Absentia | Il thriller di Stana Katic rappresenta una novità per Sony


Quando Sony Pictures Television Networks ha fatto debuttare la premiere di Absentia in anteprima mondiale al Monte Carlo Television Festival, lo scorso weekend, non ha voluto solo mostrare il primo episodo del thriller FBI, ma anche presentare il primo show sviluppato in proprio dal gruppo che gestisce i canali con il proprio marchio nel mondo.

“È la prima volta che sviluppiamo e finanziamo completamente un prodotto e ci siamo assunti dei rischi”, ha affermato la produttrice esecutiva Marie Jacobson.

È una nuova strategia per il gruppo a capo di network multicanale, che manda in onda da due decenni procedurali americani e drama sui suoi network internazionali, inclusi Sony Networks e AXN.

“A essere onesti, per poter commissionare i nostri contenuti originali, abbiamo dovuto cercare nuove e diverse modalità. Absentia rappresenta l’incarnazione di questa strategia”, ha aggiunto.

Lo show – in parte thriller, in parte procedurale, ma con un tocco di noir Nordico – ha come protagonista Stana Katic (Castle), agente FBI che fa ritorno dopo essere stata rapita per sei anni. Lo show andrà in onda sui canali AXN internazionali del gruppo e su Showcase in Canada, e sta cercando una rete americana, dopo il suo debutto presso i compratori agli L.A. Screenings.

“Abbiamo creato uno show prodotto in modo non tradizionale, che dimostra la nostra flessibilità come studio, il nostro focus globale e la nostra capacità di essere collaborativi e brillanti nel modo in cui gestiamo le opportunità presenti nel nostro gruppo di network e in quelle della distrubuzione”, ha spiegato Keith LeGoy, presidente del settore distributivo.

Lo studio ha attuato un approccio internazionale alla serie, arruolando attori internazionali che vengono perfino dall’Uruguay e dal Messico. Absentia è prodotto da Masha TV (Israele), il team che si è occupato della parte israeliana di Homeland, ed è diretto da Oded Ruskin (False Flag). È stato girato come un film indipendente per un totale di 62 giorni in Bulgaria (è ambientato a Boston), un set che Stana Katic ha definito il più collaborativo nel quale abbia mai lavorato.

“Tutto dipende dallo stile che Sony ha impostato. Hanno creato un sistema decisamente collaborativo“, ha detto l’attrice. “Ho avuto l’impressione che questo settore di Sony fosse aperto alla collaborazione in modo innovativo, perché è la prima volta che sviluppano un contenuto”.

Il personaggio ha presentato delle sfide di tipo fisico per Katic, che ha girato molte scene piena di sangue e percossa, e ha interpretato la maggior parte dei suoi stunt in uno degli inverni bulgari più gelidi.

“Il contesto ha aggiunto valore alla storia perché le location a nostra disposizione erano inusuali. Sembra Boston ma non completamente, e c’è una particolare atmosfera che si è aggiunta ai toni della storia, al thriller e all’elemento di suspance. Gli spazi naturali inviolati intorno a noi hanno davvero creato un certo tipo di tensione“, ha aggiunto.

Per quanto riguarda i procedurali, LeGoy si è così espresso: “Le reti tradizionali continuano a dirci che hanno bisogno di procedurali incredibilmente potenti che funzionano da decenni. I procedurali saranno sempre importanti per gli investimenti delle reti”.

Sony sta già duplicando la sua nuova strategia – ha già un secondo show con protagonista un attore americano molto famoso.

Fonte




Continua a seguire Telefilm Addicted su Facebook e Telefilm Addicted su Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news e iniziative.

Syl
Da piccola il suo desiderio era quello di guardare più serie televisive possibili e da grande il suo sogno si è realizzato al punto che per tenere il conto di tutte quelle che guarda, ha bisogno di una app sul telefono (e assolutamente solo in lingua originale). Devota alla lingua inglese, come se non esistesse altro al mondo. Divoratrice di libri da sempre, meglio se inglesi o americani. Vive gli hiatus come una catastrofe.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.