3 Buoni Motivi Per Vedere “The Kissing Booth”

Devo fare pubblicamente mea culpa: io a “The Kissing Booth” non avrei dato due lire e l’ho visto giusto perché era su Netflix e una sera non avevo niente da fare.
Questo film leggero e senza pretese, però, mi ha fatta assolutamente innamorare e mi ha lasciata a sbavare come un mastino napoletano all’idea di un secondo probabile capitolo.

Partiamo con un po’ di trama: Elle e Lee sono amici letteralmente fin dal giorno della loro nascita. Per preservare il loro rapporto hanno creato una serie di regole, fra le quali spicca la regola numero nove: i familiari sono totalmente off-limit dal punto di vista romantico.
Le cose si complicano non poco quando, complice uno stand dei baci, Elle finisce per entrare in contatto molto ravvicinato con l’affascinante fratello di Lee, Noah…

Ecco tre buoni motivi per dare una possibilità a questo film che è diventato il fenomeno dell’estate per gli appassionati telefilmici di mezzo mondo:

  1. Elle e Noah. La loro storia è scontata come un maglioncino di cashmere ai saldi di giugno, però, complice la chimica fra i due attori, riesce ad essere in qualche modo speciale e ad appassionarti con un’intensità che non avrei ritenuto possibile in un prodotto così leggero.
    Aggiungiamoci che Joey King e Jacob Elordi stanno insieme pure nella vita reale (nutro una seria preoccupazione per questo ragazzo, arriverà ai 30 anni con dei gravissimi problemi di scoliosi) e la ship è salpata a vele talmente spiegate che ormai credo si trovi da qualche parte a largo del Messico.
  2. Jacob Elordi. Questo punto non necessita nemmeno di essere commentato, le immagini parlano da sole (a voce molto alta, quasi in dolby surround).
  3. L’amicizia fra Elle e Lee. Quando ho visto il trailer del film per la prima volta, ho temuto che gli autori non avrebbero resistito e avrebbero finito per trasformare la storia in un noiosissimo triangolo. Nonostante tutto, invece, Elle e Lee rimangono sempre e “solo” meravigliosamente amici, praticamente fratelli, andando finalmente a ribadire il concetto che l’amicizia fra uomo e donna è realmente possibile e che solo perché due persone sono di sesso opposto non significa necessariamente che debbano finire a contorcersi fra le lenzuola come due felini in via di estinzione.

Punto bonus: l’incredibile imbranataggine della protagonista, novella Bridget Jones in versione adolescente, che finisce per mettere in imbarazzo se stessa in tutti i modi possibili e immaginabili, guadagnandosi l’affettuosa comprensione delle spettatrici di mezzo mondo, perché alla fine, volenti o nolenti, ci siamo passate un po’ tutte.

Questi sono solo alcuni dei mille motivi per cui ho amato questo film. Che ne dite, vi ho convinto a dargli una possibilità?




Continua a seguire Telefilm Addicted su Facebook e Telefilm Addicted su Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news e iniziative.

MooNRiSinG
Nata come Elisa, fin da bambina dimostra un’inquietante e insopprimibile attrazione per i telefilm e per il bad boy di turno. Le domeniche della sua infanzia le trascorre sfrecciando con Bo e Luke per le stradine polverose della sperduta contea di Hazzard. Gli anni dell’adolescenza scivolano via fra varie serie, senza incontrarne però nessuna che scateni definitivamente il mostro che dorme dentro di lei. L’irreparabile accade quando un’amica le presta i DVD di Roswell: dieci minuti in compagnia di Michael le bastano per perdersi per sempre. Dal primo amore alla follia il passo è breve: in preda a una frenesia inarrestabile comincia a recuperare titoli su titoli, stagioni su stagioni, passando da “Gilmore Girls” fino ad arrivare a serie culto quali “Friends” ed “ER”. Comedy, drama, musical… nessun genere con lei al sicuro. Al momento sta ancora cercando di superare il lutto per la fine di “Sons of Anarchy”, ma potrebbe forse riuscire a consolarsi con il ritorno di Alec in quel di Broadchurch…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.