Image default
Agents of S.H.I.E.L.D. Flash Recaps Nashville Quantico Recensioni The Originals

Flashrecaps week #4 | Gotham, S.H.I.E.L.D., Nashville, Quantico, Scorpion, Jane the Virgin, The Originals, The Good Wife

Scorpion | Flashrecap 2×04 – Robots

Scorpion_TV_SeriesCome il titolo lascia immaginare questa settimana ci si concentra maggiormente sui due “robot” del gruppo, colore che riescono sempre o quasi a controllare le loro emozioni dietro un ragionamento cinico e logico: Happy e Walter. Ho adorato il focus che si è scelto, il modo in cui hanno mostrato che nonostante tutto, i due personaggi più simili e distaccati stiano lentamente cambiando grazie alle mille variabili che hanno incrociato nel loro cammino. Dopo esser stati mandati in una missione segreta a bordo di un sottomarino ed esservi rimasti intrappolati dentro, arenati sul fondale, i due hanno la possibilità di confrontarsi su alcuni aspetti della loro vita, del loro carattere e di ciò che sono e stanno diventando. Certo il resto del gruppo non passa l’episodio con le mani in mano, Toby e Sly non si danno pace sino a che non riescono a riportare i loro amici sani e salvi all’asciutto anche in merito alle varie collaborazioni che si vengono a creare con il passare del tempo. Page resta nelle retrovie stavolta ma senza scomparire del tutto, interagendo invece con il nuovo contatto del team Scorpion in sostituzione della Molina. Si vedono anche il padre di Happy, personaggio che si ama sempre per ciò che riesce a portare allo show e per gli scorci del passato della figlia che ci regala ad ogni sua apparizione, e il novello Ray, l’anima comica della puntata. La scena finale con il gruppo riunito che festeggia l’ennesimo successo è la ciliegina sulla torta!

– Claw

Quantico | Flashrecap 1×03 – Cover

Quantico-Season-1-Episode-3-Cover-Dailymotion-11th-October-2015-640x360QUESTA NON ME L’ASPETTAVO. OH CAVOLO. NAAAH NON PUO’ ESSERE. MA CHE COSA…? NON CI CREDO.
Tipici pensieri che mi passano per la testa durante una puntata di Quantico. Mi piacciono le prove che vengono assegnate agli agenti, sono sempre più intriganti e rivelano lati nascosti dei personaggi. Finalmente abbiamo sappiamo di più su Nimah: c’è una gemella forte e una debole, ma quella che si è rivelata davvero debole alla fine è quella che si è creduta più forte all’inizio: fare il salto e tuffarsi nell’ignoto; questa è la grande sfida per Nimah ed è stata anche un po’ il tema della puntata. E’ valso lo stesso per Alex dovendo aprire quel libro, dovendosi fidare si Simon e un po’ per tutti gli altri cercando di fidarsi l’un l’altro. Un grosso mistero rimane Simon: forse non è gay, probabilmente non è stato a Gaza e sicuramente non è stato buttato fuori da Quantico. Mi piace il rapporto che sta nascendo fra Shelby e Alex, le quali mi ricordano molto Cristina e Meredith in GA. Anche la storyline di Shelby sembra molto interessante; c’è sicuramente qualcosa di più sotto quel faccino angelico e quelle chiamate provenienti da numero sconosciuto. E si il flirt con il biondo mi ricorda le dinamiche odio/amore fra Izzie e Alex. La mamma di Alex Parrish ha vinto il premio come Ellis Grey 2.0 bitch della settimana, Ci sono voulti trenta secondi per dare la figlia in pasto ai lupi; come se non aspettasse altro!L’agente Miranda è una vera Bailey 2.0 badass, ogni puntata si dimostra sempre più coraggiosa, astuta e disposta ad affrontare le conseguenze che derivano dallo sfidare il sistema. Puntata ricca di svolte e avvenimenti, ritmo mozzafiato.
Voto: 8.
Si, devo smetterla di vedere Grey’s Anatomy dappertutto solo perché Quantico è prodotto dall’amichetto di Shonda a.k.a. Mark Gordon.

– Julia

Agents of S.H.I.E.L.D. | Flashrecap 3×03 – A Wanted (Inhu)Man

Agents of SHIELDAvete presente tutta la gioia e il gioco di squadra che ha reso il penultimo episodio così intenso e ricco di speranza? Ecco, dimenticateli perché adesso mischiamo di nuovo le carte e iniziamo una nuova strana partita i cui giochi non sempre sono chiari.
Alla base della complessità della situazione attuale c’è secondo me una frammentazione generale che comprende sia i giocatori sulla scacchiera sia le forze all’interno dello SHIELD stesso. Se da una parte infatti il team di Coulson deve affrontare con modalità differenti la nuova squadra governativa alle dipendenze della misteriosa Rosalind e preoccuparsi dell’Hydra nascente, dall’altra lo stesso team sembra ricadere nei soliti errori, dividendosi in 8 gruppi nonostante siano praticamente in 4 ormai in uno SHIELD che ufficialmente ancora non esiste.
A complicare la situazione si aggiungono i piani segreti che Coulson mette in atto per raggiungere con Rosalind un’alleanza strategica e indispensabile per evitare il ripetersi dell’inutile guerra vissuta con lo SHIELD 2.0, dimenticando troppo spesso però di aggiornare chi il conflitto con gli Inumani lo vive costantemente al centro.
Mentre Skye quindi cerca di aiutare Lincoln ormai allo sbaraglio, May e Hunter raggiungono il cuore dell’oscurità facendosi spazio a suon di fight club e superando nuovi limiti per raggiungere Ward. Immancabile raggio di sole è Fitz che accompagna letteralmente per mano la sua Jemma a riprendere contatto con una realtà che adesso però non riesce ancora a sentire sua, tanto da far propria una citazione epica e pensare di dover “tornare indietro”.

– WalkeRita

Jane The Virgin | Flashrecap 2×01 – Chapter Twenty – Three

Jane The VirginE’ un ottimo ritorno, quello di Jane The Virgin.
L’episodio mischia momenti tratti dalle migliori telenovele (rapimenti, sperma rubato e inseminato con un fai-da-te improbabile, un nuovo nemico che compare solo di spalle) e momenti molto più umani e credibili, riuscendo però a trovare il giusto equilibrio senza mai strafare, né in un senso, né nell’altro. Gina Rodriguez si è meritata il suo Golden Globe, l’anno scorso, perché è fantastica sia nei momenti più divertenti, sia durante quelli di terrore verso il suo bimbo sparito, sia nello sfogo con le Villanueva sui suoi enormi sensi di colpa per non essere riuscita a proteggerlo e per tutte le difficoltà che sta avendo nell’allattarlo.
Pienamente riconfermate anche le buone impressioni dell’anno scorso sui personaggi: Jane è sempre una protagonista con cui si riesce a simpatizzare, Rafael e Michael sono sempre in lotta per il cuore di Jane (in questo caso, è leggermente in vantaggio Michael, ma il mio cuore sarà sempre per Rafael, che ha ancora tempo per riscattarsi), Rogelio è sempre un idolo e fa danni anche se armato di buone intenzioni, Xo è irresponsabile, ma non si può fare a meno di amarla, Alba è la nonna che tutti vorremmo, Petra è coinvolta in qualche intrigo e Luisa è sempre il solito disastro. Rivederli sullo schermo è stato come ritrovare dei vecchi amici, e non vedere l’ora di passare altro tempo con loro.
Continua così, Jane The Virgin.

– Eilidh

Nashville | Flashrecap 4×04 – The Slender Threads That Bind Us Here

NashvilleÈ il quarto episodio della stagione ed un quarto successo: cinque storyline nell’episodio, cinque storyline scritte benissimo.
La spirale autodistruttiva di Juliette ha ricevuto una brusca accelerazione dopo il “Gioco degli equivoci” e vedere che il colpo di grazia al matrimonio potrebbero averlo dato una serie di fraintendimenti mi ha innervosito:non solo per via degli espedienti stile Beautiful ma perché Avery aveva deciso di aspettare che la moglie si riprendesse.Intensissima la recitazione double-face di Hayden Panettiere.
Molto profonda anche l’analisi di Deacon e la sua lotta contro il bisogno di bere: le ripercussioni della sua rabbia però potrebbero abbattersi sulla sempre molto fragile Maddy. E se il nuovo acquisto dell’Highway 65 potrebbe seriamente dare gatte da pelare a Reyna, in un momento in cui la donna ha ben altro di cui preoccuparsi, secondo me sarà Layla a tirarle il tiro peggiore.
La ragazza sta iniziando a lottare per i propri diritti e potrebbe non accontentarsi più delle briciole.Infine non posso che citare i miei due boys preferiti: il cane bastonato/innamorato perfetto che si è immolato per amore – Gunnar (sigh sigh!) – e il coraggioso Will che ha iniziato a vedere una piccola luce in fondo al tunnel(come se avessimo mai dubitato della grandezza di Reyna). Pensavo avrei avuto un attacco di orticaria rivedendo Zoe ed invece mi ha quasi fatto piacere. Musica: 6 per Layla, 7 per Gunnar.

– The Lady and The Band

Gotham | Flashrecap 2×04 – Strike Force

GothamWait Whaaat?!? Michael Chiklis in Gotham??? Omg non serviva avere un ulteriore motivo per guardare lo show, ma ehi, quello è il suo posto ora, cercate di farlo vivere più a lungo possibile!!!
Questa settimana in Gotham abbiamo forse assistito a quello che è stato il primo vero cambiamento in Cobblepot. Per una volta non è stato in grado di incarnare il ruolo di master all’interno del gioco e il suo unico punto debole l’ha trasformato in una pedina fin troppo facile da muovere.
Galavan ha iniziato la sua ascesa e ora chi mai sarà in grado di fermarlo?! Burns e la sua nuova politica all’interno del GCPD? O sarà forse Gordon, ora privo della sua ‘alleanza’ con il claudicante Pinguino, a porre la parola fine a tutto questo?!
Burns si è indubbiamente dimostrato una ventata d’aria fresca, ma sono praticamente certo che il passato di Gordon e la sua “amicizia” con Oswald verranno presto a galla e questo potrebbe minare in qualche modo il nuovo operato del marine.
Tante, tantissime domande ci ha sollevato questo episodio, ed io al momento ho solo una la certezza: #GONYGMAGO!
Nygma è riuscito a sorprendermi sotto tutti i fronti, lo adoro sempre di più! La scena del suo lapsus è stata fenomenale.
Bruce invece sembra essersi fatto fregare dall’ormone, ma confido nel fatto che il ragazzo apra gli occhi e che la sua companion, allontanata da Alfred, faccia presto ritorno.
L’ultimo appunto lo riservo proprio a Selina, mi è dispiaciuto vederla sola al margine della strada, proprio come un gatto abbandonato.

– Lestblue

The Originals | Flashrecaps 3×01 – For the next millenium

TheOriginalsBentornati!!! Avevamo lasciato gli Originari mai divisi come ora: Rebekah (nel suo corpo mortale) in giro per trovare un modo per riportare in vita Kol, Elijah e Klaus ai ferri corti, seprati in casa per il bene della piccola Hope. L’episodio è iniziato con la voce di Klaus che ci porta ai primi anni in cui i Mikaelsons erano vampiri: in fuga, disorientati, spaventati, allo sbando, non ancora padroni dei loro poteri, né consci di essi, esseri potenti ma spaventati del mondo che li circondava e desiderosi di tornare ad una vita stabile, normale, anche se solo temporaneamente. Ed proprio nel flashback che veniamo introdotti a Lucien e Aurora (decisamente una bella psicopatica…) e, tramite loro, alla “tematica centrale” della stagione ovvero, la guerra tra le linee di sangue che ci permetterà di conoscere coloro che i nostri Originari hanno trasformato e, soprattutto, perché! Ma la première ha aperto la strada anche ad un altro mistero, la profezia che riguarda l’arrivo di una bestia in seguito alla caduta della Famiglia di originari… che cosa sarà? E perché Davina non sembra estranea a questo argomento? Parlando di Davina: una giovane strega molto potente con il solo limite dell’inesperienza. Fortuna vuole che Marcel sia sempre lì per lei perché, ancora una volta, si dimostra un mentore per lei, appartengono a due razze diverse eppure lui sa benissimo cosa vuol dire essere un leader e come fare a dimostrarlo. E lo sta insegnando a lei. Cosa farà Davina per dare un segnale forte alle congreghe ed evitare rivolte? E, soprattutto, perché le serve Hayley? New Orleans e anche terreno di omicidi. Conosciamo il Detective Kinney (che spero approfondiranno perché per ora è un po’ un “meh”) e vediamo che il killer effettuati degli omicidi seriali: corpi appesi a fili come marionette con dei tagli ai lati della bocca… Chi è questo killer? Non credo Lucien come ci vogliono far credere..magari qualcuno legato a lui nel suo passato… Spendo due parole su Klaus e Camille perché la puntata è stata ricca di loro scene. Lei gli legge dentro, capisce i suoi turbamenti e le sue paure ma non gli risparmia nulla. Il suo urlargli contro che è una “insensibile delusione”, rispecchia la verità e lui lo capisce. Capisce di non esserci per lei e questo lo mortifica e, con gli occhi pieni di risentimento (verso di sé), ancora una volta, se ne va. Attendo il giorno in cui lui la affronterà come fa lei e le aprirà il suo cuore.

-Gnappies

The Originals | Flashrecap 3×02 – You Hung The Moon
TheOriginals“You’re the smartest and the strongest and the scariest” sono le parole con cui Camille descrive Klaus, per convincerlo a fare una mossa contro Lucien. Ma diciamocelo, Klaus non fa più così paura a coloro che gli stanno intorno, ad ogni episodio l’ibrido perde un po’ dell’influenza che ha e del timore che incute negli altri. Il mondo intorno a lui sta cambiando: Lucien, morso da Jackson, non ha più bisogno del suo sangue come cura e Hayley, pronta a tutto, lo combatte per riavere con sé la piccola Hope. Ormai Klaus si trova di fronte a persone che gli voltano le spalle e al suo fianco sono rimaste solo Freya, l’ultima arrivata della sua famiglia, e Camille, che nonostante tutto vede ancora del buono in lui e lo sta veramente aiutando a cambiare. Ed è lei il personaggio che mi è piaciuto di più in questo episodio: finalmente sta avendo un ruolo di spicco fra il percorso intrapreso con Klaus e il suo nuovo coinvolgimento nelle indagini sugli omicidi. Insomma, finalmente le hanno tolto il ruolo della bambinaia di turno.
La parziale non opposizione di Klaus alla decisione di Hayley di portare via dalla mansion Hope, potrebbe, e dico potrebbe, essere un segnale che qualcosa in lui sta cambiando. E con la conferma della profezia da parte di Freya, forse è il caso che Klaus si dia una ridimensionata, perché potrebbe, e dico potrebbe, essere solo ad affrontare una nuova pericolosa minaccia, lo scatenarsi della guerra fra le stirpi. “You Hung The Moon” è stato nel complesso un buon episodio che ha continuato a porre le basi per lo svolgersi dell’intera stagione. Voi cosa ne pensate di questo episodio?

Etty90

The Good Wife | Flashrecap 7×02 – Innocents

TGW The Good WifeQuando pensi che questo show non possa più sorprenderti, che ormai abbia detto tutto e non abbia più nulla da dare, bastano 43 minuti per farti ricredere. Sebbene da un paio di stagioni a questa parte sia tutto un ripetersi uguale di eventi e di circostanze che portano Peter ed Alicia a candidarsi per qualsiasi carica disponibile in circolazione, mettendo a turno l’altro nella posizione di agire come la buona moglie o il buon marito, la scrittura dello show è così fresca ed accattivante che sembra narrare ogni volta una storia diversa.
Se da un lato ci sono personaggi che non cambiano mai, dall’altro, l’introduzione dei nuovi porta una ventata di aria fresca. Peter in primis, è una continua fonte di sorprese: il suo egoismo e la sua cattiveria non hanno un limite e il licenziamento di Eli (nello scorso episodio) ne sono la prova lampante. La facilità con cui getta via le persone quando non possono più servire ai suoi obiettivi è aberrante. Dall’altro lato, però, vedere Eli risorgere come una fenice dalle sue ceneri è estasiante. Ho sempre creduto in questo personaggio e, stagione dopo stagione, non mi ha mai deluso. Ottima la scelta della sua antagonista, Ruth, interpretata da un mostro sacro come Margo Martindale, una professionista con la P maiuscola che è perfetta per questo ruolo e che ha tanto da dare a questo personaggio, che credo le sia stato abilmente cucito addosso, come un abito di alta sartoria.
Alicia, nel frattempo, sta cercando di rimettersi in carreggiata da sola, senza chiedere aiuto a nessuno e a testa alta si cimenta con le difese d’ufficio. Ma non tutto il male viene per nuocere, perché incontra una collega bad ass, Lucca Quinn, una di quelle con un intuito e una prontezza di spirito invidiabili, e che si rivelerà un prezioso aiuto per la nostra buona moglie.
Ah, chi è già innamorata di Jason Crouse alzi la mano!!! Chi lo shippa già con Alicia, ne alzi due!!! Ora, dopo Will, Elfman e Polmar, ce la volete dare una gioia?
Uniche note negative: il tentativo di farci rimpiangere Kalinda con l’introduzione della sua brutta copia e la guerra tra Cary e Howard Lyman, perché? Ci vedo solo un fine comico, niente più!

– bravissima6

Related posts

The Walking Dead 8×09 – Un addio con onore

Al

Shameless | Recensione 4×03 – Like Father, Like Daughter

Aniel

Riverdale 3×09 – Non può essere finita così!

Al

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv