la vedremo? Lo spero, anche se, come ho già ricordato, non vedo l’ora che lasci il ruolo di fidanzata a chi veramente se lo merita (Sarah).
Come ho accennato poche righe fa, ho amato veramente molto il modo in cui è stato affrontato il conflitto tra Jim e il resto dei poliziotti. Non è da tutti gli show stare attenti a queste dinamiche e a sfruttarle così magnificamente per inspessire i personaggi e donarci sfumature. Bullock è stato fenomenale nel fare aprire gli occhi a tutti e pian piano si sta trasformando nel partner ideale per Gordon. Notevole è stato anche il ribaltamento di ruoli tra poliziotto buono e poliziotto cattivo, Jim ne è emerso sicuramente più forte e ha marcato il suo territorio e la sua ferma posizione.
Per quanto riguarda il ‘case of the week’ devo dire che sono stato pienamente soddisfatto, questa sorta di fight club rispecchiava perfettamente l’animo violento e corrotto di Gotham integrandolo a tutti i livelli della società. Veramente una scelta ottima e portata in scena in maniera impeccabile.

Menzione d’onore va fatta senza ombra di dubbio per la scena di combattimento tra Jim e Sionis, in cui per un attimo abbiamo assistito alla furia di Gordon e al suo camminare costantemente sul filo del rasoio tra bene e male.

gotham-the-mask-david-mazouz-sean-pertwee
ALFRED E BRUCE
Che abbia da sempre amato Alfred non è un mistero, ma in questo episodio l’ho veramente osannato. I suoi interventi (“You’re going to bloody school. Now start walking”), il suo modo perfetto di rapportarsi a Bruce, l’essere il caposaldo di questo ragazzo ormai solo… tutto, veramente tutto spettacolare… senza calcolare poi la scena della consegna dell’orologio e del confronto definitivo con Tommy, saltavo letteralmente sul divano!

Tommy, il bulletto new entry di questo episodio, forse l’avete riconosciuto, si tratta di Thomas Eliott, il rampollo d’alta società che odiava i propri genitori e che diventerà HUSH, l’ex-chirurgo arci nemico di Batman che grazie all’Enigmista scoprirà la sua vera identità. Un bel inserimento nella trama e un bel modo di creare una rivalità tra i due giovani. Sperò che però questo non sia solo un cameo one shot ma di rivederlo presto.

Bruce è fantastico in tutto, nel suo modo di rapportarsi con gli altri (“I’m not sure. Define ‘normal’ and make a good case for it”), nel modo di comportarsi (lo schiaffo, la paura, la consapevolezza di un punto di non ritorno aka il confronto definitivo con Tommy) e soprattutto è trasparente, le sue emozioni si leggono in faccia, la sua paura mischiata alla sua voglia di reagire, di non essere una vittima. Un applauso a David Mazouz e alla sua bravura!

COMMENTI RANDOM
-Ancora una volta ho adorato l’entrata in scena di ESTHER Cobblepot, è fantastica, è perfetta ed è fonte di ispirazione per le stranezze del figlio. Il modo in cui lo ispira e lo istiga ad essere il meglio è ammirevole, lei fa quello che può, è pazza ma non possiamo fargliene una colpa se non apprezzarla per questi tocchi folkloristici che regala allo show.

-THE CAT CAME BACK. Il finale dell’episodio ci preannuncia il fatto che la prossima settimana la nostra Selina avrà il suo spazio. Le sue scene sono sempre in grado di strappare un sorriso.

“Hey detective. Miss me?”

“Girl’s gotta shop.”

-ED NYGMA è ancora relegato al ruolo di “strambo Dexter” però continuano ad emergere dettagli significativi come ad esempio il malomodo con cui viene trattato all’interno della stazione di polizia, pezzi di un puzzle che se ricomposto ci portano a capire il perché diventerà l’Enigmista che tutti conosciamo. La sua battuta al cadavere e il suo modo scanzonato di interagirci sono stati divertenti e sono riusciti a strapparmi qualche sorriso e risata.

gotham-the-mask-cory-michael-smith

-Ultimo punto: mi piacerebbe rivedere Poison Ivy perché in fin dei conti le sono stati dedicati solo pochi secondi e non sappiamo ancora molto di lei.

-Il titolo del prossimo episodio è Harvey Dent… state già fangirlando???

Bene, anche per oggi ho concluso, spero di non avervi annoiato troppo e spero di ritrovarvi qui la prossima settimana! Non dimenticate di passare a trovare queste pagine amiche sempre ricche di news, immagini e spoiler!

Gotham Italia

Ben Mckenzie Italia

Gotham Italia

Related posts

Ringer | Recensione 1×07 – Oh Gawd, There’s Two of Them?

Clizia Germinario

This is us 2×07 – Ogni passo è una scelta

Gnappies

True Blood | Recensione 5×11 – Sunset

Pepkins

4 comments

Ale
Ale 13 Novembre 2014 at 11:52

Io adoro, ma letteralmente ADORO le tue recensioni, perché mi appassionano tanto quanto gli episodi in sé di questa serie per cui sto nutrendo un amore folle. Il FOX Monday è probabilmente uno dei miei giorni della settimana preferiti al momento 🙂 Che aggiungere a quanto già detto da te? Io sono innamorata del Pinguino, è quanto di più vicino alla perfezione ci possa essere per la scrittura di un personaggio e Robin Lord Taylor è un mostro di bravura! Ma trovo il casting super-azzeccato per praticamente tutti i villain-to-be: io vorrei vedere più Nygma e più Cat, e hai ragione anche su Poison Ivy, di cui sembrano essersi dimenticati invece sarebbe interessante approfondirla.
E a proposito di approfondimento, hai perfettamente ragione anche sul fatto della coerenza della trama: un altro show, dopo un momento forte come quello dello scorso episodio in cui l’intera stazione di polizia abbandona Gordon, avrebbe liquidato tutto in questo episodio come se non fosse mai successo. Invece qui anche gli eventi appartenenti alla trama verticale di un episodio non vengono dimenticati nel successivo, ed è una cosa che apprezzo enormemente. Se stai cogliendo dei toni fangirlanti tra le righe…HAI RAGIONE!! xD
Complimenti ancora, sottoscrivo tutto quello che hai detto 🙂

Reply
Lestblue
Lestblue 18 Novembre 2014 at 19:35

Awww grazie mille!! <3 <3 <3

Sei troppo di parte!!! 😛

Reply
Laura 17 Novembre 2014 at 17:36

Ciao! Leggo sempre puntuale le tue recensioni dopo aver visto l’episodio, e come sempre sono d’accordo su tutto!!

Barbara, bye bye, non so pr via dell’attrice o cosa, ma il suo personaggio non mi entusiasmava per niente, tra l’altro non c’era nessuna chimica tra i due, lei era proprio un pezzo di legno…

Bruce in questo episodio è stato mitico, quando ha mollato uno schiaffo a Tommy per poco non saltavo sul letto, quel ragazzino ha proprio una faccia da str*nzo, spero anch’io che non sia stato solo buttato lì, ma che riprendano la rivalità tra i due nei prossimi episodi..

Oswald e Fish, anch’io ho la sensazione che prima o poi le scoppierà tutto in faccia, dato che sembra che il pinguino abbia alleati ovunque… Sua madre poi, “Si pronuncia Kapelput”, mi fa sempre ridere!

Ed Nygma… Mi fa una tenerezza assurda, lo trattano tutti male, secondo me manca poco prima che la sua pazienza si incrini e cominci a dar del filo da torcere a tutti…!!

Appuntamento alla prossima recensione!!

Reply
Lestblue
Lestblue 18 Novembre 2014 at 19:34

Ciao!!! Grazie mille per il commento e per continuare a seguire i miei commenti, Gotham, contro ogni mia aspettativa (avevo paura che il grande hype creato su questa serie si rivelasse una bufala), si sta rivelando una serie veramente ben studiata e realizzata magnificamente, tutto ha una sua logica e un suo ritornare al mito del pipistrello! In parole povere LO ADORO!!!
Al prossimo incontro allora! 🙂

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv