Image default
American Horror Story Recensioni

American Horror Story: Coven | Recensione 3×10 – The Magical Delights of Stevie Nicks

Coven torna dalla pausa invernale con un capitolo che intrattiene e confonde. Confonde non nel modo in cui ci ha abituati American Horror Story, ma in perfetto stile Ryan Murphy.

Per paragonare il tutto a qualcosa di conosciuto, vi cito Glee. Capita spesso che i personaggi diventino amici, nemici o amanti nel giro di un episodio – o anche meno – in questo caso Fiona e Marie sono diventate besties con la semplicità con la quale i personaggi muoiono e risorgono nello show.

Una svolta che nell’universo di Coven è credibile… ma che comunque fa un attimo storcere il naso, soprattutto dato il dualisimo che si è sempre posto al centro dell’excursus della stagione. Abbiamo sempre visto Fiona come la rappresentante del lato malvagio della magia, abbiamo sempre visto Fiona come il personaggio arrivista e come “villain” di Coven, mentre Marie ci è stata presentata come una donna d’onore, che difende il suo… e i suoi. In questo episodio c’è stato un po’ uno stravolgimento dei ruoli. Ci accorgiamo che in fondo, Marie non è poi così diversa da Fiona.

Il segreto della vita eterna di Marie non è la pietra filosofale o la divisione dell’anima, Lord Voldemort si era decisamente impegnato troppo, il segreto è il sacrificio di un’anima innocente. Una sequenza iniziale parecchio esplicativa e visivamente forte – e che mi fa vedere la Bassett sul palco degli Emmy – apre l’episodio e fa finalmente chiarezza.

Fiona non ha un’anima. Di certo non ci voleva l’evocazione di Papa Legba per capirlo. Particolarmente forte la scena dell’uccisione di Nan. Crudele, nello stile di American Horror Story… che non risparmia nessuno. Murphy ci ha assicurato che da qui in poi… nessuno risorgerà. Ci aveva anche assicurato che nessuno in Glee si sarebbe messo a cantare nei corridoi all’improvviso come in High School Musical.

Continua il Toto-Suprema. Se da una parte tutti credono che Misty sia la prescelta, con tanto di Stevie Nicks come premio – la mia Madison ha una teoria del tutto diversa. Anche perché i giochi sono riaperti: niente più soffio al cuore, e poteri come se piovesse. Apparentemente in questo episodio, tutti hanno acquistato nuovi potere. Le streghe di Charmed erano stronze che hanno avuto gli stessi per otto stagioni.

E mentre trovo assolutamente “in-character” la svolta di Madison che frega Misty, trovo assolutamente out of….. everything la nostra Zoe. Il suo personaggio mi era iniziato a piacere nell’episodio di Halloween, tanto da farmi arrivare a credere che sia la nuova suprema. La premessa di un amore alla Romeo e Giulietta per quanto riguarda i personaggi di Taissa ed Evan è finita nel libro “TUTTE LE BUGIE CHE VI HO RACCONTATO” di Ryan Murphy. Credo che a questo punto Zoe sia il personaggio meno interessante dello show, ed è un peccato, visto che avevo amato Violet nella prima stagione.

In realtà non riesco ancora a capire dove vogliano andare a parare, quale sarà lo scontro finale, chi ci sarà nel campo nemico. I cacciatori di streghe? Ci sarà effettivamente uno scontro Fiona Vs Marie? Ci sarà una guerra intestina nella congrega?

Un mistero, come è un mistero la scomparsa di Kyle.

stevie_nicks_american_horror_story_coven_set

Un episodio che poteva dare di più, che sicuramente, nello stile di American Horror Story, intrattiene visivamente… e anche musicalmente, grazie alle bellissime melodie di Stevie Nicks, ma che su alcuni aspetti non convince.

Voto: 7

 

Vi consiglio di diventare fan della pagina AMERICAN HORROR STORY ITALIA, una grande risorsa per tutti gli appassionati dello show.

Related posts

AHS | Parola alla nuova Suprema

Sunny_Blue

American Horror Story rinnovato per una sesta stagione!

Prince

Outlander 3×05 – Amore materno e Amore filiale

Sam

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.