Arrow 6×14 – Civil War a chi? Marvel levate proprio!

Dopo la pausa per le Olimpiadi eccoci tornati con una nuova puntata di Arrow e un nuovo dramma alle porte. Se prima i due Team erano in rotta, ma in qualche modo ancora civili, dopo questa puntata sarà guerra aperta, pianto e stridore di denti.
Nel grande schema delle cose, diciamo che questa puntata è stata molto inutile (mi spavento da quante settimane sto dicendo questa cosa). Ci siamo ritrovati nel mezzo di una Civil War tra i nostri due Team, che si divertono a farsi lo sgambetto a vicenda e vedere chi riesce a tradire gli altri nei modi più irreversibili.
  

Il nuovo Team sbrocca e si fa trascinare da Dinah, che ormai ha i paraocchi e il suo unico scopo nella vita è uccidere Back Siren (anche se, sinceramente, dopo la quantità di miele tra Laurel e Quentin, mi viene voglia anche a me di spararle un colpo in testa). C’è anche da dire che pure il Team Arrow non è brillantissimo, prima si fa piantare una cimice addosso e poi decide di proteggere Black Siren solo perché ha la faccia di Laurel e perché Quentin va in giro piangendo e spargendo parole di padre dal cuore infranto in favore della figlia.
CI SIAMO TUTTI DIMENTICATI QUANTE PERSONE HA UCCISO?
Se andate in giro a mettere in prigione i cattivi, allora fregatevene se una ha la faccia della vostra amica del cuore ma va in giro ad ammazzare la gente!

Comunque, per metà della puntata volevo prendere a sprangate Quentin per fargli salire un po’ di sangue al cervello. Addirittura ad un certo punto ha iniziato un bel discorso stile Disney a Laurel: “Tu puoi fare quello che vuoi nella vita, Laurel. Puoi decidere tu. Sei l’artefice del tuo destino e bla bla bla” e mi aspettavo qualche uccellino che cantava o robe del genere.

Dinah, era uno dei mei personaggi preferiti ma ora ha veramente perso qualche venerdì e inizia a starmi sui nervi. Non picchi a sangue uno che è sempre stato dalla tua parte, non costringi la gente a ferire quasi mortalmente un tuo amico e non ti inventi scuse plausibili dicendo che vuoi salvare la città e invece vuoi solo ammazzare della gente.
Rene, dopo lo svarione del tradimento di Oliver, se ne frega di tutto. A momenti spara a Felicity, va in giro a minacciare i figli degli altri…Wee bello! Abbassa la crestina e magari ricordati chi cercava di aiutarti. Comunque adesso è lì quasi morto, quindi vediamo se lo sbattono fuori dalla serie o si riprende in modo miracoloso.

La cosa che, comunque, mi disturba di più è che questa guerra tra i due Team è insulsa!!! Vogliono tutti le stesse cavolo di cose! Perché dobbiamo distruggere dei bellissimi personaggi per farli diventare i più crudeli possibili quando in questa stagione avevamo quindici mila cattivi pronti a distruggere tutto?

Ora, io voglio chiedere a Marc: Tesoro, dimmi perché cavolo stai scrivendo delle puntate così inutili che pure io, che difendo sempre a spada tratta la serie, mi sto rompendo le balle? Qual è la ragione? Pensi che più personaggi odiamo meglio è? Pensi che quando alla fine i due Team si metteranno insieme per sconfiggere Diaz, noi fan dimenticheremo tutto e saremo felici? Ti sei accorto che hai infilato troppi personaggi belli e, quindi, ora li rovini per farne morire qualcuno senza che i fan si lamentino? Spiegami, davvero! Perché la prima parte della stagione è stata una bomba e ora l’unico ordigno esplosivo che voglio vedere è quello che piazzerei a casa tua.

Questa settimana è un po’ inutile fare TOP e WORST perché ho un solo momento bello (la scena della Queen Family è stata la mia unica gioia della settimana) e il resto è brutalmente bocciato.

Ma….cheer up! Prossima settimana TORNA ROY HARPER!!!!!!!!




Continua a seguire Telefilm Addicted su Facebook e Telefilm Addicted su Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news e iniziative.

Kingarthurswife
Laureata in Lingue per le Relazioni Internazionali, sta per iniziare la magistrale in Traduzione. Il suo sogno sarebbe tradurre per l’editoria o per il cinema, ma anche lavorare per l’UNESCO non le farebbe schifo. Intanto è amministratrice di un blog letterario bookishbrains in cui, con un gruppo di amiche, recensisce libri e scrive articoli. Il tempo che non passa a leggere, lo usa per guardare una moltitudine indecente di serie tv. Ha un’adorazione per i supereroi (e i super cattivi) quindi le sue serie preferite sono sicuramente Arrow, The Flash, LOT, Supergirl e Agents of Shield. La intrigano da morire i polizieschi e legal dramas come Castle e Suits e non disdegna le serie storiche. Sherlock è la sua passione e Outlander la sua droga. Pensa che la vita dovrebbe essere tutta un musical e ancora rimpiange la dipartita di quella genialata che era Galavant. Spoiler-addicted, un giorno sogna di andare al Comic Con di San Diego (e ci riuscirà!!!).

2 Comments

  1. Federicuccia

    5 marzo 2018 at 12:56

    ora dirò cose cattivissime ma, non era meglio se ci restavano secchi a Lian Yiu? quei tre decelebrati intendo!

    a parte Renè che quasi spara a Felicity (e lì davvero Oliver avrebbe dato di matto! con ottimi motivi) ma Curtis che hackera il braccio di Diggle, cioè immaginiamo se avesse fatto la stessa cosa al chip di Felicity!
    l’avrebbe privata dell’uso delle gambe!

    ma qua siamo alla follia più assurda! ah Curtis a sto punto tu marito ha fatto bene a mollarti e che cavolo
    io fossi la figlia di Renè mi vergognerei, il “padre” che pensa a tutto tranne alla città dove entrambi vivono, e a lei soprattutto! forse la botta contro l’albero l’avrà fatto rinsavire? non credo
    Dinah, vabbè lasciamo perdere che è meglio

    puntata brutta e assurda appunto

    • Kingarthurswife

      Kingarthurswife

      12 marzo 2018 at 16:08

      Speriamo che questa puntata sia l’apice della stupidità e che la situazione cambi dalla prossima.
      Sarò ottimista ma spero sempre che la situazione si metta a posto senza troppi risvolti negativi. Comunque sì, è stata una puntata surreale per quanto riguarda i nuovi membri!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.