Image default
Giovedì Gnocchi Rubriche & Esclusive

Giovedì Gnocchi – Jensen Ackles messo… a nudo

Jensen Ackles nasce a Dallas, in Texas, il primo Marzo del 1978. Voci attendibili narrano che la CW abbia in cantiere da decenni un reboot della celebre serie anni ’80 dedicata all’omonima cittadina, ma che i suoi dirigenti stiano attendendo che Jensen sia abbastanza stagionato da vestire il cappello da cowboy di J.R.. Voci altrettanto sicure confermano che “Supernatural” continuerà ad andare in onda fino a quel momento, cioè per altri 25 anni buoni.

Narra la leggenda che in antica lingua elfica il nome Jensen significhi in realtà “tronco di pino di dimensioni ragguardevoli”, ma che la madre abbia scelto la più anonima versione anglofona per evitare un aneurisma alla maestra del pargolo.

Crescendo nel quartiere, Ackles è vittima di episodi di bullismo da parte di bambini che pensano che la sua espressione perennemente corrucciata sia dovuta all’estenuante tentativo di perfezionare una bocca a papera da sfoggiare nei selfie.
Anni dopo, la verità viene a galla e Jensen riguadagna il rispetto di tutti rivelando che la sua espressione era in realtà il frutto di anni di allenamenti volti a padroneggiare la celeberrima magnum.

Le difficoltà per Jensen non sono comunque finite: a diciotto anni decide di rinunciare ad assicurare i suoi bicipiti dopo essere malauguratamente finito in coda al banco della gastronomia al supermercato assieme a Tom Hopper. In quell’occasione, infatti, una vecchietta romagnola scambia per prosciutti di Parma le braccia di Tom, che vengono dichiarate ad honorem patrimonio dell’UNESCO.

Dopo questo avvenimento, Jensen diventa un uomo con una missione, fare implodere gli ormoni delle ragazzine del globo tutto quanto. A questa sua ferrea risoluzione si deve la sua partecipazione a “Dark Angel”, il suo ruolo in “Dawson’s Creek” (in cui interpreta la parte del viscido bastardo, che, si sa, va sempre un casino) e le limonate a caso con Lana Lang in “Smallville”.

È a questo punto che Jensen fa il colpaccio e si accaparra il ruolo di Dean in “Supernatural”, l’equivalente telefilmico dell’impiego statale a tempo indeterminato.

È cosa ormai risaputa che uno scapolo in possesso di un vistoso patrimonio (e finalmente libero dall’incertezza del precariato) abbia bisogno soltanto di una moglie. Nel 2012, pertanto, accompagnato dalle romantiche note di “Eye of the tiger”, Jensen chiede la mano di Daneel Harris, al secolo quella grandissima figlia di buona donna (e buona donna essa stessa) di Rachel Gatina di “One Tree Hill“.
Dal momento che è un sacro dovere preservare cotanta gnocchitudine, i due si lanciano in una fervente campagna di ripopolamento del globo terraqueo e sfornano prontamente una tripletta di pargoli destinata a tramandare ai posteri il loro invidiabile corredo genetico.

Cosa riserva il futuro per questo manzo DOC? Riuscirà mai a vestire i panni del ruvido J.R.? Il suo personaggio sarà mai in grado di vedere una gioia almeno da lontano in “Supernatural”? Lo scopriremo solo vivendo! Nel frattempo beccatevi un’altra GIF, che tanto non fa mai male.

Related posts

Quotes of the Week #61

ChelseaH

Personaggi INCREDIBILI, non solo protagonisti [Sense8]

Claw

Will, ovvero il trionfo dei personaggi secondari

ChelseaH

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.