Image default
British Addicted Rubriche & Esclusive

British Addicted #53

Bentornati, carissimi addicted, nel nostro angolino interamente dedicato al mondo British. Dopo una breve pausa per rifocillarci durante le feste natalizie, eccoci pronte a tornare cariche di novità per voi. Allacciate le cinture, afferrate tazze e biscottini e preparatevi a recuperare tutto quello che è successo oltremanica in queste ultime settimane!

La notizia più importante è forse che sono stati finalmente rivelati i nomi di alcuni attori che prenderanno parte al prequel di “Game of Thrones”. Ad unirsi a Naomi Watts e Josh Whitehouse saranno Naomi Ackie (che vedremo nel prossimo “Star Wars” di J. J. Abrams), Denise Gough (“Guerrilla”, “Angels in America”), Jamie Campbell Bower (“Sweeny Todd”, “Mortal Instruments”), Sheila Atim (“Harlots”), Ivanno Jeremiah (“Black Mirror”, “Humans”), Georgie Henley (“The Chronicles of Narnia”), Alex Sharp (“To The Bone”) e Toby Regbo (“Fantastic Beasts: The Crime of Grindelwald”).
Ancora non si sa quasi nulla dei personaggi che andranno a interpretare, se non che la Watts presterà il volto a un’esponente dell’alta società che nasconde un oscuro segreto.

La BBC ha rilasciato il trailer del nuovo thriller “Baptiste”. La serie seguirà il detective di “The Missing”, di cui lo show è uno spin-off,  ad Amsterdam, sulle tracce di una ragazza scomparsa.

Lo scrittore Philip Pullman è stato recentemente investito del cavalierato per i servizi resi alla letteratura. L’autore si è detto estremamente sorpreso ed onorato, aggiungendo di essere orgoglioso che il suo nome venga accostato a coloro che hanno ricevuto lo stesso titolo in passato.

EW ha rilasciato due nuove, esclusive foto promozionali della terza stagione di “The Crown”. Questo terzo capitolo, il primo con Olivia Colman, Tobias Menzies ed Helena Bonham Carter, seguirà l’ascesa del nuovo Primo Ministro Harold Wilson e il deteriorarsi del matrimonio fra Margaret e Antony Armstrong-Jones. Incontreremo, inoltre, la versione adulta del Principe Charles e della Principessa Anne, interpretati dai relativamente poco noti Josh O’Connor ed Erin Doherty.

Per finire, se siete ansiosi di sapere cosa ha in serbo per noi la BBC quest’anno, non potete perdervi il trailer che anticipa i drama in programma per questo 2019…

VI lasciamo come al solito al nostro consiglio, che questa volta ci porta alla scoperta di una serie che ci insegna l’importanza di accettare se stessi.

Recentemente l’argomento del body shaming è stato nuovamente portato alla ribalta (non sempre nella maniera più corretta e troppo spesso con una superficialità scandalosa, mi permetto di dire). Ovviamente, il mondo della TV ha prontamente cavalcato l’onda e ha sfornato prodotti che potessero soddisfare gli spettatori interessati a questo nuovo trend. Alcuni di loro hanno scatenato dibattiti e critiche ferocissime (vedi “Insatiable”), altri hanno trattato l’argomento con umile buonismo (sto pensando a “Dumplin'”, che ho comunque apprezzato).
Nessuno sarà però mai in grado di arrivare anche solo a sfiorare lo struggente realismo di “My Mad Fat Diary”, dovuto anche all’incredibile interpretazione di Sharon Rooney.

La serie è ambientata alla fine degli anni ’90 e racconta la storia di Rachel “Rae” Earl, appena rilasciata dall’ospedale psichiatrico in cui era stata ricoverata dopo aver tentato il suicidio. Sulla strada verso casa, incontra Chloe, sua amica d’infanzia, e viene invitata ad uscire con quello che diventerà anche il suo gruppo di amici.

Il punto di forza di questa serie sta secondo me nel fatto che Rae è ben lontana dall’essere perfetta. Troppo spesso gli show che trattano dell’obesità si limitano a dare un’immagine eccessivamente edulcorata delle loro protagoniste. Essere incapaci di accettare se stessi non rende in automatico delle supereroine o delle madri Teresa di Calcutta in disguise, questo posso serenamente confermarvelo in prima persona.
Rae a volte riuscirà a essere così fastidiosa da farvi venire voglia di prenderla a schiaffi, ma proprio per questo la percepirete come vera e sarete in grado di relazionarvi con lei a un livello che raramente ho incontrato in una serie televisiva.
E non solo lei, ma tutti i protagonisti di “My Mad, Fat, Diary” compiono errori, talvolta clamorosi, e sono vittime di dubbi e insicurezze, persino la bellissima Chloe.
Nonostante i suoi difetti, comunque, Rae riesce ad essere una persona divertente, con un umorismo affilato e degli impressionanti gusti musicali.
Il suo progressivo cammino verso l’autoaccettazione sarà costellato di situazioni irresistibilmente divertenti, di momenti di felicità e condivisione, ma anche da inevitabili passi falsi e fraintendimenti. Assistervi sarà stato difficile, a volte quasi doloroso, ma anche decisamente catartico.

Le avventure di Rae mi hanno fatto ridere, piangere in ben più di un’occasione e sperare, contro ogni previsione, che il mondo in un futuro possa davvero cambiare e raggiungere un nuovo livello di consapevolezza grazie a prodotti come questo.

Per questo appuntamento è tutto, vi diamo appuntamento come al solito fra due settimane! Nel frattempo non dimenticate di passare dalle nostre pagine affiliate!

Gli attori britannici hanno rovinato la mia vita  – Sherlock Italy – Sherlock BBC Italia – Sherlock Italia – take care of Jenna Louise Coleman Italia – » Same old, same old just Jenna Coleman & Peter Capaldi – Don’t be a warrior, be a D o c t o r ϟ – Emma Watson Fans – Downton Abbey ItaliaThe Crown ItaliaAn Anglophile Girl’s DiaryBlends of Scotland, Ireland, UK: Ladies’ perfect Tea – The White Queen ItaliaBenedict Cumberbatch Italian FansPoldark ItaliaFraciconia The Anglophiles’ LairDavid Tennant Italian Page

Related posts

British Addicted #54

Al

Downton Abbey e Le Sue Donne

Sam

Guys & Dolls: Robert Sheehan

Giglietta

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv