British Addicted | #22

Eccoci tornati per un nuovo appuntamento con le novità targate british.
L’estate sta finendo e pian piano le notizie cominciano ad arrivare sempre più numerose, dunque non perdiamo tempo e immergiamoci nelle atmosfere della televisione del Regno Unito.

Iniziamo ricordando che “Doctor Foster” tornerà sulla BBC One per la seconda stagione il prossimo 5 Settembre alle ore 21 (orario UK, le 22 in Italia).

Passiamo a parlare di Matthew Goode, che interpreterà un vampiro nel nuovo adattamento del romanzo “A Discovery Of Witches” per Sky. Le riprese inizieranno in questo mese di Settembre.

La storia vede come protagonisti Matthew Clairmont (che sarà interpretato da Goode, per l’appunto), un genetista che nasconde la sua natura di vampiro e gli oscuri segreti della sua famiglia, e Diana Bishop (interpretata da Teresa Palmer), una docente di Storia a Oxford, la quale, invece, è una strega. Le strade dei due si incroceranno grazie a un antico manoscritto del quale cercheranno di scoprire i segreti, muovendosi in un mondo in cui Streghe, Vampiri e Demoni popolano la realtà umana nascondendosi in piena vista e tra i quali esiste una fragile pace che sarà minacciata.
(Non so voi, ma io non vedo l’ora di ammirare Matthew Goode nei panni di un vampiro.)

Sempre per Sky, Noel Clark (il Mickey di “Doctor Who”) lavorerà con Ashley Walters per portare sugli schermi la coppia di poliziotti Bishop e Pike in “Bulletproof”. I due personaggi sono descritti come “due migliori amici, uniti dallo stesso codice morale, nonostante le loro evidenti differenze”.
Lo show andrà in onda nel 2018.

Torniamo in casa BBC, ancora una volta per la BBC One. L’emittente è al lavoro per portare sui suoi schermi l’adattamento del romanzo di John Preston, ex Arts Editor dell’Evening Standard e del Sunday Telegraph, dal titolo “A Very English Scandal”. Il drama, scritto da Russell T. Davies, sarà diviso in tre parti e vedrà nei panni dell’ex Primo Ministro Jeremy Thorpe (accusato di aver cospirato per uccidere il suo ex amante per la minaccia che questo rappresentava alla sua brillante carriera politica) nientemeno che Hugh Grant. Questa settimana è stato annunciato che Ben Wishaw vestirà i panni di Norman Scott (l’ex amante in questione). Gli eventi narrati si svolsero alla fine degli anni ’60.

Sempre in questa settimana è stato rilasciato il trailer dell’ultima stagione di “Black Mirror”, che sarà rilasciata su Netflix entro la fine dell’anno.

Sempre restando in casa BBC, BBC One ancora una volta, vi presentiamo il trailer di “Rellik”, nuovo drama in sei parti che parla di un serial killer e verrà prossimamente trasmesso sull’emittente ammiraglia della tv britannica.

E chiudiamo la parte inerente alle news sempre con quelle targate BBC.
Partiamo da “Come Home”, drama in tre parti che vedrà Christopher Eccleston nei panni del protagonista, un marito e padre abbandonato dalla moglie.
Lo show andrà in onda il prossimo anno.

Infine, lunedì mattina la BBC One ha rilasciato il trailer del drama “Gunpowder”, che andrà in onda questo autunno e che vede Kit Harington (famoso interprete di Jon Snow-Stark-Targaryen nell’acclamato “Game Of Thrones”, serie HBO adattamento della saga – incompiuta –  di G.R.R. Martin, “A Song OF Ice And Fire”) vestire i panni del protagonista, Robert Catesby, la mente dietro la Congiura delle Polveri, il piano (poi fallito) per far esplodere il Parlamento di Westminster il 5 Novembre del 1605. Harington sarà affiancato da nientemeno che Liv Tyler (Anne Vaux, la cugina di Catesby, da cui Harington ha rivelato di discendere) e Mark Gatiss (il capo delle spie, Robert Cecil).

(Qualcun altro vuole un film/serie con Richard Madden e Kit Harington nuovamente insieme? No? Solo io?)

Ci fermiamo qui per la parte relativa alle news e passo la parola ad Al per il consiglio di questa settimana.

Questa settimana la mia bacheca è stata piacevolmente invasa da Harry Potter memories in occasione del #19yearslater lanciato dalla Rowling per celebrare l’anniversario del primo giorno di scuola del giovane Albus Severus Potter – ma che ve lo dico a fare poi, che se siete fan di questa rubrica sicuramente non vi sarà sfuggito l’argomento! Ed ecco perché, anche in onore del buon vecchio Ron Weasley oggi la parte dei consigli è dedicata a Snatch.

Rilasciata la scorsa primavera da Crackle, Snatch prende spunto dall’omonimo film di Guy Ritchie del 2000 con Brad Pitt e Benicio Del Toro e racconta le vicende di un piccolo gruppo di giovani truffatori che, nel tentativo di sbarcare il lunario e prendersi una piccola rivincita sul boss locale, si ritroveranno invischiati in un affare molto più grande di quanto avevano previsto e che affonda le radici nel passato di uno di loro. Tutto quello che accade nel mezzo è una serie di avventure ai limiti dell’assurdo, sempre sul filo del rasoio  e condite da una buona dose di classico humor inglese: ci sarà azione, ci sarà romanticismo e non mancheranno momenti intensi, soprattutto quando si parla della splendida bromance fra i tre protagonisti.

Il cast è giovane e brillante, e ricco di volti noti. Il protagonista principale è Luke Pasqualino, il Freddie – tratteniamo le lacrime – di Skins, accompagnato dai migliori amici e compagni di malefatte Billy (Lucien Laviscount) e Charlie aka Rupert Grint. Il loro rapporto è senza dubbio uno degli aspetti migliori dell’intera serie: sono tre moschettieri, estremamente diversi l’uno dall’altro (Albert è il figlio del più famoso truffatore della città che cerca di uscire dall’ingombrante ombra del padre; Billy è un orfano con un background gipsy da riscoprire; e Charlie è l’erede di una nobile famiglia decaduta) ma indissolubilmente legati e pronti ad affrontare ogni cosa insieme e a sostenersi anche nei momenti più duri. Sono tre ladruncoli della domenica e si ritroveranno a far fronte a poliziotti corrotti, criminali di lunga data, trafficanti di merce rara e esaltati maniaci violenti – la loro unione sarà la loro forza e ognuno dovrà giocare le sue carte migliori.

Nemmeno le protagoniste femminili però sono da sottovalutare, soprattutto quella gran donna della signora Hill (Juliet Aubrey), l’unica forse in grado di tenere testa a quella mina vagante del marito Vic (Dougray Scott), ma che non disdegna la sua buona dose di rischio e di follia e che, richiamata all’azione, svelerà le sue doti nascoste da vera donna del boss, regalando lezioni di stile alle nuove arrivate Lotti (Phoebe Dynevor) e Chloe (Stephanie Leonidas). Belle presenze ma anche tanto, tanto carattere.

Un’ultima nota da ricordare e che potrebbe far gola a tanti addicted è la presenza di Ed Westwick nei panni di Sonny Castillo: una piccola parte da villain ma decisamente iconica –credetemi, quello sguardo da pazzo furioso vi farà morire dalle risate.

Nel caso in cui non foste ancora del tutto convinti qui vi lascio il link delle mie impressioni a caldo sul primo episodio, ma vi assicuro che questi 10 episodi meritano di essere visti!

Un saluto alle pagine affiliate e a rileggerci tra due settimane!

Gli attori britannici hanno rovinato la mia vita – British Artists Addicted – Sherlock Italy – Sherlock BBC Italia – Sherlock Italia – take care of Jenna Louise Coleman Italia – » Same old, same old just Jenna Coleman & Peter Capaldi – Don’t be a warrior, be a D o c t o r ϟ – Emma Watson Fans – Downton Abbey ItaliaThe Crown ItaliaAn Anglophile Girl’s DiaryThe White Queen Italia

 




Continua a seguire Telefilm Addicted su Facebook e Telefilm Addicted su Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news e iniziative.

Sam
Simona, che da bambina voleva diventare una principessa, una ballerina, una cantante, una scrittrice e un Cavaliere Jedi e della quale il padre diceva sempre: “E dove volete che sia? In mezzo ai libri, ovviamente. O al massimo ai cd.” Questo amore incondizionato per la lettura e la musica l'ha portata all'amore per le più diverse culture (forse aiutato dalle origini miste), le lingue (in particolare francese e inglese) e a quello per i viaggi. Vorrebbe tornare a vivere definitivamente a Parigi (per poter anche raggiungere Londra in poco più di due ore di treno). Ora è una giovane legale con, tralasciando la politica, una passione sfrenata per tutto ciò che all'ambito legale non appartiene, in particolare cucina, libri e, ovviamente, telefilm. Quando, di recente, si è chiesta in che momento, di preciso, sia divenuta addicted, si è resa conto, cominciando a elencare i telefilm seguiti durante l'infanzia (i preferiti: Fame e La Famiglia Addams... sì, nel fantasy ci sguazza più che felicemente), di esserci quasi nata. I gusti telefilmici sono i più vari, dal “classico”, allo spionaggio, all'ambito legale, al “glamour”, al comedy, al fantastico in senso lato, al fantascientifico, al “giallo” e via dicendo. Uno dei tanti sogni? Una libreria. Un problema: riuscirebbe a vendere i libri o vorrebbe tenerli per sé?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.