Image default
American Horror Story Recensioni

American Horror Story | Recensione 5×10 – She gets revenge

Interessante, Interessante, Oh.. Interessante! HOOOOOLYYY SHIT!
Questa punta di AHS mi ha fatto veramente girare la testa. Non posso definirla sublime o indimenticabile, ma sicuramente il livello si è alzato al punto tale da attrarre la mia attenzione.

L’intro che mostra due dolci nonnini che decidono di farla finita è stato decisamente agrodolce: vediamo ancora una volta quell’umanità, quella dimensione che ormai manca al Cortez, quella sensazione che molti degli abitanti dell’hotel hanno dimenticato. Molti, ma non tutti. Liz Taylor torna ad essere protagonista di questo episodio; nel percorso che credeva l’avrebbe portata a chiudere i conti.
Sciolto ed interessante è stato l’incontro con il figlio che, beh onestamente avrebbe potuto avere una brutta reazione, ma sono stata sorpresa in positivo quando Douglas ha deciso di dire a Liz che c’è un posto nella sua vita. Perdonare non è mai facile, ma tentare di farlo cercando di capire i motivi che hanno costretto il padre ad andarsene lo è ancora di più. Questo riavvicinamento inaspettato ha dato non solo a Liz un motivo per non suicidarsi, ma anche una ragione per ritrovare la libertà: non solo la libertà dai pregiudizi, ma questa volta la libertà di innamorarsi e di farsi amare dal figlio. Ed è proprio questa voglia di vivere che ci ha condotti ad un finale, ad un cliffhanger a dir poco inaspettato: Liz e Iris che, come due angeli vendicatori, tentano di liberarsi della donna che pur avendo regalato loro una nuova vita, non ha permesso loro di vivere. Ma perché la scena è tanto sorprendente? Okay tralasciando quello slow-motion sublime e quegli sguardi decisi, pronti ad ottenere vendetta; sono le motivazioni a sorprendere. Liz, come ho già detto, è pronta ad uccidere la donna che le ha fatto accettare la vera se stessa e Iris, disposta ad uccidere il figlio per arrivare ad un bene superiore, per vivere la sua rinascita.

tumblr_nznnadAvRw1unvhaho1_500

Quel figlio che ha dato decisamente il meglio di sé in quest’episodio: un Matt Bomer favoloso che ha dato vita alla versione migliore di Donovan, quell’addicted d’amore che per una volta, forse per la prima volta nella sua vita, ha avuto coraggio di combattere per la sua addictioin, di combattere per la speranza di essere visto sotto una luce diversa, di combattere per avere la possibilità di vincere.

La scena del duplice omicidio è stata semplicemente poetica: durata giusta, musica perfetta, battute azzeccate, ma soprattutto movimenti di macchina mozzafiato.

tumblr_nziu7riDcN1r72dfyo1_r1_500

tumblr_nziu7riDcN1r72dfyo2_500

Sebbene l’uccisione dei coniugi Valentino sia avvenuta per motivi diversi,la Contessa e Donovan si sono ritrovati al punto di partenza: soli, con nessun altro da amare, da volere, da cacciare E forse proprio in quel momento di disperazione e sconforto, FORSE, la Contessa è arrivata alla conclusione che Donovan è l’unico uomo che ha voluto sempre e solo lei, che avrebbe fatto di tutto per lei, persino uccidere l’uomo che lei reputava il suo unico vero amore per dimostrarle che lei ha potere completo su di lui. E il messaggio è chiaramente arrivato perché per la prima volta ho visto la contessa esitare.

BEH, come si può non esitare di fronte a questo spettacolo?!

Poco interessante è stata la parte di John. Alex l’ha cercato solo perché è opportunista e aveva bisogno d’aiuto, quell’aiuto che spera la possa salvare dalle grinfie della Contessa. Sally aveva, comunque, ragione: quando Alex scoprirà che John è il killer dei dieci comandamenti, lo respingerà di nuovo in quanto non lo riterrà adatto a fare il padre. Ma arriverà davvero quel momento? O Sally agirà facendoci avere un finale alla Murder House per la famiglie Lowe?
Puntata buona, ha intrattenuto e sorpreso. Voto: 8
Per news sulla serie passate su American horror Story ITALIA

Ecco il promo della prossima puntata in onda a gennaio!

Related posts

Outlander – La speranza è tutto

Ale

Serial Style | Makeup tutorial ispirati ad American Horror Story

almostviola

Blindspot | Recensione 2×16 – Evil Did I Dwell, Lewd I Did Live

Gnappies

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv