British Addicted #44

Siamo tornati, appassionati sudditi della televisione britannica, con un nuovo appuntamento della nostra rubrica total british, passione composta al 100% da attesa, ansia e disperazione con un pizzico di humor di tanto in tanto!

Le news di questo numero sono davvero tante e variegate quindi fate scorta di biscottini da tè e mettetevi comodi perché state per essere travolti da un’ondata di notizie made in UK!

Apriamo quindi la sezione news di questa settimana con una novità particolare che nasce dal piccolo schermo britannico ma sfocia nella nostra realtà di tutti i giorni. Due straordinari universi televisivi infatti stanno per prendere vita concretamente nelle intriganti “escape rooms” diffuse in Gran Bretagna. Si tratta di attrazioni aperte al pubblico che permettono ai partecipanti di immergersi attivamente in avventure enigmatiche, stimolanti e impegnative che richiedono principalmente l’uso di una mentalità strategica.

Ebbene, se una località ancora segreta di Londra è pronta per ospitare una nuova ed eccitante escape room immersa nel mondo di “Sherlock”, la BBC ha annunciato la prossima apertura di escape room a tema “Doctor Who”. I dettagli del progetto whovian sono ancora top secret ma l’attrazione interattiva prenderà luogo inizialmente a Bristol per poi diffondersi anche a Leeds, Oxford e Reading nel 2019.
Comprendenti certamente set che richiameranno l’interno del TARDIS e missioni che ricalcheranno le avventure del Dottore, le nuove escape room dedicate al mondo di “Doctor Who” intendono concedere ai fan la possibilità di vivere in prima persona questa volta le emozioni trasmesse dalla serie, rendendo in questo modo l’universo whovian ancora più coinvolgente e concreto.
Il mondo di “Sherlock” è pronto per portare in scena il suo trionfante ritorno e chi meglio del villain per eccellenza Moriarty potrebbe introdurre questa nuova avventura interattiva? Nel breve video di presentazione della nuova escape room, Andrew Scott ha ripreso i panni della nemesi iconica registrando la battuta “Still miss me?”. E non è tutto, anche il resto del cast regular della serie compare brevemente nel video teaser mentre Mark Gatiss delinea la missione del gioco.

Lasciando quindi queste iniziative interattive così originali e affascinanti, torniamo a soffermarci sul mondo seriale britannico e lo facciamo aprendo un paragrafo dedicato interamente a un pilastro della serialità: David Tennant.

Instancabile, eclettico e sorprendente, lo straordinario talento scozzese non intende fermarsi e proprio mentre arriva il primo trailer ufficiale della serie comedy targata HBO “Camping” che lo vedrà protagonista accanto a Jennifer Garner, giunge anche la notizia di una sua nuova collaborazione con una serie animata, “gen:Lock”, in cui presterà la voce a un nuovo dottore, Rufus Weller, conosciuto nella storia come Doc.
Tennant si unirà così a un cast che prevede anche Michael B. Jordan, produttore della serie e voce del protagonista Julian Chase, e Dakota Fanning.

Torniamo adesso a parlare di un adattamento televisivo tanto atteso che la nostra rubrica ha seguito fin dalle fasi preliminari. Si tratta di “Queste oscure materie”, che dopo rumour e conferme, presenta finalmente l’intero ensemble che comporrà il cast della serie, adattata per la televisione dallo sceneggiatore Jack Thorne (“Harry Potter & the Cursed Child”).
Al precedentemente annunciati James McAvoy nel ruolo di Lord Asriel, Ruth Wilson nei panni dell’attraente e pericolosa Mrs Coulter, è arrivata la conferma che Lin-Manuel Miranda interpreterà l’aeronauta avventuriero Lee Scoresby, mentre James Cosmo presterà il suo volto al vecchio saggio Farder Coram.
L’autore della trilogia Philip Pullman ha affermato di essere soddisfatto della produzione e del “meraviglioso cast” scelto per la serie targata BBC1. Il quadro degli interpreti che prenderanno parte all’adattamento televisivo della saga comprende anche Clarke Peters, Georgina Campbell, Anne-Marie Duff, Will Keen e Ariyon Bakare. Il cast principale si completa poi con i nomi di Lucien Msamati nel ruolo di John Faa, Mat Fraser nei panni di Raymond Van Geritt, Geoff Bell che darà il volto a Jack Verhoeven e Simon Manyonda nel ruolo di Benjamin de Ruyter.
A ogni modo, nonostante l’ampio parterre di attori che porteranno in scena la storia, i fan hard-core della trilogia hanno anche notato l’assenza di personaggi chiave per i libri, come la strega Serafina Pekkala il cui nome non figura nel cast.
Le riprese della serie, prodotta dalla compagnia di produzione Bad Wolf, sono già cominciate nei Wolf Studios, a Cardiff, ma non è stata ancora annunciata una data per la messa in onda sulla BBC.

E da un’attesa novità passiamo a un’altra new entry della televisione britannica. La BBC infatti punta doppiamente su John Le Carré e sull’adattamento televisivo del romanzo “The Little Drummer Girl” (“La tamburina”) mentre proseguono i lavori per portare in scena la seconda stagione di “The Night Manager” con una nuova storia e un cast rinnovato.
Giungono finalmente le prime immagini della miniserie in 6 episodi “The Little Drummer Girl” che vede protagonista Alexander Skarsgård nei panni del sinistro agente segreto dell’Intelligence Becker. Incrocerà il suo cammino la giovane attrice Charlie, interpretata da Florence Pugh, durante una vacanza in Grecia, ma ben presto la ragazza si ritroverà implicata in una rete di spionaggio orchestrata da Kurtz, personaggio interpretato da Michael Shannon.
La messa in onda della serie sulla BBC è prevista per il prossimo Autunno e punta a seguire le orme del successo di “The Night Manager”.

 

Passiamo ora a un inaspettato ma gradito ritorno. Dopo ben quattro anni infatti, la ITV riporta nella sua programmazione “The Bletchley Circle“, miniserie di genere mystery / crime con protagoniste quattro donne che lavoravano come decifratori di codici al Bletchley Park. Dopo una prima stagione che aveva diviso un po’ le opinioni contrastanti degli spettatori, la serie torna ufficialmente sul piccolo schermo ma cambia ambientazione, trasferendosi infatti a San Francisco, dove le protagoniste Millie (Rachael Stirling) e Jean (Julie Graham) dovranno risolvere nuovi casi d’omicidio decifrando criptici messaggi lasciati sulla loro strada.

Procede invece il casting del rinnovato e pluripremiato period drama “The Crown” che questa volta annuncia di aver finalmente trovato il suo Principe Carlo. Si tratta del giovane Josh O’Connor, che giocosamente ha affermato di essere stato scelto principalmente per le orecchie.
Si unisce al cast anche Marion Bailey nel ruolo della regina madre.

E infine annunciamo i nuovi progetti di punta di due celebri sceneggiatori apprezzati e riconosciuti soprattutto nel mondo dei british addicted. Stiamo parlando di Steven Moffat e Debbie Horsfield.
Mentre il period drama “Poldark” sembra avviarsi alla sua conclusione definitiva, la sua scrittrice Debbie Horsfield è già pronta per una nuova collaborazione con la stessa compagnia di produzione, la Mammoth Screen, per portare in scena un adattamento dell’iconico romanzo di Alexander Dumas “Il Conte di Montecristo”. La celebre storia del 1844 narra dell’inganno orchestrato ai danni del protagonista che, ingiustamente condannato per un crimine che non ha commesso, riesce a evadere dalla prigione, conquistare una nuova fortuna economica e tornare a casa per vendicarsi, sotto mentite spoglie, di tutti coloro che hanno preso parte alla sua disgrazia.
La collaborazione tra Debbie Horsfield e la Mammoth Screen si svilupperebbe dunque sulle solide basi del successo di “Poldark” mentre Radio Times sembra essere in possesso di rumour che vorrebbero Aidan Turner nel ruolo del protagonista.

Ci congediamo invece con l’annuncio del grande ritorno in televisione di Steven Moffat, che a quanto sembra non riesce a stare lontano dai viaggi nel tempo. La HBO ha infatti presentato il suo ultimo acquisto, vale a dire il riadattamento televisivo del romanzo di Audrey Niffenegger “La Moglie dell’Uomo Che Viaggiava nel Tempo” (“The Time Traveler’s Wife”), storia che racconta dell’amore problematico tra Clare e Henry, separati proprio dal tempo.
La serie HBO non sarebbe la prima occasione per Moffat di riadattare la celebre storia, essendosi infatti ispirato a essa per la stesura di uno degli episodi più apprezzati di “Doctor Who”, “The Girl in the Fireplace”.

Con questo è ufficialmente tutto e io vi lascio nelle abili mani di MooNRiSinG per il consiglio della settimana!

Il consiglio di questa settimana è, come al solito, tutto british, ma ci porta a visitare le lande desolate della gelida Russia dei primissimi anni dell’ottocento.

Nel Gennaio del 2016, la BBC ha mandato infatti in onda “War & Peace”, ambizioso adattamento dell’omonimo romanzo di Lev Tolstoj.
La serie segue le vicissitudini di cinque nobili famiglie (e in particolare di Pierre, Natasha e Andrej) nel corso dei tentativi di invasione della Russia da parte delle truppe napoleoniche. La guerra porterà le casate a soffrire inevitabili perdite (della serie, se speravate di trovare una gioia, scordatevelo pure) e cambierà per sempre la vita e la mentalità dei fortunati sopravvissuti.
Questa miniserie, come del resto la maggior parte delle produzioni realizzate dalla BBC, è estremamente curata e rende sicuramente giustizia all’opera originale. Le ambientazioni, i lunghi momenti di silenzio (soprattutto quelli, azzeccatissimi, nel corso delle sequenza di apertura), le panoramiche dell’inospitale campagna russa, tutto contribuisce a ricreare con sapiente maestria l’atmosfera desolante che caratterizza la Russia di quel periodo, un Paese in ginocchio che si rifiuta testardamente di rinunciare alla facciata ipocrita e opulenta esibita dalla sua alta società, sempre pronta a criticare e a imporre il proprio stigma su chi aveva la sventura di incorrere nella sua disapprovazione.

Non vi mentirò, non si tratta di una visione sempre facile, ma penso che sia inevitabile vista l’opera di partenza: gli episodi, soprattutto quelli iniziali, scorrono spesso lenti, quasi a voler riflettere il lento ma costante stillicidio a cui sono sottoposte le vite dei protagonisti.
La caratterizzazione dei personaggi è però superba e, superata una fase di straniamento iniziale, è impossibile non appassionarsi al destino dei giovani protagonisti.
Personalmente, pur nella loro diversità, ho apprezzato soprattutto le storyline della Principessa Marja e del Principe Andrej.

Se amate le serie in costume e se siete alla ricerca di qualcosa di breve ma significativo, “War & Peace” è decisamente la serie che fa per voi e vi saprà stupire con le sue ambientazioni, meravigliose nella loro desolazione, con uno splendido affresco della società russa del Diciannovesimo secolo e con un ritratto onesto e toccante della miseria dell’uomo (e della sua inarrestabile capacità di redenzione).

Un saluto alle pagine affiliate e a rileggerci tra due settimane!
Stay tuned, stay british addicted!

Gli attori britannici hanno rovinato la mia vita – British Artists Addicted – Sherlock Italy – Sherlock BBC Italia – Sherlock Italia – take care of Jenna Louise Coleman Italia – » Same old, same old just Jenna Coleman & Peter Capaldi – Don’t be a warrior, be a D o c t o r ϟ – Emma Watson Fans – Downton Abbey ItaliaThe Crown ItaliaAn Anglophile Girl’s DiaryBlends of Scotland, Ireland, UK: Ladies’ perfect Tea – The White Queen ItaliaBenedict Cumberbatch Italian Fans




Continua a seguire Telefilm Addicted su Facebook e Telefilm Addicted su Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news e iniziative.

WalkeRita
Giovane 23enne sulla carta d’identità ma con un passato tormentato e vissuto più di quanto voi possiate immaginare. Tutto è cominciato frequentando il liceo di Beverly Hills 90210 ma la vera epifania è avvenuta quando ha scoperto di avere poteri magici da dividere con tre sorelle in una splendida casa vittoriana. Ciò che segue è storia: ha cominciato a combattere i vampiri con una biondina esplosiva mentre nel tempo libero frequentava assiduamente gli alieni del New Mexico. Tra innumerevoli viaggi e incontri variegati, ha trovato la sua vera essenza solo in tre posti: una piccola cittadina del North Carolina, un negozio di elettronica intriso di Nerd e una missione ad alto rischio e tasso adrenalinico al fianco di un’agente Cia doppiogiochista, nome in codice: Fenice. Non ha mai smesso di visitare mondi e tempi diversi e quando credeva di non potersi più innamorare come era successo in un glorioso passato, è stata folgorata da uno scrittore e dalla sua musa, da un’angelica vendicatrice (che è QUASI certa di aver incontrato in una vita precedente) e da una Salvatrice e la sua famiglia. Tutto questo le ha ridato carica ed energia e l'ha fatta sentire inarrestabile: si è persa in uno strano Magazzino del South Dakota, ha ammirato un’affascinante scienziata appassionata di ossa, ha fatto persino una visita indimenticabile in un ospedale di Seattle ma quando ha notato che i dottori morivano più dei pazienti, ha deciso di andarsene, in cerca di nuove avventure. Ha trovato così i suoi alter ego: una geniale hacker conosciuta come Watchtower e una sorprendente artista di Broadway. Infine quest’estate si è iscritta ad una società segreta chiamata Divisione, ha viaggiato con mezzi alternativi come una cabina della polizia e si è resa conto di essere una piccola graziosa bugiarda. Può sembrarlo, ma non è pazza, è invece Folle per le serie tv, con il sogno impossibile di essere nata negli USA e con l’abitudine di sfogare questa passione scrivendo!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.