Image default
Altro Flash Recaps Nashville Orphan Black Outlander Recensioni Stitchers

FlashRecap #22 | Outlander, Stitchers, FearTWD, Nashville, Orphan Black

Stitchers | Flashrecap 2×10 – All In
Stitchers 2Sono sicura che esista un girone dell’inferno apposito per coloro che fanno terminare le stagioni con i cliffhanger. Per il secondo anno, la stagione si chiude con un punto interrogativo grande come una casa e se è vero che Kirsten è la protagonista della serie tv è anche vero che Freeform non ha ancora rinnovato ufficialmente “Stitchers” per cui questo potrebbe essere il series finale. La scelta di rendere ancora più assurda una caccia alla verità che già partiva come complicata, sul momento mi ha fatto storcere il naso. Sembra che ogni volta che Kirsten scopra una cosa vera, trovi un’altra bugia. Ma allo stesso tempo ho deciso che questo filone sia anche la strada giusta per mantenere viva l’attenzione sulla trama orizzontale, senza scadere nel mero procedural. Buona la crescita del personaggio di Kirsten che in questo episodio raggiunge l’apoteosi dei sentimenti: non solo il dolore per la madre ma anche i sentimenti per Cameron affrontati in due scene che – malgrado la recitazione non perfetta della Ishta – sono comunque riuscite ad essere toccanti e coinvolgenti. Pregevole anche il rapporto fra i vari membri del team e l’amicizia fra le Kirmille. Il personaggio di Camille avrebbe potuto essere sfruttato ancora e meglio e forse, avendo avuto più episodi a disposizione, anche la cotta per Fisher sarebbe stata più credibile. Non perché il caro Quincy non sia una gioia per gli occhi (sorry, Linus) ma perché la scelta narrativa ha fatto sembrare Camille superficiale, quando non lo è. Non ci resta che sperare nel rinnovo, dunque.
– The Lady and The Band

 

Fear the Walking Dead │ Flashrecap 2×07 – Shiva (mid-season finale)
Fear-The-Walking-Dead-quelles-seront-les-différences-entre-les-deux-séries“Fear the Walking Dead” ci saluta con un mid-season finale introspettivo e abbastanza riuscito che strizza l’occhio alla seconda stagione della sua celebre serie madre. I nostri, ospiti nella hacienda del compianto signor Abigail, si trovano ad affrontare pericoli ed ostacoli di vario genere: tra Celia che minaccia di sbatterli fuori dalla proprietà del figlioccio Thomas, Nick alle prese con un cambiamento interiore non da poco, Travis che lotta con la consapevolezza di star perdendo il figlio e Daniel che vede i fantasmi del proprio passato tornare prepotentemente a tormentarlo, questo “Shiva” è continuamente in bilico tra azione e introspezione. E il finale, pur prevedibile, non lascia l’amaro in bocca perché rappresenta l’unico modo in cui le cose sembravano poter andare: i nostri sono divisi e feriti (mentalmente, più che fisicamente) e si ha la sensazione che per rimettere insieme il gruppetto gli autori impiegheranno un po’ di tempo. Il che è un bene, perché così si avrà il tempo di esplorare meglio pregi e debolezze dei nostri protagonisti e di vederli alle prese ognuno con situazioni e pericoli diversi. Da notare che, per la prima volta dall’inizio della stagione, muore (ma non è detto, stando ai rumors) un regular, ma la sua dipartita abbastanza inaspettata non aggiunge molto all’episodio in sé. Da notare, invece, l’interessante percorso di Nick che, partito come tossicomane fragile e problematico, si sta rivelando il personaggio più interessante dello show e il cambiamento di Madison, che ha iniziato a prendere in mano la situazione come una vera leader.
– Clizia

 

Nashville | Flashrecap 4×21 – Maybe You’ll Appreciate Me Someday
NashvilleScrivere questo Flashrecap è una gioia e un dolore: ho amato Nashville fin dal pilot e non sono ancora pronta a vederlo finire. L’episodio mi è piaciuto moltissimo: ognuna delle storie è arrivata al capolinea chiudendo i percorsi fatti dai nostri amati personaggi. Il mio cuore di shipper ha fatto i salti di gioia per il momento alla “Walk the Line” fra Scarlett e Gunnar, anche se non mi capacito di come Gunnar possa anche solo pensare che Scarlett sia in grado di manipolare qualcuno. Un errore grave degli autori che viene cancellato dal regalo ai fan della coppia che per una volta hanno una gioia vera. Deacon è ripartito dai suoi errori e in pieno stile “Cavaliere” arriva a salvare l’odiosa Maddie in pericolo (in quale mondo V.Ventresca sia più grande di Connie Britton resta un mistero) e riporta la famiglia insieme. Soluzione troppo veloce? Sicuramente. Ma d’altronde trascinare la storyline ancora un po’ sarebbe stato sbagliato. Will IMMENSO. Non ho altro da dire. La sua è la migliore delle storyline della stagione insieme a quella di Juliette. Il personaggio della Barnes finalmente diventa ciò per cui la amiamo tutti e, malgrado il cliffhanger, si merita l’happy ending con Avery e la piccola. Luke si accinge ad intraprendere un nuovo percorso verso la moglie mentre Lyla paga le conseguenze delle proprie azioni. Il suo personaggio è quello che è stato più segnato dai mille drammi che ha vissuto e che reagito nel peggior modo possibile. Sarebbe stato bello vederla uscire dalla spirale distruttiva oppure vederla sprofondare ancora di più e trasformarsi in una nuova Jeff Fordham. Avrei voluto salutarli tutti meglio ma per ora: #BringBackNashville!
– The Lady and The Band

 

Orphan Black | Flashrecap 4×07 – The Antisocialism of Sex
Orphan BlackEpisodio di passaggio, dove ognuno affronta a modo suo il dolore per le perdite subite. Sarah, accusata da Mrs S. della morte di Kendall, torna per un attimo alla vecchia se stessa, sbandata e senza freni; il fantasma di Beth la perseguita fino a portarla vicino a compiere il suo stesso gesto, ma Sarah non è Beth e, seppur con tutti i suoi difetti, è l’unica a poter tenere unito il Clone Club, soprattutto sapendo che Evie Cho è determinata ad eliminare tutti i cloni consapevoli. Cosima pensa di non avere più nulla perdere e decide di impiantarsi la robolarva di Sarah, come unica possibilità di proseguire nelle sue ricerche; anche stavolta però Felix salva la situazione e la ferma in extremis, dandole un’ultima speranza: Delphine potrebbe non essere morta. Sebbene lontana dall’azione dello scorso episodio, anche Alison ha accusato duramente il colpo della perdita di Kendall, e si rifugia nella sua quotidianità; questa però viene interrotta dall’irruzione del Detective Duko che fa arrestare Donnie ed espone chiaramente il suo coinvolgimento con Evie. Anche Susan Duncan, che fino a ieri era il nemico, deve elaborare la sconfitta, mentre Rachel è molto agguerrita e determinata a riprendere la sua posizione al comando – che la sua visione del cigno significhi che sarà proprio Rachel ad ereditare le sorti del progetto Leda? Ora che la minaccia è esterna, sarebbe bello vedere il Clone Club fare fronte comune contro una Evie Cho non così indistruttibile come vuole apparire.
– Al

 

Outlander | Flashrecap 2×08 – The Fox’s Lair
claire-outlanderSigla scozzese e paesaggi scozzesi… Cosa chiedere di meglio?!? Il Kilt di Jamie ovviamente! Scherzi a parte.. Subito la puntata si apre con una lettera dal legittimo re Stuart che condanna Jamie come traditore degli inglesi (Charles ne ha falsificato la firma). E Jamie si prepara a combattere nella battaglia di Culloden per la sua famiglia e per la sua terra, la Scozia.
Dolcissima ed emozionante la scena di Jamie che culla il bimbo più piccolo di Janet.. Jamie e Claire partono per il castello di Beaufort, dimora di lord Lovat, suo nonno.
Un incontro di politica tra Jamie, lord Lovat e, inaspettatamente anche Colum. E nella dimora del lord Claire incontra Logarhein che le chiede perdono.. Ma le parole di Claire sono dure come macigni (non senza motivo).
Quel bastardo di nonno Lovat cerca di estorcere Lallybroch a Jamie usando come mezzo la sicurezza di Claire ma.. La reputazione della Dame Blanche è forte e dà a Jamie una chance di garantire la sicurezza di sua moglie.
Mentre Jamie cerca di persuadere Column ad unirsi alla battaglia, Claire usa Logarehin per far rinvigorire la forza d’animo di Simon, figlio di lord Lovat. E, alla fine, anche se Simon si schiera dalla parte del cugino (grazie ad una non ben definita interpretazione da veggente di Claire) il Lord firma la neutralità dei Lovat.
Ma è solo una facciata che permetterà al Lord di non essere dichiarato traditore: suo figlio ha convinto molti dei suoi uomini che partiranno alla volta della causa Giacobita con loro.
Mi chiedo: spade, forconi e tanta buona volontà cosa potranno contro fucili, baionette e cannoni?!?
– gnappies_mari

Related posts

Once Upon A Time | Recensione 6×02 – A Bitter Draught

Sam

This is us 2×07 – Ogni passo è una scelta

Gnappies

Orphan Black | Tatiana Maslany vince il suo primo Emmy

Syl

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv