Image default
Arrow Recensioni

Arrow | Recensione 1×05 – Damaged

Lo avevo detto nella recensione della puntata precedente che era davvero strano che Oliver si fosse fatto scoprire così presto. E infatti aveva pianificato tutto. Prima che qualcuno potesse mettere insieme i pezzi (il vigilante che compare proprio quando lui ritorna a casa), Oliver decide di agire di anticipo in modo da poter controllare gli avvenimenti. E parte fondamentale della sua manovra è Diggle, come si può vedere dalla foto, che per scagionare Oliver dalle accuse prende il suo posto nelle vesti di The Hood.

Oliver decide di farsi rappresentare da Lauren, scelta comprensibile dato che il suo principale accusatore è il detective Lance, il padre. No, non vi fate illusioni, non lo ha fatto per potersi riavvicinare a Lauren, sembra ormai rassegnato al fatto che fino a quando avrà la sua vendetta da portare avanti, loro due non potranno stare insieme. Per provare la sua innocenza a Lance, Oliver gli propone di sottoporsi alla macchina della verità anche se si capisce fin da subito che la richiede solamente perché è consapevole di poterla battere.

Durante l’interrogatorio con la macchina della verità Oliver rivela sia a Lance che a Lauren che sull’isola non era da solo e che era stato torturato. Torture che gli hanno procurato delle cicatrici sul 20% del suo corpo.

Ma non è tutto oro quello che luccica. Anche se in un primo momento sembra che la decisione di Oliver di ricorrere alla macchina della verità sia stata un successo, questa gli ritorna indietro come un boomerang, quando Lauren si rende conto, da un piccolo dettaglio, che Oliver era riuscito ad aggirare la macchina.

Non sono mancati i flashback dell’isola. Scopriamo che Oliver, dopo poche settimane del naufragio, viene catturato degli uomini in divisa nera (quelli che si erano visti anche nelle scorse puntate). Questi lo torturano per riusce ad estorcergli delle informazioni sul suo maestro (per il momento lo chiameremo così) ma incredibilmente Oliver riesce a resistere a tutto senza tradire la persona che fino a quel momento si era preso cura di lui. Questo un po’ mi ha sorpreso. Da quello che ci avevano detto, Oliver doveva essere un ricco ragazzo viziato, e dato che era passato poco tempo dal suo arrivo sull’isola, non può essere cambiato molto in così poco tempo. Quindi o non era così debole il ragazzo che cinque anni fa naufragò o l’isola lo ha cambiato molto, ma molto, velocemente.

Come ho accennato prima, il piano di Oliver prevedeva che Diggle, indossando i panni di The Hood, si facesse vedere in giro per la città, mentre lui se ne sarebbe restato a casa agli arresti domiciliari. Ma per fermare una vendita di armi illegali, Oliver è costretto a far gestire la situazione a Diggle. Quest’ultimo si dimostra subito pronto a combattere il crimine, non che avessimo qualche dubbio essendo lui uno delle Forze Speciali, ma è comunque rassicurante vedere che non ha avuto bisogno di un ulteriore addestramento da parte di Oliver per poter operare fin da subito al meglio.

La mossa di Oliver si rivela alla fine vincente. Viene di fatto assolto dall’accusa di essere il vigilante di Starling City, non prima che l’”Uomo Ben Vestito” attenti alla sua vita.

Come abbiamo visto negli scorsi episodi, l’”Uomo Ben Vestito” aveva capito che gli obiettivi di The Hood non sono semplicemente i ricchi di Starling City ma sono tutti quelli presenti nella Lista, e di conseguenza voleva porre fine al problema. La cosa però non ha lasciato indifferente Moira (anche se lei sembra coinvolta nel naufragio nella nave) che intima l’”Uomo Ben Vestito” di lasciare in pace la propria famiglia.

Anche Walter (Colin Salmon), il marito di Moira, inizia a capire che c’è qualche cosa che non va con la sparizione di Oliver e del padre cinque anni fa e con quello che sta accadendo ora, tanto da arrivare a lasciare(almeno per il momento) la moglie per riorganizzarsi le idee.

Anche questo episodio non delude le aspettative. Oliver si dimostra sempre più un freddo calcolatore disposto a tutto pur di completare la sua missione. Vedremo se Diggle riuscirà a tenerlo con in piedi per terra, se lo aiuterà a prendere le giuste decisioni o se prima o poi arriveranno allo scontro diretto.

Related posts

Homeland | Recensione 3×09 – One Last Time

La Ale

Dominion | Recensione 2×03 – The Narrow Gate

Sam

The Following | Recensione 1×09 – Love Hurts

Sarella

4 comments

Gio.Spike 9 Novembre 2012 at 11:14

Questo show è una PERLA, magnifico sotto tanti punti di vista… non sembra neanche della CW xD

Reply
Prince
Luca87 9 Novembre 2012 at 11:31

La più bella novità della stagione! Ogni episodio è più bello dei precedenti!

Reply
AndreaT 9 Novembre 2012 at 11:54

Bella recensione…Secondo me nn passerà molto prima che Diggle si scontri con Oliver…la pensano in maniera totalmente diversa…

Reply
Francy 12 Novembre 2012 at 18:26

Questa serie è davvero pazzesca…la novità migliore che ci potevano dare in una stagione televisiva che ha offerto davvero poco e niente. Puntata anche questa magnifica!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv