Image default
Blindspot Recensioni

Blindspot 3×01 – Io non ti conosco, io non so chi sei

Blindspot è tornato, e con esso anche le mie recensioni… non vedevate l’ora, lo so!

Ebbene, ve lo dico subito, questa première non mi ha entusiasmato, anche se ci sono delle cose che promettono bene, e inizio subito da quelle, che poi non sono altro che gli ultimi 2 minuti di episodio:

1. Patterson e Rich.com hanno una STORIA. Mi sentite urlare?!?

2. Tasha che è entrata nella CIA (e lo sapevamo che andava a finire così) e ha dei segreti tracciati nei nuovi tattoo di Jane.

3. Weller e Berlino: cosa sarà mai successo?!? Qualcosa di grave visto che cede al ricatto di Roman…

4. Jane che, appena sola in casa, nasconde documenti e soldi… perché?!?

Una première che ha gettato delle buone basi per il prosieguo della stagione ma che, a mio avviso, ci ha mostrato delle situazioni decisamente irreali anche per Blindspot. In primis l’assurdità della scena di Jane e Kurt che escono illesi dalla chiesa veneziana dopo aver sconfitto la decina di nemici che vi era all’interno… obiettivamente non è credibile.

Assurda anche, secondo me, la gestione del tempo: in men che non si dica i nostri eroi passano dall’Italia al Venezuela a New York, senza dormire, mangiare o che so io… o il tempo si è fermato o c’è un buco spazio-temporale che permette agli autori di spostare la gente in giro per il mondo senza che (loro stessi) se ne accorgano.

Spendo due parole anche sulla scena iniziale, molto bella e romantica, molto poco da Blindspot direi, che ci fa vivere il matrimonio e la vista post matrimonio di Kurt e Jane. Colori caldi e lucenti, sorrisi smaglianti, addii pieni di lacrime… tutto molto interessante, sarebbe stato anche bello vedere la loro vita prima del matrimonio, capire perché hanno deciso di andare in Colorado… forse lo vedremo nel mentre.

Una delle scelte che ho compreso appieno è stata quella di Patterson di allontanarsi dall’FBI, dopo tutte le cose che ha passato direi che quella di andarsene letteralmente in un altro stato era la scelta migliore! Eppure lei, Tasha e Reade mi erano davvero mancati tantissimo, loro tre INSIEME sono davvero bellissimi, affiatati e uniti. Certo, adesso, dopo un anno intero separati avranno sicuramente preso strade diverse, ma nonostante questo non si può dire che non siano le stesse persone: sono ancora le stesse persone, solo con un passato proprio non condiviso, ancora.

Devo dire che anche la storia dei nuovi tattoo mi sembra un po’ forzata… Roman ha fatto tutti i disegni luminescenti sul corpo di Jane in due giorni, due giorni in cui Jane sa di essere stata incosciente e NON ha minimamente pensato che potesse esserle successo qualcosa di strano, ma quando mai?!? Come minimo doveva immaginarsi che ci fosse qualcosa sotto.

In mezzo a tutto questo io sono convinta che Roman dimostrerà di NON essere il cattivo vendicatore che ci vogliono propinare, deve essere dalla parte giusta, DEVE. Non può essere lui il cattivo della stagione, non avrebbe senso, o meglio, sarebbe una storia già vista.

QUESTO E QUELLO…

Jane con i capelli lunghi per me è un po’ un grande MEH… non sembra Jane ma Remi, io spero che se li tagli presto.

Rich.com, lo ADORO, lui e Stuart e in generale lui e l’FBI sono la vera nota positiva della stagione, spero che gli autori non gli facciano fare qualche caxxata nelle prossime puntate, ora che è entrato nel team spero ci rimanga per un po’. E poi c’è la sua storia con Patterson… ce l’avevano presentato come gay e invece… è bisex, MI PIACE. MOLTO.

Infine, la storia di Jane e Weller… per me è stata tirata troppo, non è stata caratterizzata, è andata troppo di fretta, troppo, e non ci hanno fatto vedere il disagio crescente di Jane e, proprio per questo, il discorso di Jane prima, e di Weller dopo a mio avviso è uscito un po’ dal nulla e poco contestualizzato… che poi alla fine hanno risolto e si sono riavvicinati, e va bene così… forse.

N.B. ma la scena in carro armato?!? Parliamone. Anzi NO.

P.S. Reade capo dell’FBI? Seriamente? Ma non doveva andare a insegnare a Quantico?!? Devono esserne successe di cose…

Vi lascio con il promo del prossimo episodio, intitolato  “Enemy Bag of Tricks

 

 

Related posts

Star-Crossed | Recensione 1×03 – Our Toil Shall Strive To Mend

Jules

Ask Ausiello | Scoop su New Girl, American Gods, Big Little Lies, Will & Grace e tanti altri!

FeFraise

Doctor Who | Recensione Christmas Special – The Time Of The Doctor

Lu

6 comments

Marianna 29 Ottobre 2017 at 22:37

Non vorrei dire una fesseria ma credo si siano trasferiti in Colorando per permettere a Kurt di stare vicino a sua figlia: mi sembra Allie si fosse trasferita li per lavoro.
In questa première ci sono state parecchie scene assurde ma secondo me questa è proprio una caratteristica (non esattamente positiva) di Blindspot: ricordo una scena della seconda stagione in cui Kurt ha fermato un camion con materiale radioattivo o qualcosa del genere semplicemente piazzandocisi davanti, come se fosse Hulk o qualche super eroe Marvel.
Mi dispiace che non ci abbiano mostrato come si sia sviluppato il rapporto tra Jane e Weller ma ci abbiano mostrato già tutto bello e fatto, forse ci saranno dei flashback nel corso delle puntate.
Anche secondo me Roman è un cattivo a metà, lontanissimo dalla spietata Shepard.
Rich e Patterson: primo premio come coppia più improbabile del tempo, ma lui è simpaticissimo quindi forse mi faranno appassionare alla loro storia.

Reply
Gnappies
Gnappies_mari 1 Novembre 2017 at 00:46

Ciao marianna, ci ritroviamo!
Avevo immaginato fossero andati in Colorado per la bambina, sarebbe però stato bello vederlo spiegato e concretizzato…tutta quella parte è stata sì riassunta, ma in modo troppo grossolano, a questo punto come dici spero in flashback..
Rich e patterson davvero sono una coppia improbabile (lui chiaramente omosessuale) ma alla fine proprio per questo mi piacciono, e poi lui è un po’ folle e può tirare fuori dal guscio patt (anche se decisamente si è incattivita, e ci sta visti i tradirsi!)… vedremo!
Alla prossima!

Reply
appassionato 30 Ottobre 2017 at 09:54

Credo sia il difetto principale delle serie tv di questo tipo: trascurare i rapporti interpersonali e/o stravolgerli del tutto come se niente fosse, a favore di continui segreti e colpi di scena per tenere desta l’attenzione del pubblico. Manca spesso una storia logica e armonica da seguire. Con questo episodio si ricomincia da capo, dandoci diversi motivi per capire come si è arrivati a determinate nuove situazioni, piovuteci addosso dal nulla. Personalmente tendo a preferire una storia che abbia un inizio, uno sviluppo e una fine (cit. Castle), qui invece vedo un guazzabuglio dove gli autori possono inventarsi di tutto, facendo quello che vogliono senza una logica. Mi ricorda molto Smalville, perfetto all’inizio ma ben presto trasformatosi in un calderone talmente pasticciato e senza freni che ho dovuto smettere di seguire. Mi sa che purtroppo siamo sulla stessa strada. Possibile che non si riescano ad unire suspense con il progredire di storie interessanti?

Reply
Gnappies
Gnappies_mari 1 Novembre 2017 at 00:40

Purtroppo quello che rilevi è stato il principale difetto della scorsa stagione: un sacco di storyline tutte buttate lì, fondamentalmente a caso, alcune di potevano del tutto evitare. E ci è andata di mezzo la trama orizzontale che nella sua idea era pure buona: peccato sia stata sviluppata coi piedi (e sono educata).
Le scene alla terminator tipo loro che escono indenni tutti fighi dalla chiesa mi fanno storcere il naso, così come quella sul carro armato… preferisco tengano un andazzo così approfondendo la trama orizzontale che avere approfondimenti sui vari personaggi fatti male e senza capo né coda… vedremo, diciamo che gli ultimi due minuti di episodio fanno sperare almeno sulla trama. Speriamo!

Reply
alan 31 Ottobre 2017 at 16:48

Serie trash come poche, finché si tengono sul “fracassone”tutto sommato va bene, basta che ci risparmiano galli pseudo approfondimenti psicologici tipo la terrificante storia Reade-cocaina dello scorso anno. È chiaro che si è deciso per un nuovo inizio,vedi il ripetersi dell’uscita di jane dalla borsa. Non mi è piaciuta granché la gestione di nuovi tatuaggi con Jane che ricorda,quasi en passant,di essere stataincosciente per un po’. Avrei preferito una soluzione del tipo “ehi quando ti sei fatta fare i primi tatuaggi ne abbiamo inserito altri a tua insaputa che si vedono solo quando si illuminano”.

Reply
Gnappies
Gnappies_mari 1 Novembre 2017 at 00:35

Concordo decisamente su tutto. Non la definirei trash in senso stretto però fondamentalmente l’impronta data non è di approfondimento psicologico, un accenno sì ma basta. La storia di Reade dello scorso anno inserita totalmente a cavolo, sarebbe stato meglio dare più spazio ai piani (rivelatisi poi una cacata pazzesca) di sandstorm… alla prossima puntata!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv