Image default
Glee Recensioni

Glee | Recensione 4×08 – Thanksgiving

Eccoci all’ottava puntata della stagione, eppure sembra che lo sprint delle prime puntate stia da tempo scemando, perché se devo essere onesta questa puntata non è stata proprio il massimo per me, soprattutto considerando che sono già iniziate le Provinciali.
La puntata parte con i vecchi membri del Glee che si ritrovano a cantare tutti insieme nell’auditorium, sulle note di Homeward Bound di Simon&Garfunkel, dato che tutti sono ritornati a casa per il Ringraziamento. Rivediamo quindi Santana, Mercedes, Mike, Puck e soprattutto Quinn, che avevamo già dato per dispersa.
I due neuroni di Finn entrano in collisione e partoriscono l’idea di accoppiare i vecchi componenti con alcuni nuovi, in modo che li preparino alle Provinciali (e tutti gli altri che fanno?! Non contano un piffero, quindi si spulciano…). Quinn diventa così la maestrina dell’angelica Kitty, con cui va subito d’accordissimo; Marley diventa l’allieva di Santana; Jake il pupillo di Puck, Mike si accolla Ryder e Mercedes Unique. Da qui la cantata sdolcinata nell’auditorium di inizio puntata, stile “Cantiamo insieme, la tua mano stringerà la mia” viene velocemente accantonata per far spazio a una guerriglia tra Quinn e Santana per l’onore dello loro pupille, che si risolve in una sonora scazzottata.
Non contento della sua trovata geniale, Finn propone come pezzo principale delle regionali l’originalissima Gangnam Style, prendendosi subito grandi insulti da tutti; ma la rappresentazione alle regionale risulta abbastanza interessante, e almeno a fare da protagonista è Tina, unica che possa cantare in coreano. Tuttavia a me l’esibizione migliore è sembrata quella dei Warbler (non ce la faccio a chiamarli Usignoli…non si può sentire!) su le basi di Whistle di Flo Rida e Live While We’re Young dei One Direction.
Intanto nella Grande Mela, Rachel e Kurt decidono di non tornare a casa per il Ringraziamento e di festeggiare con una cenetta intima da orfani, che tanto intima poi non sarà visto che si aggiungerà Brody come provetto cuoco, e una lista di simpatiche Drag Queen accompagnate da Isabelle, il capo di Kurt.
Se una nota più che positiva c’è in questa puntata, è che Isabelle riesce a convincere Kurt a fare pace col passato e perdonare Blaine, per riuscire almeno ad andare avanti con la propria vita invece che passare le sue giornata a ignorare sistematicamente tutti i suoi messaggi e le sue chiamate.
Come saranno andate le provinciali non lo sapremo fino alla prossima puntata, in quanto alla fine dell’esibizione Marley sviene, perché con la fissa di dimagrire è arrivata a non mangiare più e ad assumere anche lassativi sotto consiglio di Kitty. Si, anche a me, solo a pelle, Kitty sarebbe sembrata una su cui fare affidamento, come no!

Related posts

The Magicians – La terza stagione in 5 momenti top, 4 domande irrisolte e 1 curiosità

Al

Fringe | Recensione 4×14 – The End Of All Things

Sabrina

Blindspot | Recensione 2×02 – Heave Fiery Knot

Gnappies

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv