Image default
Giovedì Gnocchi Rubriche & Esclusive

Giovedì Gnocchi | Úrsula Corberò & Miguel Herràn

La  casa di carta” (manco ci provo a chiamarla col titolo originale “La Casa de Papel” che di spagnolo so dire a malapena hola) è stato il fenomeno del momento, ma, come avrete intuito dal titolo di questa rubrica, non siamo qui oggi a scavare nei pregi di regia e fotografia di questa serie, quanto piuttosto a mettere in luce la manzitudine del suo cast – con una trama orizzontale così, qualsiasi cosa passa in secondo piano. In particolare vorrei portare la vostra attenzione su Tokyo e Rio.

ÚRSULA CORBERÓ

Nome: Úrsula

Cognome: Corberò Delgado

Data di nascita: 11 agosto 1989

Luogo di nascita: Barcellona, Spagna

Twitter: @ursulolita

Ruolo più importante: Tokyo (“La casa di carta”)

Bio: Nasce a Barcellona l’11 agosto 1989. A tredici anni, inizia a studiare dizione e recitazione. Dopo brevi apparizioni raggiunge finalmente la fama interpretando Ruth nella serie teen “Fisica o chimica” dal 2008 al 2010. Partecipa a numerose serie tv e pellicole cinematografiche spagnole, riscuotendo anche un discreto successo in Patria, ma è con la sua interpretazione di Tokyo che avviene finalmente la svolta nella sua carriera, portandole grande fama anche al di fuori dei confini spagnoli.

Curiosità:

  • Come detto nella biografia, aveva già raggiunto un piccolo successo interpretando Ruth in “Fisica o chimica”. All’epoca ha anche avuto una relazione fuori dal set con il suo collega Israel Rodrìguez, che interpretava Borja. Per chi fosse troppo giovane per ricordare questo show (e per chiunque l’abbia visto e non vuole ricordare), vi lascio una piccola testimonianza video.

  • Ha partecipato alla fiction italiana “La dama velata” con protagonista Miriam Leone.
  • In un mese dalla messa in onda de “La Casa de Papel” ha triplicato i suoi follower su Instagram ed è diventata una vera e propria icona di stile, corteggiata dalle più grandi case di moda.
  • Dal 2016 è fidanzata con l’attore argentino Chino Darìn, conosciuto sul set della serie spagnola “La embajada”.
  • Grazie alla fama conquistata si è guadagnata una parte nella seconda stagione di “Snatch”, la serie prodotta da Crackle e ispirata al film omonimo di Guy Ritchie, con protagonisti Luke Pasqualino e Rupert Grint. Úrsula avrà il ruolo del sicario Ines.
  • Il personaggio di Tokyo ne “La casa di carta”, come ha ammesso la stessa Corberò sul suo profilo Instagram, è ispirato a Mathilda, la giovane Natalie Portman del film “Leon”.

 Ed ora godetevi questa carrellata di immagini di rara bellezza…

 

MIGUEL HERRÁN

Nome: Miguel

Cognome: Herràn

Data di nascita: 25 aprile 1996

Luogo di nascita: Malaga, Spagna

Twitter: @herran_herran

Ruolo più importante: Rio (“La casa di carta”)

Bio: Nasce a Malaga il 25 aprile 1996, ma poi si trasferisce a Madrid con la madre, dove trascorre la sua infanzia nel quartiere Chamberì. La sua carriera come attore inizia nel 2015, quando viene scoperto per puro caso dal regista Daniel Guzmàn e scelto per interpretare il protagonista del suo film “A cambio de nada”; all’epoca di questo primo ruolo, Miguel si divideva ancora tra lavoro e studio alla scuola di cinema di Madrid. Come per Úrsula, anche per lui il ruolo di Rio ha decisamente cambiato le carte in tavola, regalandogli una notorietà che di certo non si aspettava.

Curiosità:

  • La sua interpretazione in “A cambio de nada” gli ha fatto conquistare il premio Goya, il più importante riconoscimento spagnolo nel mondo del cinema, come attore rivelazione dell’anno.
  • All’inizio del 2018 è stato annunciato che farà parte di “Élite”, la seconda serie originale Netflix prodotta in Spagna dopo “Las Chicas del Cable”.
  • Ha dichiarato che in futuro gli piacerebbe recitare almeno fino a quando non avrà il denaro sufficiente per girare un film sulla vita della madre, come omaggio alla madre appunto, ma anche a Guzmàn al quale deve il suo successo.
  • Il suo grande amore, per ora, è il suo cane Coye – quindi, se a differenza mia avete un’età per cui non si possa parlare di pedofilia, potete ancora sperare nella vostra chance.

Ed anche per il nostro Rio una giusta dose di diapositive che lo immortalano in tutta la sua bellezza…

Related posts

Talk Addicted #1 – Perché scrivere di telefilm non ci bastava!

Lestblue

Perché “Firefly” ci è rimasta nel cuore

MooNRiSinG

GoT: lo Spettatore Casuale e la Trama Presunta (Stagione 1)

MooNRiSinG

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.