Image default
Glee Recensioni

Glee | Recensione 4×13 – Diva

Puntata un pò fiacchetta questa tredicesima di Glee, e soprattutto costellata di momenti al limite dell’imbarazzante, esibizioni comprese.
Finn deve trovare la diva del gruppo che potrebbe portare a vincere le Regionali e da qui parte la sfida di tutte le prime donne sulle note di Diva di Beyonce, corredati di abiti pacchiani e pose dove la finess si spreca.

glee13.2

Rachel intanto sembra diventata una gallina starnazzante che non fa che vantarsi del suo talento, sempre seguita da uno stuolo di pecore adulatrici, incapace anche di rispondere al telefono per preservare la sua voce da star. Kurt non può più tollerare di vivere con questo mostro ingrato e la sfida a un duello di canto davanti a tutta la scuola.

Schermata 2013-02-12 a 22.27.10

Prima di perdere clamorosamente la sfida, ci tocca assistere all’imbarazzantissimo momento in cui Rachel rivela a Kurt di aver fondato tutta la sua fiducia in se stessa e la speranza di un futuro luminoso nella sconfitta che aveva dato a Kurt in seconda liceo, e di cui nessuno, a parte lei, probabilmente si ricorda. Crollato questo muro così solido assistiamo a una Rachel goffa, sola e disperata, che vaga per la scuola stringendosi nel suo golfino, senza più nulla a cui aggrapparsi per vivere.
Terzo elemento imbarazzante l’abbiamo con l’ostinazione inquietante di Tina di conquistare Blaine, anche a suon di zuppa di pollo e vicks vaporub, salvo poi inacidirsi come non mai quando si rende conto che Blaine non è in grado di recepire i segnali della sua attrazione, nemmeno se indossa una tutina rosa attillata e dimena il fondoschiena su Hung up di Madonna.
Emma, riemersa dalle tenebre dell’oblio, se ne salta fuori in questa puntata con una crisi da panico prematrimoniale scatenata da un centrotavola decorativo troppo bianco per le imminenti nozze con Will, che le fa mettere in discussione l’idea stessa di sposarsi, e che culmina in un bacio assurdo tra Finn ed Emma.  Questo potrebbe essere il quarto momento imbarazzante, di quelli traumatici che bloccano la crescita, pero, ad essere onesta, forse è stato l’attimo più interessante della puntata e sicuramente una ventata di novità per la serie, o perlomeno qualche brividino in più.

713880

Related posts

The 100 | Recensione 1×13 – We Are Grounders (Part 2)

Francesca_Giorgino

The Following | Recensione 1×13 – Havenport

Sarella

Arrow | Recensione 5×03 – A Matter Of Trust

Bravissima6

2 comments

Lestblue
Lestblue 13 Febbraio 2013 at 10:46

Bella recensione, hai colto proprio la desolazione che sta invadendo questa serie!!!

Reply
frankieweenie
frankieweenie 13 Febbraio 2013 at 14:06

L’unica cosa che mi è piaciuta di questa puntata è stata Santana a NYC!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.