Image default
Glee Recensioni

Glee | Recensione 4×17 – Guilty Pleasures

Diciassettesima puntata di Glee tutta incentrata sulle passioni proibite dei nostri amati protagonisti: quelle cose che uno ama, ma che si vergogna di confessare perfino agli amici più intimi.
Una puntata decisamente migliore rispetto alle precedenti anche se il no-sense regna sempre sovrano e lo sprint del passato ce lo sogniamo ancora di notte, forse per sempre.
Mentre Sam rivela a Blaine la sua malcelata ossessione per i dipinti fatti con i maccheroni (??), il povero Blaine deve vedersela con i suoi sentimenti indomabili per il biondo amico. Un po’ ci pensa Tina, che sembra spuntare sempre come un fungo ogni volta che i due si trovano soli, e un po’ viene tutto nascosto sotto una passione travolgente per gli Wham (??). Bellissima l’interpretazione di Blaine e Sam sulle note dell’intramontabile Wake me up before you go-go degli Wham, una delle migliori della puntata.
Ultimamente sto rivalutando molto il personaggio di Kitty, sembra l’unico portatore di un po’ di brio nella serie e la sua cattiveria intrinseca è diventata ormai sincerità disarmante. La passione proibita di Kitty, che non ha mai confessato a nessuno e di cui si vergogna molto, sono… le Spice Girls. Mi aspettavo qualcosa di più terribile dopo la confessione di Sam di amare Barry Manilow (??)! Le Spice Girls sono state l’idolo di tutte le adolescenti della mia generazione, insieme ai BSB!
Schermata 2013-03-26 a 21.36.05
Anche io, Tina, anche io…senza minimamente capire che parlavano della loro voglia matta di fare ziga-zig! Questo piacere proibito ci porta direttamente a questa pietà ambulante:
Schermata 2013-03-26 a 21.43.22
Ma facciamo un salto a New York, dove Kurt nasconde il terribilissimo segreto di aver ordinato un cuscino a forma di braccio abbracciante, per non sentirsi solo la notte.
Schermata 2013-03-26 a 21.36.50
Rachel è distrutta dalla rottura con Brody, che se ne è andato senza dire una parola, come era negli “accordi” con Finn, ma Santana si trova costretta a rivelarle la verità sulla doppia vita del suo ex, preoccupata dal fatto che Rachel sembrasse intenzionata ad aspettare un suo ritorno. Così ora che i tristi nodi sono venuti al pettine, possono tutti concedersi un braccio abbracciate! Yeah! Però un pochino mi è dispiaciuto per Brody, sembrava che ci tenesse davvero a Rachel e spero che la questione non sia realmente finita qui. Molto bella Creep dei Radiohead cantata da Brody e Rachel.
Per chi, come me, ha visto le balle di fieno passare nel cervello a sentir nominare Barry Manilow e i suoi fantastici capelli, è questo bell’uomo qui:
arriving at the 53rd Annual NARM Convention Awards Dinner
E comunque io ci tenevo a sapere l’esperienza traumatica di Carly con il vasino! u.u

Related posts

The Vampire Diaries | Recensione 7×10 – Hell Is Other People

Al

How I Met Your Mother | Recensione 9×20 – Daisy

How I Met Your Mother – Recensione 9×13 “Bass Player Wanted”

The Lady and the Band

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.